mercoledì 16 gennaio 2019

UNA RIVOLUZIONE IN SOLI TRE METRI

Sono per l'esattezza 3,2 i metri complessivi di lunghezza di un'auto italiana che, nel tempo, è diventata una vera icona: la A112.
Come la Topolino, la Bianchina, la 500, l'auto progettata da Dante Giacosa per la Autobianchi negli anni '70 destinata l successo. Spaziosa (può portare 5 passeggeri), economica (consuma poco), brillante (un motore da 900 cc.), conquista subito il mercato al punto che se ne devono produrre 600 al giorno per fronteggiare la domanda.
Quando poi inizia la collaborazione con Abarth, nasce la 70HP, che sbaraglia tutti in pista e su strada.
L'A112 cessa di essere prodotta nel 1986 dopo aver toccato le otto serie di modelli ed un totale di auto vendute di 1,2 milioni di esemplari.
Oggi, però, è ancora un'auto molto richiesta per le gare di regolarità per auto storiche, dove non manca mai di occupare le prime posizioni. Inoltre, c'è addirittura un trofeo dedicato esclusivamente a lei.

martedì 15 gennaio 2019

LA MINI COMPIE 60 ANNI

Era il 1959 e le conseguenze della prima grande crisi petrolifera (chiusura del Canale di Suez) si erano fatte sentire pesantemente: l'Inghilterra, dopo aver razionato il carburante, prese il coraggio di assegnare alla British Motor Corporation il compito  di disegnare un'auto piccola ma in grado di trasportare bagagli e 4 persone, leggera e che consumasse poco.
Il genio che tirò fuori dal cilindro la soluzione fu Alec Issigonis, ingegnere greco-britannico che si inventò alcune soluzioni rivoluzionarie. Per prima cosa pone il motore in senso trasversale, poi riduce gli ingombri delle sospensioni, sfrutta l'olio sia per il cambio sia per il motore, sposta la batteria nel bagagliaio, realizza uno sterzo quasi verticale e, all'interno, riduce tutto al minimo indispensabile. Persino i vetri laterali sono progettati con apertura orizzontale per ridurre l'ingombro delle portiere. La plancia, poi, è di una semplicità e di una praticità sorprendente: è un cassettone porta oggetti.


Così ottiene una vettura simpatica e intelligente, dalle forme graziose e dai volumi interessanti, capace di portare comodamente quattro passeggeri e dotata di un baule generoso. Generosa lo sarà anche nel prezzo: inizialmente solo 500 sterline.
L'auto diventa un simbolo degli anni '60 e la macchinetta della Swinging London. prodotta sia come Austin Seven che come Morris Mini Minor, presto si arricchisce delle versioni commerciali furgoncino e pick-up. Ma il vero salto di qualità lo farà quando diverrà, quando arrivano le mitiche sportive targate Cooper, vincendo il Rally di monte-Carlo. Diventa allora un'auto non solo intelligente, ma anche estremamente competitiva, in grado di assicurare una tenuta di strada davvero eccezionale. In Italia arriva grazie all'accordo siglato dagli inglesi con la Innocenti per aggirare le barriere doganali, e sarà un successo. Alla fine degli anni '60 la British Motors si trasforma in British Leyland e la produzione della Mini continua come marchio autonomo, che agli inizi degli anni 2000 rivive dopo l'acquisto da parte della BMW. Ma questa è un'altra storia.

lunedì 14 gennaio 2019

10° Meeting Internazionale Opel Storiche



Si rinnova l’appuntamento in Italia, Sabato 18 maggio 2019, con il classico Meeting Internazionale per Opel Storiche giunto alla sua 10^ edizione. Questo imperdibile evento, nei cuori degli affezionati delle vetture con il simbolo del fulmine cerchiato,  si terrà a Mantova ed è organizzato dall’Opel Manta Fans Italy / Opel Fans Italy con il supporto del Club 8 Volanti, ed il patrocinio del  Comune di Mantova, di A.A.V.S e dell’Automobile Club Mantova.
Mantova è una città fortificata antichissima, sorta e quasi circondata da tre laghi. Le sue origini risalgono  ancor prima del periodo etrusco ma ancora oggi conserva importanti palazzi, chiese e piazze. Sarà proprio la grande e stupenda Piazza Sordello ad ospitare le Opel Storiche, le quali avranno uno sfondo unico: il maestoso Palazzo Ducale, una delle più estese ed elaborate regge d’Italia.
La manifestazione è aperta a tutti, appassionati e curiosi, che potranno ammirare, dalle ore 9.00 alle 18.00, un museo all’aperto composto dai veicoli che hanno fatto la storia di Opel. Le rappresentanze previste saranno non solo italiane, ma anche provenienti da tutta Europa. Tra i vari eventi in programma, i partecipanti avranno anche l’occasione unica di celebrare i 120 anni dalla nascita della prima auto costruita da Opel.
L’esposizione al “raduno statico espositivo” è ammessa per tutte le Opel a trazione posteriore costruite entro il 1986, previa iscrizione, entro e non oltre il 20 Aprile 2019.
RuotestoricheTV sarà media partner dell’evento. 
Per informazioni e prenotazioni :
Luciano Checcanin -       mantafans.it@tiscali.it           mob. +39 3683180377 - IT-EN-ES
Carlo Carugati        -       fz4sym@hotmail.com            mob. +39 3388890387 - IT-EN
Raimund Maly       -        raimundgt1900@gmail.com  mob. +39 3391361752 – IT-DE
Sito internet: www.opelfansitaly.com  
Su Facebook: Opel Manta Fans Italy

venerdì 11 gennaio 2019

ANCORA DUE SETTIMANE PER ISCRIVERSI ALLA WINTERACE!




L’appuntamento con la settima edizione della WinteRace, Superclassica ACISport per gli appassionati di regolarità classica tra le più attese del calendario invernale è dal 28 febbraio al 2 marzo 2019. la gara  verrà ospitata dall’elegante e intramontabile “Regina delle Dolomiti” Cortina d'Ampezzo e attraverserà panorami suggestivi: dalle dolci valli austriache agli imponenti passi dolomitici.
Agli equipaggi sarà riservata un’ospitalità a cinque stelle curata in ogni singolo dettaglio: prestigiosi e importanti i premi e gli omaggi degli sponsor, mentre piloti e navigatori si sfideranno a colpi di centesimi di secondo su 72 prove cronometrate e alcune prove a media.
Le iscrizioni alla Super Classica ACISport si chiuderanno il prossimo 28 gennaio. La partecipazione è riservata alle vetture d’epoca costruite entro il 1976.
La WinteRace entusiasma i concorrenti per l’aspetto sportivo che prevede prove a rilevamento con fotocellula e a media che movimentano la competizione, ma la gara prevede anche prove divertenti e impegnative su strade innevate.
Tra le novità dell’edizione 2019, venerdì 1° marzo, ci sarà la visita al Porsche Museum Helmut Pfeifhofer di Gmündin Carinzia/Austria e nella piazza centrale del piccolo paese sono previste delle prove cronometrate che entusiasmeranno il pubblico presente.
Nel museo si trova una collezione privata di 48 vetture, tra cui la 356 con la carrozzeria d’alluminio battuta a mano che ha il numero di telaio 20. Proprio in questa ex segheria sono state costruite le prime 50 vetture Porsche dal 1944 al 1950.
Sarà come fare un tuffo nel passato in uno dei luoghi che hanno dato vita ad un tassello di storia dell’automobilismo sportivo internazionale, un’occasione davvero esclusiva.
Le due tappe diurne avranno come scenario l’Austria/Ősttirol/Carinzia e le Dolomiti, patrimonio Unesco. Scenari che da sempre incantano gli equipaggi, motivo per cui ogni anno molti di loro hanno il piacere di ritornare alla WinteRace.
Il 1° marzo è prevista la tappa più lunga, quella che si svolgerà prevalentemente in Austria. La partenza da Cortina d’Ampezzo sarà alle ore 8.30 con rientro in città alle 17.30;  La gara vedrà le auto impegnate sui principali passi dolomitici, dal Giau al Pordoi, dal Sella al Gardena oltre al Furcia, novità del 2019.
All'interno della gara, competizione nella competizione, ci sarà anche il IV^ Porsche WinteRace, dedicato ad un massimo di 30 vetture Porsche che verranno selezionate dall’organizzazione e che per partecipare dovranno essere costruite dal 1977 fino ai giorni nostri.

AREZZO CLASSIC MOTORS : ECCO TUTTE LE NOVITA'


Sabato12 Gennaio 2019 aprirà ufficialmente alla presenza delle autorità locali Arezzo Classic Motors, l'appuntamento che apre la stagione delle fiere e delle mostre dedicate alle auto d'epoca. Arezzo Classic Motors, il più importante evento fieristico del Centro Italia legato al motorismo storico, proseguirà poi il 13 gennaio: si attende come ogni anno un numero crescente di espositori e pubblico.
L’anno scorso sono stati oltre 14.500 i visitatori che hanno varcato i cancelli della fiera, facendo registrare un incremento di oltre il 10% rispetto all’anno precedente. Appassionati contenti di tornare a casa con pezzi di ricambio difficilmente reperibili altrove come marmitte, fanalini, caschi e altro ancora, ma anche giovani e famiglie felici di trascorrere una giornata diversa a passeggio tra vetture d'altri tempi come trattori, auto, pullman e moto.
In oltre 20.000 metri quadrati di spazio espositivo diviso in 7 padiglioni tante le curiosità di quest’anno: moto giapponesi degli anni ’70 visitabili presso lo stand della Federazione Motociclistica Italiana, Land Rover militari e civili che hanno fatto la storia della casa automobilistica oltre a modelli di vetture agricole e di mezzi industriali.
Tra gli appuntamenti in programma segnaliamo quello di sabato alle ore 11.00 dove, presso lo stand della Polizia di Stato, si terrà l’inaugurazione ufficiale alla presenza delle autorità locali.
"Anche quest’anno ci siamo impegnati per far crescere la kermesse organizzando mostre a tema e appuntamenti che possano interessare i tanti visitatori che ogni anno partecipano alla fiera” racconta Stefano Sangalli, organizzatore della manifestazione; “dopo 21 anni l’entusiasmo e l’impegno nel cercare nuovi spunti e curiosità non sono mai venuti meno, anzi crescono grazie ai tanti riscontri positivi che abbiamo. Ci auguriamo che anche in questa edizione tutti gli sforzi vengano apprezzati."
Tra le novità ricordiamo il padiglione dedicato al modellismo, curato dall'Associazione Arezzo Modellismo, in cui si potranno ammirare plastici ferroviari creati da associazioni toscane, diorami e molto altro, la mostra sulla storia della A112 ABARTH organizzata dalla Scuderia Chimera Classic con cinque vetture da gara storiche esposte. Sempre presso questo stand si potrà ascoltare la storia della elettrica POLICAR-POLISTIL e verranno mostrate vetture slot moderne.
Il Club Saracino tratterà il tema “Gemelle Diverse”: stessa auto, ma diverso stile ovvero 4 coppie dello stesso modello di autovetture, dall’anteguerra agli anni ’70, nelle versioni coupé/coperta e scoperta: Fiat Balilla e Balilla Spider, Alfa Romeo Giulia GT e Giulia GTC, Fiat Dino Coupè e Dino Spider, Abarth 1000 Compasso d’Oro e Abarth 1000. Sempre qui domenica 13 gennaio alle ore 11.00 ci sarà la presentazione del libro “Sulle Strade della 1000 Miglia 2018” di Attilio Facconi che racconta il passaggio della celeberrima gara sul territorio aretino l’anno scorso.
Il Registro Fiat Italiano farà un approfondimento sul 40imo anniversario della RITMO di cui esporrà cinque vetture: RITMO 65, RITMO 105TC, RITMO ABARTH 130TC, RITMO TURBO DIESEL, RITMO CABRIO. Al pubblico verranno mostrati anche 2 modelli di FIAT anteguerra: la FIAT TIPO 3A del periodo che va 1912 al 1921 e la FIAT 1500 del 1937 (chiamata anche Musone, per via del davanti dell’auto).
La Ciabini Engines in collaborazione con il Moto Club Arezzo esporrà la famosa gamma di moto Honda Four: le quattro cilindri giapponesi che partendo dalla Four 350 attraverso la 400, la 500 e la CB 750 prodotte negli anni ’70 riuscirono a coprire quasi tutte le esigenze del mondo a due ruote su strada.

Per tutta la durata della manifestazione, invece, i giovani sotto i 12 anni, potranno entrare gratuitamente.
Per maggiori informazioni: www.arezzoclassicmotors.it
Orari  Sabato  8,30 – 19,00
Domenica 8,30 – 18,00
Ingresso:   € 12,00
Ufficio stampa:
Katia Cilia - katia.cilia@katiacomunicazione.it - cell. 338 6542291
Segreteria organizzativa:
Info:   Tel.   030.3755901
Mail info@arezzoclassicmotors.it

Arezzo Fiere e Congressi, Via Lazzaro Spallanzani, 23 - 52100 Arezzo

AL VIA IL CAMPIONATO DI REGOLARITA’ CON LA “COPPA CITTA’ DELLA PACE”

Toccherà anche quest'anno alla “Coppa Città della Pace” aprire le ostilità al Campionato italiano di regolarità per Auto Storiche ACI. L’appuntamento, organizzato dalla scuderia roveretana Adige Sport con il supporto di sponsor come Northlake Garda, Sicurtekno, Cantine Vivallis, Amateia e Logotex, si svolgerà sabato 23 febbraio. La Coppa Città della Pace, che ha festeggiato lo scorso anno le sue 25 primavere, sarà dunque la prima dei dieci appuntamenti della regolarità classica e l’unico del Nord Est: le gare si svolgeranno infatti in Sicilia, Lazio, nella Repubblica di San Marino, in Emilia Romagna, in Toscana, Campania, due volte in Lombardia e infine in Piemonte. Il calendario del 2019 annovera dunque tre gare in meno rispetto a quello precedente, un fattore che renderà la competizione fra i gentlemen drivers avvincente ed agguerrita sin da questa prima gara.
La novità più importante di questa 26° edizione della Coppa Città della Pace riguarda il percorso, del tutto innovativo (e segreto fino all’ultima ora). Baricentro dell'evento (che ha gravitato per tanti anni sulla città di Rovereto dove erano tradizionalmente allestiti quartier generale, partenza e arrivo) sarà questa volta l’elegante cittadina di Riva del Garda. Il trasloco è il frutto di una nuova collaborazione fra Adige Sport e Apt Garda Trentino, che si è proposta con entusiasmo per supportare la prestigiosa gara, intravedendovi interessanti opportunità di promozione turistica.

Rispetto alle edizioni precedenti va poi segnalato che quest'anno, per la prima volta, la gara è valida anche per il neonato Campionato Italiano di Regolarità per Auto Moderne, ovvero per tutte quelle auto immatricolate dopo il 1992. Trattandosi di una novità è però difficile prevedere quanti equipaggi aggiuntivi ci saranno al via a Riva del Garda: l’attesa comunque è forte anche per questa innovazione.
Il 23 febbraio le vetture partiranno dal Palacongressi di Riva del Garda e chiuderanno la propria galoppata a velocità rigorosamente controllata sul lago in Piazza 3 Novembre, una cornice davvero suggestiva per veicoli che in taluni casi vantano addirittura 80 anni di vita. Il tracciato proporrà ai concorrenti strade già battute in passato e altre nuove, mentre per quanto concerne la sosta per il pranzo la località prescelta è Fiavé. Sede delle verifiche tecniche e sportive del venerdì pomeriggio sarà il Grand Hotel Liberty di Riva del Garda, dove per due giorni si stabilirà anche la direzione gara.
Il percorso sarà lungo 200 chilometri e sarà costellato da 60 controlli a pressostato e cinque controlli orari. Fuori classifica, ma spettacolare per pubblico e concorrenti, sarà anche una impegnativa prova di media con soli tre controlli di passaggio che si svolgerà sulle strade del rally «Mille Miglia».
Ai vincitori andrà come sempre in dono un'opera di Luisa Bifulco: quella di quest'anno si intitola «Testacoda». Lo scorso anno a meritarsela furono due big della specialità, quali Mario Passanante ed Elisa Buccioni su Autobianchi A112 Elegant, che si misero dietro Luca Patron e Massimo Casale su Renault R5 Alpine e Valerio Rimondi e Lidia Fava su Porsche 911 Targa. La gara si distinse anche per aver raggiunto il nuovo record in tema di iscritti, ben 107. Per gli organizzatori dunque si partirà da questi numeri.

mercoledì 9 gennaio 2019

25 PRIMAVERE PER UN TROFEO



Festeggerà quest'anno il suo venticinquesimo appuntamento il Trofeo Primavera, la gara di regolarità per auto storiche organizzata dalla Scuderia Trentina Storica. Il Trofeo, che si svolgerà il 30 marzo, è iscritto a calendario ASI fra gli appuntamenti di maggior rilievo, e come sempre sarà motivo di grande divertimento per gli appassionati. Tante le piacevoli riuscite nelle passate stagioni, con gite e visite abbinate in luoghi di grande richiamo turistico del trentino, e persino un'abbinata con lo sci.
Ancora tutto da scoprire il programma di quest'anno, che riserverà senza dubbio grandi sorprese.

PARTENZA DA MILANO PER IL RALLYE MONTE-CARLO HISTORIQUE



Per la prima volta dal 1932 Milano ospiterà la partenza del rally storico più famoso al mondo. Venerdì 1 Febbraio le 65 vetture selezionate per la partenza da Milano partiranno al cospetto della Madonnina per una gara tanto leggendaria quanto impegnativa: il Rallye Monte-Carlo Historique. A queste si accoderanno anche le 25 auto partite da Atene nei giorni precedenti. Il programma prevede l'arrivo e l'esposizione delle auto già a partire da giovedì 31 gennaio, all'interno dei chiostri del Palazzo del Senato.
Venerdì 1 Febbraio, a partire dalle 15, l'area espositiva dei Chiostri sarà aperta al pubblico, che potrà così ammirare le 90 vetture: 65 che partiranno da Milano e 25 provenienti da Atene. Alle 18.00, davanti al palazzo dell'Automobile Club Milano in Corso Venezia, verrò dato il
"via" alla prima auto, seguita dagli altri partecipanti, uno ogni minuto fino alle 19.30, orario previsto di partenza dell'ultima auto proveniente da Atene. Le auto sfileranno poi nel centro città, con un controllo di passaggio e la presentazione al
pubblico in Piazza del Duomo.
L'organizzazione, curata da Canossa Events per l'A.C. Milano, ha costruito per i partecipanti un servizio di ospitalità all'altezza della città, offrendo anche esperienze gastronomiche tipiche e un ricco percorso culturale in attesa della partenza, nell'ottica di creare un'esperienza memorabile e di promuovere le eccellenze e le tipicità di Milano. Tutto questo anche grazie al prezioso contributo degli sponsor: Mafra e Alpine.
Ma non è tutto: in occasione del Rally, per chiudere le celebrazioni del 115° anniversario dell'Automobile Club di Milano, uno dei più antichi al mondo, l'organizzazione ha creato un raduno riservato alle auto che hanno fatto la storia del Rallye di Monte-Carlo. I partecipanti al Tribute per il 115° dell'A.C. Milano precederanno le vetture del rally, con partenza da Corso Venezia alle 17, per terminare con una parata in pista e la cena presso l'Autodromo Nazionale di Monza. Anche le auto del Tributo avranno l’onore di sfilare in Piazza del Duomo. Tra le auto del Tribute e le auto del Rally, il passaggio in Piazza Duomo sarà attivo dalle 17.30 alle 19.45 circa, uno spettacolo da non perdere!
Per maggiori informazioni e per iscriversi al Tribute è possibile contattare Canossa Events al numero 0522-421096 o alla mail rmch.milan@canossa.it (per informazioni sul rally) o tribute115@canossa.it (per informazioni e iscrizioni al Tribute 115° A.C. Milano).

martedì 8 gennaio 2019

FINALMENTE CONFERMATO : BOLLO DIMEZZATO PER LE VENTENNALI





Grande soddisfazione per Asi e per il mondo del motorismo storico. La Camera dei Deputati ha approvato il testo dell’emendamento presentato da alcuni Parlamentari dei partiti di maggioranza, riguardante il pagamento della tassa di possesso dei veicoli ventennali di interesse storico. Per cui, dal prossimo anno, tutti gli autoveicoli di età compresa tra i 20 e i 29 anni continueranno ad essere soggetti al pagamento della tassa di possesso, ma non più per intero bensì con la riduzione del 50%. Tale beneficio sarà applicato indistintamente a tutti i veicoli a condizione che siano stati riconosciuti di rilevanza storica (tramite il CRS rilasciato da Asi, FMI e Registri di Marca) e che tale riconoscimento sia annotato sulla carta di circolazione.
La riuscita è stata la conclusione di una corale ed impegnativa attività posta in essere non solo da molti esponenti politici del Governo del cambiamento, ma anche da semplici appassionati di veicoli storici appartenenti a club federati. L’obiettivo di Asi è stato ritenuto meritevole di attenzione e quindi condiviso e fatto proprio sia dalla Lega che dal Movimento 5 Stelle. Entrambe le forze politiche hanno ritenuto che la chiesta e ottenuta esenzione sia di grande utilità e di notevole stimolo per lo sviluppo del nostro Paese sia sotto l’aspetto sociale che sotto l’aspetto economico.
“E’ obbligo – ha detto soddisfatto il Presidente dell’Asi Maurizio Speziali – un ringraziamento pubblico  a quanti della maggioranza di Governo hanno collaborato al positivo risultato”.

lunedì 7 gennaio 2019

AUTO STORICHE PER I PIU' PICCOLI: BEFANA IN 500 AL GASLINI DI GENOVA


Si rinnova la tradizionale visita presso l'Ospedale pediatrico di Genova. Il 6 Gennaio le Befane sono salite a bordo delle mitiche storiche 500 per portare doni ai piccoli ricoverati.
Come da consuetudine, il 6 di gennaio un convoglio di cinquecentisti del Fiat 500 Club Italia provenienti da tutta la Liguria e dal Piemonte, si è recato all'Ospedale Pediatrico Gaslini di Genova per portare doni e sorrisi ai piccoli pazienti.
"Le visite al Gaslini ebbero inizio 21 anni fa" ricorda il fondatore del Fiat 500 Club Italia, Domenico Romano. "Da allora non abbiamo mai mancato un appuntamento e nel corso di questi 21 anni i rapporti con il Gaslini sono cresciuti, con grande soddisfazione per tutta la nostra associazione. Grazie alla sensibilità e all'impegno del Dott. Pierluigi Bruschettini, presidente de "La Band Degli Orsi", collaboriamo e siamo presenti in numerose occasioni, non solo nel periodo festivo. Usare le nostre 500 per fare del bene è ormai una parte fondamentale della nostra missione: sono moltissimi, infatti, i coordinamenti italiani del nostro Club che si impegnano in campo solidale e perpetuano anche in altre strutture italiane la meritoria tradizione di portare gioia a buonumore ai bambini che stanno passando un momento difficile".
Erano circa 80 le auto che hanno portato le Befane cariche di doni presso il Gaslini in un rumoroso e allegro codone che ha percorso le strade di Genova per portare gioia e ricordare l'importanza di tendere una mano.