martedì 31 ottobre 2017

XX^ EDIZIONE AREZZO CLASSIC MOTORS


Ad Arezzo Fiere e Congressi  il 13 e 14 Gennaio 2018

Per il ventesimo anniversario della manifestazione saranno tanti gli appuntamenti speciali
dedicati agli amanti del motorismo storico
La kermesse organizzata dalla società Alte Sfere sta per festeggiare i suoi primi due decenni e si conferma sempre una delle manifestazioni più attese fra gli appassionati del settore.  Tanti i pezzi introvabili di mezzi del passato che si possono acquistare, i veicoli d'epoca che si possono contemplare e i filmati con professionisti di prodezze al volante che si possono guardare. Solo per due giorni, gli ospiti potranno ammirare auto, moto, pullman, trattori e cicli d’epoca, ricambi e accessori per veicoli da collezione e ancora, modellismo, editoria specializzata, abbigliamento elegante e vintage, oggettistica e automobilia.
Lo scorso anno, i 20.000 i metri quadrati di superficie espositiva sono stati visitati da oltre 13.000 persone. La manifestazione ha registrato un incremento del numero di espositori che sono passati da 250 circa ad oltre 300, tra cui club, scuderie e registri storici.
Ad Arezzo è la cultura del passato automobilistico insieme alla vivacità degli scambi e all'interesse per i veicoli, il modellismo e l'abbigliamento vintage, a far da padrona.

Per maggiori informazioni: www.arezzoclassicmotors.it
Orari:  Sabato  8,30 – 19,00
Domenica  8,30 – 18,00
Ingresso:  € 12,00


Segreteria organizzativa:
Info:   Tel.   030.3755901 - Fax  030.2404909
Mail info@arezzoclassicmotors.it
 
Arezzo Fiere e Congressi, Via Lazzaro Spallanzani, 23 - 52100 Arezzo

Premiati a Padova i protagonisti del Trofeo A112 Abarth Yokohama



Per l'ottavo anno consecutivo, la cerimonia delle premiazioni del Trofeo A112 Abarth Yokohama, si è tenuta nell'ambito della rassegna Auto e Moto d'Epoca organizzata presso la Fiera di Padova. Il palco dell'Automobile Club d'Italia Aci Storico, ha visto alternarsi nei quattro giorni della mostra, numerosi ospiti e protagonisti del mondo delle auto storiche e tra questi anche i primattori del monomarca Autobianchi organizzato dal Team Bassano.

Dopo un doveroso ricordo di Alessandro Pepe, scomparso lo scorso giugno, sono stati presentati i numeri fatti registrare dalla Serie durante le sei gare che hanno visto sfidarsi le “scorpioncine”: gli equipaggi iscritti all'edizione 2017 hanno raggiunto la cifra di quarantacinque facendo registrare ben centonovantotto presenze con una media a rally che ha sfiorato le venti unità, superando abbondantemente i sedici e mezzo del 2016, confermando il trend positivo e l'apprezzamento degli equipaggi.
A consegnare i riconoscimenti, erano sul palco Nicola Borotto vicepresidente di ACI Padova, Federico Ormezzano vicepresidente della Commissione Auto Storiche e a loro si è affiancato il Presidente dell'Automobile Club d'Italia Angelo Sticchi Damiani che personalmente ha consegnato i trofei nelle mani dei vincitori Luigi Battistel e Denis Rech, di Raffaele Scalabrin ed Enrico Fantinato, secondi assoluti, e di Maurizio Cochis e Milva Manganone, terzi classificati. Sono stati, inoltre, premiati Massimo Gallione e Luigi Cavagnetto per la categoria “vintage”, Marino e Matteo Labirinti, vincitori del “Gruppo 1” e nuovamente Raffaele Scalabrin che ha primeggiato nella “under 28”.
Targhe ricordo sono state consegnate ai sostenitori del Trofeo, Auto e Moto d'Epoca Fiera di Padova, Yokohama, Studio Legale Quercioli e ai rappresentanti dei sei rally che nell'ordine erano: Vallate Aretine, Valsugana, Campagnolo, Lana, R.A.A.B. ed Elba.
In chiusura i saluti del Presidente del Team Bassano, Mauro Valerio, che ha dato l'appuntamento per la metà di gennaio per conoscere tutte le novità dell'edizione 2018.

Documenti e classifiche al sito web www.trofeoa112abarth.com



lunedì 30 ottobre 2017

AUTO E MOTO D’EPOCA 2017, ANCORA IN CRESCITA IL SALONE DELL'AUTO DI PADOVA



Grande successo per Auto e Moto d'Epoca, l’importante kermesse padovana, che quest'anno è stata già ribattezzata l’edizione migliore della storia (ma non è detto che non cresca ancora...). Trend positivo in tutti i settori, dalle case automobilistiche alle auto in vendita, dalla rarità e varietà degli accessori/ricambi ai Club di appassionati presenti. Salgono a 115.000 i visitatori, più di 30.000 le presenze esterne che hanno partecipato alle attività del Future Hub. Tantissimi gli stranieri, provenienti da tutto il mondo.

Grande successo dunque per questa 34ma edizione che mantiene le aspettative della vigilia. “L’edizione migliore di sempre” è il commento che risuona nei padiglioni della fiera, con grande soddisfazione di commercianti, collezionisti, case automobilistiche, pubblico e, ovviamente, degli organizzatori.   Grandi i miglioramenti anche nella viabilità esterna, negli spazi predisposti per i parcheggi e per le zone di carico e scarico, per gli spazi espositivi e per la struttura della Fiera stessa. ottima anche la predisposizione degli stand, con una cura particolare alla facilità di transito dei visitatori che, anche se numerosissimi, non hanno risentito di calche o ingorghi. E dire che il pubblico è cresciuto ancora, come da previsione, superando i 115.000 visitatori dentro i padiglioni della fiera e oltre 30.000 le persone che hanno visitato il Future Hub, l’area espositiva esterna dedicata alla mobilità del futuro. Premiata la scelta di affiancare presente, passato e futuro raccogliendo in un unico sguardo l’evoluzione dell’auto. 
Molto contente le case automobilistiche presenti, che hanno registrato una partecipazione entusiasta dei numerosi visitatori presenti. Come commenta Roberto Giolito, Head di FCA Heritage: “Qui sembra nascere l'auto del futuro, o meglio, quell' idea di veicoli e mobilità che rimane impressa nella retina e nella mente, attraversando le epoche e le invenzioni, le tecnologie e le scoperte che hanno cambiato le sorti delle automobili nel corso di più di un secolo di cultura del progetto e di passioni. Ma è soprattutto dal dialogo scaturito in questi padiglioni e nelle sale della Fiera di Padova, che quest'anno si è manifestata con chiarezza l'idea di un futuro positivo per l'automobile, senza "rottamazioni" culturali o ideologie avventate, ma grazie alle idee messe a disposizione dagli esperti e gli operatori da una parte, e dai giovani studenti e i loro progetti basati su condivisione e passione, dall'altra. Un'unione di intenti e una ricchezza di visione che solo lo spirito inclusivo e appassionato all'interno di Auto e Moto d'Epoca ha saputo realizzare come alchimia, un prototipo delle Fiere dell'automobile che verrà.”
Soddisfazione anche da parte dei commercianti. Volano in alto le automobili sopra i 100.000 euro, una testimonianza della qualità dei collezionisti e compratori presenti ad Auto Moto Epoca e provenienti da tutto il mondo. Trend positivo anche per le auto tra i 5000 e i 20.000 euro che confermano l’interesse soprattutto da parte dei giovani, sempre più interessati al mercato. Una fascia che interessa molto esperti e collezionisti e su cui hanno puntato molto gli organizzatori di Auto Moto Epoca con il progetto MyFirstClassic. Un progetto pilota su cui ha puntato gli occhi anche la FIVA, la Federazione Internazionale che si è riunita alla Fiera per il Forum annuale e che ha accolto come suo nuovo membro Intermeeting, la società organizzatrice della Fiera: “Il Forum ha avuto come focus principale le nuove generazioni e la loro partecipazione ed interesse sulla scena delle auto classiche - ha dichiarato il Presidente Patrick Rollet – insieme al progetto MyFirstClassic e all’Hackathon organizzato con l’Università di Padova. La FIVA è molto lieta di accogliere Intermeeting come nuovo Membro a supporto della nostra missione di proteggere, preservare e promuovere il patrimonio mondiale dell’auto”. 
Soddisfazione anche da parte dei responsabili di BONHAMS, la prestigiosa casa d’aste inglese tornata in Italia dopo più di 35 anni per un’asta che ha totalizzato 3.000.000, con in testa la Mercedes 300 SL Roadster del 1957 venduta a 897.000. “Abbiamo avuto degli ottimi risultati e siamo molto contenti della nostra prima partecipazione a Padova per Auto Moto d’Epoca” ha dichiarato Gregor Wenner, organizzatore di Bonhams. “L’asta ha ottenuto una partecipazione straordinaria e la quotazione raggiunta dalla bellissima 300 SL dimostra che il mercato italiano del collezionismo di auto rimane davvero molto forte”.
Molti i commenti positivi raccolti tra i padiglioni. Come quello di Adolfo Orsi, uno dei più grandi esperti di Maserati al mondo; o Donald Osborne, massima voce nel campo delle auto d’epoca; o ancora Mario Righini, grande collezionista e autorità in materia, presente alla fiera fin dalla sua prima edizione nel lontano 1983. 
Tra i dealer specializzati, prima volta per Richard Biddulph, proprietario di “Vintage&Prestige” che dichiara di tornare sicuramente il prossimo anno. Molto soddisfatto delle vendite anche Stefano Aleotti, co-fondatore di CellularLine e fondatore dell’atelier Ruote da Sogno “Siamo molto contenti di questa edizione, dove abbiamo venduto davvero molte macchine. Per me oggi Auto Moto d’Epoca è una delle fiere più importanti d’Europa, se non la più importante”.
ACI e ACI Storico si confermano sempre più partner strategici della Fiera padovana. L’emozionante mostra “Monza Experience” dedicata all’evoluzione della Formula1 e gli oltre 30 appuntamenti organizzati dimostrano la passione che “è da sempre il motore dell’auto”, dichiara il Presidente Angelo Sticchi Damiani. “Il successo di Auto Moto d’Epoca dimostra l’attaccamento degli Italiani alla tradizione motoristica che ci contraddistingue”. 
Tutti molto soddisfatti, quindi. E tutti pronti per la prossima edizione della Fiera. Appuntamento dal 25 al 28 ottobre 2018. 
“Il risultato di questa edizione ci rende molto felici e premia gli sforzi fatti insieme a Geo (Fiera di Padova) per creare una fiera unica in Europa – dichiara Mario Baccaglini, organizzatore di Auto Moto d’Epoca -. Quest’anno abbiamo riunito le auto più belle del passato, del presente e del futuro. A Padova e solo a Padova si possono vedere le auto che fanno felici tutti, dai giovani agli appassionati più esigenti. Tutti hanno visto come la fiera sia cresciuta come qualità delle auto e bellezza degli allestimenti".

ANCORA UNA TRASFERTA VITTORIOSA PER L'EQUIPAGGIO MOZZI-BIACCA



Ancora una volta una trasferta oltreoceano, la quarta (e non ultima) per questo anno, ancora una volta i colori italiani che trionfano a livello internazionale grazie a Giordano Mozzi ed a Stefania Biacca, reduci dalla Mille Miglia ... giapponese!.
E' stata la quarta partecipazione consecutiva alla MM Giappone per il famoso equipaggio mantovano, che in questo paese ha portato il fascino e le atmosfere della corsa tutta Italiana definita la più bella del mondo.
Una organizzazione perfetta, quella nipponica, ed una grande ospitalità oltre che riesce a mescolare storia e tradizioni di due luoghi così lontani, accomunati da questa passione per le auto d'epoca che potremmo definire unica. Storia e cultura, dunque, ma anche tecnologia e tradizione; e la gara, ovviamente, non può che essere speciale, come conseguenza di tutto ciò.
Ecco il racconto di Giordano e Stefania, che possiamo orgogliosamente definire amici, lasciatoo così come ce l'hanno inviato perchè possiate, leggendolo, provare le loro stesse emozioni e scoprire come ogni angolo del mondo sia ugualmente accogliente quando c'è vera passione.
"Emozionante e molto particolare la partenza della gara proprio dal centro di Tokyo, dal cuore dello stupendo Harajuku Park all'interno del quale vi è il Mejii Shrine, il Tempio dedicato all'Imperatore piu' amato di sempre dal popolo giapponese; toccante e da brividi la benedizione a tutte le vetture presenti al parco partenza, da parte dei sacerdoti shintoisti.
Grandissima tensione poi al via, che vede le auto transitare a fianco della Principessa Akiko, seduta proprio in corrispondenza del palco di partenza.
Nei primi chilometri di gara, attraversamento di Omotesando, una delle zone piu ricche e commerciali di Tokyo, con l'intera zona allestita con bandiere italiane in onore della "Corsa piu bella del mondo", per poi arrivare subito alla prima pc spettacolo nel parcheggio di uno degli sponsor dell'evento, Tsutaya Books, con davvero tanta gente ad assistere alla prova con tanto di speaker, tabellone luminoso e musica.
Usciti da Tokyo, non senza fatica per via dei grandi svincoli e raccordi autostradali, e sbagliarne anche uno solo significherebbe finire chissà dove, ci dirigiamo verso nord per arrivare ad un circuito stradale in montagna, nel sottobosco reso molto viscido dalla pioggia, con saliscendi molto guidati e curve in contropendenza; qui ci aspettano 11 pc molto tecniche e difficili.
Fatte queste adrenaliniche prove ci dirigiamo verso il fine tappa, posto nella bella città di Yuzawa, famosa località sciistica, dalla quale riportiamo il mattino seguente alle ore 7 per affrontare una serie colli con panorami e colori mozzafiato tra risaie tutte attorno a noi; molto affascinante il passaggio a Nagano, località di montagna dove si svolsero le olimpiadi invernali nel 1998.
In serata arrivo nella lussuosa città di Karuizawa, dove vi sono hotel di gran classe e una distesa infinita di campi da golf; ripartenza il mattino seguente alle ore 7 con temperatura attorno ai 5 gradi ed il ghiaccio sulle vetture; primi chilometri in una zona stupenda di vegetazione verde con spazi molto aperti, per poi infilarci all'interno di uno straordinario bosco attraversato da una strada lunga piu di 60 chilometri, tra i colori incantevoli dell'autunno giapponesi, con tutte le sfumature dei marroni, dei bordeaux, dei rossi, dei gialli....ogni metro di strada un punto di vista da lasciare a bocca aperta. Ogni tanto qualche blocco di prove, fatte da 4 o 5 pc e di tanto in tanto una prova spettacolo in paese, sempre con speaker, musica, pupazzi giganti, tabelloni e tanta tanta gente a fare festa; atmosfera magica e coinvolgente, soprattutto quando presenti anche i bambini dele scolaresche tutti con le bandierine del,Giappone o della MilleMiglia.
Nel pomeriggio transito a fianco del Monte Fuji, la montagna sacra per i giapponesi, vicino all,a quale vi sono le distese di meleti che in questo periodo hanno gli alberi carichi di stupende mele rosse e dalle dimensioni doppie rispetto alle nostre; incredibile vedere il carico sopportato da ogni ramo, che non a caso viene sostenuto da un palo piantato a terra. Una distesa infinita di mele, un colpo d'occhio e di colore mani visto: stupendo.
In serata arrivo nella turistica città di Hakone, famosa per le sue sorgenti naturali di acque termali, con hotel in riva al lago con vista da film.
Il mattino seguente, partenza in direzione Tokyo, per arrivare ancora in pieno centro all'Harajuku Park, dopo essere passati per il centro di Yokohama, stupenda città moderna ed affascinante coi suoi palazzi tecnologici e centri commerciali; ciliegina finale, prima del traguardo, transito e timbro a Ginza, probabilmente la zona piu lussuosa e commerciale di Tokyo, una via dove vi sono gli shops e le boutique (veri e propri palazzi) di tutti i brand e marchi piu famosi al mondo.
Gara di 4 giorni, lunga 1300 km circa e con 60 pc al centesimo di secondo; parte sportiva organizzata come la nostra regolarità classica, con solo alcune piccole differenze, tipo l'inversione dei cartelli gialli e rossi in corrispondenza dei pressasti che loro hanno rispetto a noi (quindi fare attenzione a non confondersi!!).
L'unica vera differenza è nel RoadBook, che rispetto ai nostri, non presenta i disegni (le vignette) dell'incrocio, ma il tutto viene solo descritto con poche righe in giapponese e con piccolo riassunto in inglese; nessun disegno a supporto. Qui devo fare i complimenti alla mia navigatrice, mia moglie Stefania, che anche questo anno non ha sbagliato nulla, portandosi addirittura dietro anche diversi equipaggi giapponesi, tra i quali ormai negli ultimi anni si è sparsa la voce "...segui la Biacca che non ti perdi...".
Il maltempo questo anno l'ha fatta da padrone, tanta pioggia e vento; gara quindi molto selettiva e tosta, che ha messo davvero a dura prova tutti gli equipaggi e tutte le vetture.
Tutto pero' e' stato come ogni anno impreziosito dalla solita squisita accoglienza ed ospitalità giapponese, anche con una cucina tipica locale davvero di alto livello ad ogni sosta, affiancata sempre anche con una raffinata cucina internazionale; tutto davvero al top".

Concludiamo noi ricordando che Giordano e Stefania hanno corso con una Triumph TR2 del 1952, ed alla fine hanno fatto il minor numero di penalità di tutti, arrivando poi secondi al traguardo finale per effetto del coefficiente basso rispetto a quello di vetture anteguerra in gara: una grande soddisfazione, visto che questo è il quinto podio della coppia in cinque gare corse in Giappone.
Con questa ennesima straordinaria esperienza alla MM Giappone, Giordano Mozzi e Stefania Biacca portano a quattro i loro podi all'estero in questo 2017, dopo aver colto il secondo posto alla gara di Mendoza in Argentina a marzo, il secondo posto ad aprile alla gara di Kyoto in Giappone e dopo la vittoria a fine agosto al Rally de la Montana a Cordoba ancora in Argentina.
Ora a Giordano Mozzi spetta un po' di meritato riposo, in attesa di un 2018 che auguriamo ancora più ... intercontinentale!

Viaggiare a Cielo Aperto : Omaggio dell’A.A.V.S agli anni Ruggenti alla Mostra Auto e Moto d’Epoca di Padova 2017






L’Associazione Amatori Veicoli Storici A.A.V.S. è stata fondata nel 1998 e, da quell’anno, è sempre stata presente con un suo stand alla Mostra Auto e Moto d’Epoca di Padova. Anzi l’assemblea costitutiva dell’Associazione si è svolta proprio presso la Mostra di Padova,  il 7 novembre 1998.
A.A.V.S. è federata alla FIVA (Fédération InternationaleVéhiculesAnciens) dal 2000 e, da allora, lo stand di A.A.V.S. è l’unico nella Mostra di Padova in cui campeggia, ben visibile il logo FIVA, tanto che molti visitatori sono indotti a pensare, anche per la rarità e il prestigio dei veicoli esposti, che si tratti dello stand ufficiale della FIVA e non di uno dei soli tre enti italiani riconosciuti dalla FIVA stessa. Questo è stato molto apprezzato dal Presidente FIVA Patrick Rollet che è stato presente a Padova per i primi due giorni di apertura al pubblico.

ULTIME NOVITA' DALLA WINTERACE


Appuntamento a Cortina d'Ampezzo dal 1 al 3 marzo 2018 per la Winterace, la gara d'auto d'epoca invernale tra le più attese della stagione.
Una delle novità del 2018 è il "ritorno" nelle meravigliose valli austriache durante la prima tappa, quella di venerdì 2 marzo, l'altra, invece, è la sosta e la presentazione delle vetture nel centro storico di Bressanone sabato 3 marzo.


Le iscrizioni alla Super Classica ACISport si sono aperte e chiuderanno il prossimo 3 Febbraio 2018.
La partecipazione è riservata a 80 vetture d’epoca costruite entro il 1976.
Visto il successo riscosso negli anni precedenti è riconfermata anche la Terza Porsche WinteRace dedicata alla partecipazione di un massimo di 30 vetture Porsche che verranno selezionate dall’organizzatore: storiche costruite dal 1977 al 1990 e moderne costruite dal 1991 ad oggi che partiranno in coda alla gara e avranno una loro classifica e premi dedicati.
Per l’aspetto sportivo si riconfermano 60 prove cronometrate e 4 prove di media distribuite su un percorso di oltre 400 km in due tappe diurne che vedranno protagoniste l’Austria/Osttirol e le Dolomiti.
Appuntamento quindi all'inizio di marzo. Gli equipaggi sono già pronti alla sfida.
Tutti gli aggiornamenti sul sito: www.winterace.it

4° RIEVOCAZIONE STORICA FIRENZE-SIENA



La Scuderia Cassia Corse 264 Storica, in collaborazione con l’Automobile Club Firenze, organizza per i giorni SABATO 14 e DOMENICA 15 APRILE 2018, la Rievocazione della gara di velocità su strada Firenze-Siena, che fu disputata il 25 ottobre 1954. Con il percorso inverso, Siena Firenze fu disputata un’altra gara il 1° novembre del 1953. Percorreremo la “mitica” via Cassia da Firenze a Siena.
L’ammissione delle auto è a insindacabile giudizio del Comitato Organizzatore.

PROGRAMMA SABATO 14 APRILE 2018 (PARTECIPAZIONE FACOLTATIVA):
Ore 15.00 – Ritrovo presso Relais “Borgo di Cortefreda”
Ore 15.30 – Partenza ed escursione Turistico-Culturale nelle colline del Chianti con visita alla Abbazia di Passignano e a una cantina locale.
Ore 20.00 – Cena di Gala Borgo di Cortefreda; serata con degustazione di prodotti locali.
PROGRAMMA DOMENICA 15 APRILE 2018:
Ore 8.30 – Firenze, Piazza Ognissanti consegna del materiale agli iscritti.
Ore 9.30 – Partenza in direzione Galluzzo – Tavarnuzze – San Casciano VP, sosta all’Officina Bellini, tappa della Mille Miglia. Tavarnelle VP – Barberino VE, sosta per l’aperitivo presso la Cantina Pasolini dall’Onda – Poggibonsi – Siena.
E’ una Manifestazione Turistica Culturale dove saranno previsti alcuni Controlli a Timbro con orario prestabilito. Una parte delle quote di iscrizione sarà devoluto alla Onlus – Associazione Gruppo Insieme di Greve in Chianti, che si occupa in particolar modo di giovani disabili supportandoli negli studi e nelle attività motorie.
Per info: www.cassiacorse.it , mail@cassiacorse.it

venerdì 27 ottobre 2017

VALLI E NEBBIE: LA DATA E' FISSATA

E' stata presentata oggi al Salone Auto e Moto d'Epoca l'edizione 2018 del Valli e Nebbie, una "classica" fra le manifestazioni più prestigiose per le auto d'epoca, organizzata dall'Officina Ferrarese.
La manifestazione si aprirà il 23 marzo con le verifiche ed il consueto appuntamento turistico a Ferrara. Le auto partiranno poi il 24 mattina dal centro storico di Ferrara per una due giorni piena di spunti culturali e degustativi, ma non mancherà anche la sfida sportiva, con più prove cronometrate, come sempre accompagnate dalla sola strumentazione meccanica, come è giusto che sia, vista l'epoca delle auto in gara. A questo evento partecipano infatti i più bei modelli storici rari e significativi  delle case automobilistiche di sempre.

SALONE AUTO E MOTO D'EPOCA: BATTUTO IL RECORD DI ESPOSITORI

Alla prima giornata di apertura già si ravvisa un grande successo per il Salone Auto e Moto d'Epoca di Padova. Battuto il record di espositori, e gli ingressi sono numerosi. Anche il giorno della preapertura di ieri è stato un successo.
Di rilevante interesse alcuni stand, fra cui quelli delle principali marche automobilistiche, e gli stand dell'ASI dove sono in corso molte conferenze e dibattiti.
interessante anche il padiglione che ospita l'ACI, tutto dedicato al Gran premio di Monza ed ai principali grandi eventi per auto storiche. Tutto pronto anche nel padiglione Bonhams dedicato alle aste.
Quest'anno il salone ha aperto le porte anche al futuro: sono infatti moltissime le presenze di auto ibride ed elettriche, con possibilità di raccogliere informazioni e prove, anche al di fuori del Salone Auto e Moto  d'Epoca.



lunedì 23 ottobre 2017

ACI e ACI Storico ad Auto e Moto d'Epoca-Padiglione 3



Sarà interamente dedicato al mondo ACI, l'area espositiva preparata al padiglione 3 della Fiera Auto e Moto d'Epoca di Padova. Nei quattro giorni di Auto e Moto d'Epoca,  ACI Storico interverrà in forma prioritaria, raccontando l'epopea della Formula 1 e del Gran Premio d'Italia. Questo sarà l'argomento caratterizzante la presenza in fiera del più grande ed antico sodalizio di automobilisti del Paese. Fitto anche il programma di eventi, presentazioni, dibattiti, talk show e premiazioni. Il Padiglione 3, da giovedì 26, a domenica 29 ottobre, sarà caratterizzato da tre "zone" con la storia del Gran Premio d’Italia di Formula 1 in evidenza. I bolidi che hanno fatto la storia della corsa italiana, saranno schierati in una virtuale griglia di partenza nella Monza Experience, dove sarà raccontata la storia dell’Autodromo di Monza e del GP d’Italia, organizzato da quest’anno direttamente dall’ACI. Selezionati visitatori potranno provare un'esperienza unica ed elitaria, grazie alla mostra dedicata alle vetture protagoniste delle varie epoche e al video-racconto appositamente realizzato. I Soci ACI Storico potranno provare l'ebbrezza della guida di una vettura da competizione al simulatore professionale Redway Technology, sullo storico tracciato di Monza comprese le curve sopraelevate. I cinquecento è più metri quadrati del grande stand ACI - ACI Storico, saranno poi in parte dedicati all'area degli incontri e dibattiti, quindi al salotto d'accoglienza e agli spazi espositivi dedicati ad Epoca Championship Campionato Italiano Grandi Eventi, ad ACI Global, al PRA Pubblico Registro Automobilistico che come ogni anno sarà presente con uno sportello per il rilascio del Certificato Proprietà Digitale. Tanti e articolati i temi che saranno affrontati durante i trenta incontri nell’arena del Padiglione 3 ACI - ACI Storico: dall'Inaugurazione del Salone, all'incontro con i rappresentati delle Case Automobilistiche; dalla giornata dedicata alla F1 ed al Gran Premio d'Italia, al Campionato Italiano Grandi Eventi 2017 e poi ancora "Ruote nella Storia" e "I Borghi Più Belli d'Italia; My First Classic; Classic Car Auction Yearbook 2016-2017; RIAR Registro Italiano Alfa Romeo; la nuova Sara Vintage; "Largo ai Giovani"; Rally,  Avventure senza tempo e poi le premiazioni dei campionati di regolarità e rally auto storiche. Senza dimenticare "Uno Scatto per il Gran Premio"

ASI IN FIERA A PADOVA DAL 26 OTTOBRE


L'automobilismo storico in Italia sarà rappresentato alla Fiera di Padova al Padiglione 4 da ASI.
Ricca di iniziative infatti la presenza di Asi  Automotoclub Storico Italiano ad Auto e Moto d’Epoca in programma dal 26 al 29 ottobre alla Fiera di Padova. Si inizierà giovedì 26 con alle ore 12 con Spazio ad Eni: presentazione della linea Agip Novecento; nel pomeriggio alle 15,30 Presentazione del progetto “Volandia e la collezione Asi Bertone”. Venerdì alle 12 breve storia della Harley-Davidson fino alla seconda guerra mondiale  a cura di Benito Battilani mentre alle 15.30 ci sarà la  presentazione della Guida Asi ai musei del motorismo storico in Italia a cura di Danilo Castellarin. La giornata di sabato inizierà alle 10 con Spazio Eni, e la presentazione della linea Agip Novecento. Alle 11 Luigino Barp (Responsabile Ferrari Classiche) intratterrà il pubblico sul tema : “Recupero e conservazione, la testimonianza di Ferrari Classiche”; alle 14.30 ritornerà a grande richiesta, spazio ai club con la proiezione  di filmati e la presentazione di alcune manifestazioni Asi organizzate da club federati. Alle 16 in occasione dei 70 anni Ferrari: il film Ferrari 312B con Mauro Forghieri e Paolo Barilla. Alle ore 17 sarà la volta di Fabio Luigi Rapi e il suo progetto Bianchina.
La giornata conclusiva di domenica sarà invece dedicata all’editoria di AsiService con la presentazione di tre nuovi volumi.
Motori Abarth Simca Bialbero 1000/1300/1450 cc di Gianfranco Bossù.
Questo volume, come i quattro che lo hanno preceduto, racconta la vera storia di un 4 cilindri Bialbero nato dalla volontà di un uomo, l’Ing. Hruska, che credeva profondamente nelle capacità tecniche del suo “Amico” e negli uomini che quest’ultimo aveva riunito in Abarth. Nata fra tante difficoltà questa avventura, anche se di breve durata, si magnificò con tantissimi successi e vittorie in tutta Europa.
Felice Nazzaro. Inarrivabile Campione del volante di Maliù Varano Moretti.  
Con le sue straordinarie vittorie conseguite nel 1907 nelle uniche tre grandi corse internazionali dell'epoca (Gran Premio di Francia, Targa Florio e Coppa dell'imperatore), con tre differenti vetture Fiat, Felice Nazzaro (1881-1940) divenne l'uomo simbolo della nascente industria automobilistica italiana e della Casa torinese. Iniziò come operaio per divenire presto collaudatore e pilota della squadra corse della Fiat. Attratto dal sogno di "mettersi in proprio" tentò poi l'avventura industriale creando una sua casa automobilistica, la Nazzario, che negli anni immediatamente precedenti la prima Guerra Mondiale raccolse qualche buon successo commerciale e sportivo. Ritornato in Fiat, Nazzaro riassunse il suo ruolo di collaudatore e di pilota, vincendo nuovamente il Gran Premio di Francia. Per molti anni, e fino alla sua morte, nel 1940, fu il responsabile finale del collaudo di tutti i modelli della Fiat.
Abarth 124  Spider – Passato e Presente  di  Elvio Deganello e Roberto Valentini.
Frutto della collaborazione tra ASI Service e Abarth Classiche, il volume “124 Spider passato e presente” è la rappresentazione di una storia che si ripete.  Nel 1966 la Fiat presenta la 124 Spider e, a distanza di 50 anni, nel 2016 propone lo stesso modello rivisto con canoni stilistici e tecnici attuali. Il libro racconta l’evoluzione della 124 Sport Spider nelle varie cilindrate e della 124 Abarth Rally e riassume in sette capitoli le loro vicende agonistiche. Infine percorre la genesi della nuova Abarth 124, dal design al debutto agonistico. I testi sono supportati da oltre 300 immagini dell'epoca e attuali, molte delle quali inedite.

A LAGO E COLLINE VINCE PACIARONI



Ancora una volta Lago e Colline, ancora una volta una grande partecipazione! Si è fermato a 60 il numero degli iscritti all'edizione 2017 del tradizionale appuntamento autunnale con la regolarità ASI proposta dall'HCC Verona il 22 ottobre. Ma il numero avrebbe potuto essere ben più alto: per garantire una buona riuscita dell'evento, infatti, gli organizzatori avevano posto questo limite al numero delle partecipazioni ammesse. Altrimenti sarebbero state ben di più. Un "chapeau" dovuto a questa gara che in pochi anni ha registrato una crescita poco comune fra gli appuntamenti della regolarità: considerando quanta fatica facciano i Club oggigiorno per offrire manifestazioni divertenti e a costi contenuti c'è da prendere l'esempio da quanto abbia saputo fare Frank Loncrini ed i suoi collaboratori per ottenere questo successo.
Un percorso ogni anno rinnovato, una gara di pochi chilometri con tante prove cronometrate, il giusto "tocco" turistico e ricreativo per dare il senso della vacanza in compagnia, una corsa senza tempo ma con la leggerezza di una veloce scampagnata. Quest'anno si partiva da Pacengo, vicino a Peschiera, sulle sponde del lago che, per rispettare le attese dell'autunno, si è presentato in una veste nebbiosa e grigia. Un clima in sintonia con il mese, ma non capace comunque di frenare gli scatenati concorrenti ai quali il programma ha riservato subito l'occasione di scaldare a fondo i imotori con una serie di prove cronometrate "nervosette" che hanno dato subito il giusto ritmo.
Pochi i momenti noiosi, una sola ma divertente sosta a Solferino (con la visita, itneressante e sorprendente per chi nonc'era mai stato) alla Torre della Battaglia, issata a ricordo degli eventi della terza Guerra di indipendenza, ma con i cimeli di tutte le guerre d'indipendenza combattute (fino alla Prima Guerra mondiale), e unpercorso movimentato che si è snodato attraverso il basso Lago e le colline Moreniche e che per la prima volta ha sconfinato sia nella provincia di Brescia sia in quella di Mantova. Cinquantuno le prove cronometrate totali, e da dire che tutte erano state studiate con attenzione: giusti tempi , notevoli le insidie, poche le occasioni di far calare la tensione. Poi si c'è messa anche la pioggia e qualche pozzanghera a rendere più movimentate le sfide al cronometro. Ma ci voleva: non c'era il tempo di imprecare sul tempo o sulla nebbia che subito si entrava in una giostra di prove, via via sempre più difficili, ripetute due volte ma non per questo meno insidiose. Ed a contendersi la vittoria c'erano tante "prime donne" della regolarità. Alla fine l'ha spuntata un recordman del centesimo e dell'età: Gian Paolo Paciaroni, in solitaria con 213 penalità e con il suo bagaglio di non pochi anni e di tanta esperienza, che è arrivato sul podio dimostrando una verve pari al più giovane di tutti: Matteo Iotti, giunto terzo su Fiat 600 D. Sul gradino di mezzo si è piazzato invece Paolo Salvetti che è stato bravo a giostrarsi sulle prove più strette con la sua Lancia Fulvia HF, ben più lunga e meno agile della A112 di Paciaroni. Prima fra le scuderie la mantovana  AMAMS Tazio Nuvolari.
Questa la classifica assoluta finale fino al decimo posto:
Paciaroni G.Paolo
Salvetti Paolo-Spozio Bruno
Iotti Matteo-Porcari Manuela
Perbellini Gino-Piccoli Emanuela
Foccoli Umberto-Ghisla Pierangela
Pepe Fabio Massimo-Rinaldelli Stefano
Paruzza Riccardo-Paruzza Alessio
Pocobelli Pierluigi-Pocobelli Alessandro
Donzelli Giulio-Galano Nadia
Omarchi Giovanni-Butturini Laura

venerdì 20 ottobre 2017

L'ACCADEMIA DEL RESTAURO VEICOLI STORICI ALLA FIERA DI PADOVA


In occasione di AUTO E MOTO D'EPOCA, la Fiera dell'heritage motoristico che si terrà a Padova dal 26 al 29 ottobre l'Accademia Restauro Veicoli Storici sarà presente  ​con uno stand al ​padiglione n° 4. L'Accademia, in occasione della Fiera, dedicherà ai giovani una propria iniziativa speciale: infatti, durante AUTO E MOTO D'EPOCA l'Accademia del Restauro organizzerà un evento che coinvolgerà 50 giovani UNDER 35.
Per partecipare cliccare ed iscriversi su:
http://www.unismart.it/drive-your-heritage/
Per chi partecipa VIP Pass per tutti i giorni di manifestazione oltre ad un biglietto con doppio ingresso per un amico/parente.
Inoltre c’è un premio di 2.000 euro, oltre ad essere un’ottima opportunità formativa.


​Per contatto e info:​

http://www.unismart.it/drive-your-heritage/

30° GIRO DEL POLESINE: SI PARTE IL 22 OTTOBRE

Per iniziativa del RIVS (Registro Italiano Veicoli Storici) si terrà il 22 ottobre il 30° Giro del Polesine - 1° Trofeo Ugo Fiocchi e 23° Coppa Agostino Sabattini. Sarà una splendida occasione, questo raduno turistico per auto storiche e moderne, per scoprire attraverso un percorso di 120 km le più belle strade del Delta del Po e del Medio-Basso Polesine.
Questo il programma:
Verifiche sabato 21 ottobre dalle 13.30 e distribuzione roadbook presso il Centro Commerciale La Fattoria, S.S. 16 Loc. Borsea a Rovigo.
Partenza Domenica 22 ottobre alle 9.30 dal  Centro Commerciale La Fattoria, S.S. 16 Loc. Borsea a Rovigo
Sosta in centro ad Adria alle ore 10.30 circa con esposizione delle vetture.
Pranzo alle ore 13.15 circa al Ristorante Marina 70 nella Sacca di Scardovari del Delta del Po. A seguire premiazioni e saluti.
Per info ed iscrizioni: www.camsrovigo.it info@camsrovigo.it
tel. 3282270031

TRIESTE-OPICINA HISTORIC: DECISE LE DATE


E' in programma per il 7-8 aprile 2018 la Trieste-opicina Historic, manifestazione di regolarità storica a strumentazione libera organizzata dal Club dei Venti all'Ora di Trieste, iscritta a calendario ASI e valida sia per il campionato Alpe Adria Classic Challenge che per il campionato croato KCC. Come per gli anni passati, anche quest'anno la manifestazione avrà un doppio percorso, uno per la Regolarità Classica (con prove cronometrate e a media imposta) ed uno per la Touring (percorso turistico slow senza cronometri):
Novità  del 2018 sarà invece la Trieste-Opicina Joung, una gara destinata ai giovani: solo per la domenica 8 aprile ci sarà una gara riservata agli equipaggi di età inferiore ai 30 anni, con un prezzo veramente sorprendente, per avvicinare i giovani al mondo dell'automobilismo storico.
Per info ed iscrizioni: www.clubdeiventiallora.org

giovedì 19 ottobre 2017

IL TROFEO A112 ABARTH PREMIA I PILOTI A PADOVA

Chiusa la sfida 2017 sulle strade dell’Isola d’Elba, i partecipanti al Trofeo A112 Abarth Yokohama si ritroveranno prossimamente, per la cerimonia delle premiazioni che si svolgerà, come da tradizione, alla Fiera di Padova in occasione della mostra “Auto e Moto d’Epoca”.

L’evento padovano, il più importante del settore in Italia, è in programma da giovedì 26 a domenica 29 ottobre e come negli anni scorsi ospiterà, tra i tanti appuntamenti in programma, anche le premiazioni della Serie organizzata dal Team Bassano.
I piloti iscritti al Trofeo 2017 sono attesi a partire dalle 16.30 di sabato 28 ottobre, presso lo stand dell’Automobile Club d’Italia situato nel padiglione numero 3, per la consegna dei premi previsti dal regolamento e di quelli messi in palio dai sostenitori dell’iniziativa giunta all’ottava edizione, da poco conclusa e vinta dal debuttante Luigi Battistel in coppia con Denis Rech.
Che il Trofeo A112 Abarth Yokohama sia un’iniziativa di successo lo confermano i numeri del 2017 che si possono, senza ombra di dubbio, definire importanti, sia per quanti riguarda gli iscritti al trofeo quanto per quelli in ogni singola gara: ben 45 gli equipaggi aderenti i quali hanno fatto registrare 118 presenze nei sei rally a calendario, per una media che ha sfiorato le 20 unità a gara superando il precedente record di 16,3 del 2016 che, a sua volta, costituiva il miglior riscontro delle prime sette edizioni.
A Padova, oltre ai vincitori assoluti, saranno premiati i piloti che hanno primeggiato nelle categorie “under 28”, “Gruppo 1” e “Vintage”.
Documenti e classifiche al sito web www.trofeoa112abarth.com


mercoledì 18 ottobre 2017

2° HISTORIC CAR VENICE: 14-15 ottobre 201


“Le più belle auto di tutti i tempi”, questo il live motive, che l’Automobile Club Venezia ha voluto promuovere per questa seconda edizione del Raduno/Esposizione, con Sfilata nelle vie di Mestre-Venezia fino al Lido di Venezia  nel weekend 14-15 ottobre 2017.  Il Presidente dell’Automobile Club Venezia, Giorgio Capuis, ha lavorato alacremente con il suo staff per fare una “grande kermesse”, lasciando ai partecipanti il piacere di venire a conoscere, per alcuni, l’entroterra di un’area, nota molto spesso solo per il Ponte di Rialto e Piazza San Marco. L’evento ha pertanto coniugato l’evento culturale di radunare collezionisti ed appassionati di vetture d’epoca con una grande novità rispetto alla precedente edizione: dal centro di Mestre (piazza Ferretto) la manifestazione si è allargata fino al Lido di Venezia, arrivando a coinvolgere il cuore della storica città lagunare, il bacino di San Marco dove le vetture vincitrici del Concorso a categoria, a bordo di chiatta hanno infine sfilato. L’obiettivo di portare nella città metropolitana e nelle aree menzionate auto e uomini che hanno fatto la storia dell’automobilismo italiano è stato condiviso dalla amministrazione comunale, ma non solo. Infatti oltre alle 4 categorie: rilevanza agonistica, progesso tecnico, eleganza , desiderio e immagine, la commissione tecnica presieduta da Dario Mella, con Carlo Carugati e Bruno Vettore, hanno evidenziato riconoscimenti anche per le forze dell’ordine che con entusiasmo e partecipazione hanno esposto alcuni mezzi rappresentativi.  I Carabinieri ad esempio con la nuova Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio. La Guardia di Finanza, con la storica Fiat 1100 103 D. I Vigili del Fuoco con la Isotta Fraschini tipo A. Inoltre, una serie di mezzi militari come il Dodge Commando car del ’42 o la Ford M 151 A1 del’ 64 oltre ad una serie delle conosciute Jeep Willys.  Alle 12.30 si è avuto comunicazione dell’elenco delle 12 finaliste, + 8 menzioni, + 15 premi extra attribuiti ad alcuni veicoli delle forze dell’ordine e nell’anniversario dei 60 anni della Fiat 500 tre premi sono stati attribuiti a versioni meritevoli, come una ormai rarissima N del 1960, una F restauratissima del 1968 con guida a destra ed una L del 1972 nella sua meritevole livrea blu scuro con intonato interno rosso. Nel pomeriggio inoltrato,dopo l’annunciata sfilata da Mestre a Venezia, un gruppo selezionato di veicoli è arrrivato tramite Ferry Boat, con crocera nella laguna, al Lido di Venezia, dove sono stati messi al sicuro nell’Hangar messo a disposizione dall’Aeroporto Nicelli.  La serata si è poi spostata con battello predisposto a Ca Vendramin Calergi Casinò di Venezia per la serata di Gala  con le relative premiazioni, alla presenza del Presidente dell’Automobile Club Italia Sticchi Damiani ed a personaggi dello sport automobilistico, come il Pilota Giorgio Sernagiotto, pilota professionista con un lungo palmares, nonché driver coach.  Domenica mattina dopo il briefing tecnico si è tenuta la rievocazione del Circuito del Lido di Venezia, un tracciato di 3850 m che si svolgeva negli anni ’20 nell’elegante cornice liberty del circuito del Lido conosciuto come “Il Circuito degli assi” nel quale corsero piloti del calibro di Nuvolari. Infine come preannunciato le 12 vetture vincitrici dei premi di categoria sono state imbarcate su chiatta per compiere una singolare crociera in laguna con shooting fotografico davanti a Piazza San Marco, evento che ha segnato il termine ufficiale della manifestazione ed un arrivederci alla prossima  edizione 2018.

TANTI AFFARI ALLA PROSSIMA FIERA AUTO E MOTO D'EPOCA DI PADOVA

AUTO E MOTO D’EPOCA aprirà i battenti a Padova in Fiera dal 26 al 29 Ottobre. Una fiera unica in Europa: per la prima volta il meglio di passato, presente e futuro raccolti in un hub della passione.
Oltre 5000 auto e modelli storici in vendita offerti dai migliori dealer specializzati in Europa. Nei diversi padiglioni e nelle nuove Classic Square e Area S coperta si troveranno Ferrari 250 GTE, Maserati Indy e Lamborghini Miura, Jaguar E-type e Aston Martin DB. Non mancheranno le Porsche, dalla 356 degli anni ’50 all’universo 911. L’offerta del salone spazia dai modelli più ricercati alle vetture di tutti i giorni come le inossidabili utilitarie Fiat 500, 2CV, Maggiolino, Mini e Bianchine. A Padova l’appuntamento con i ricordi sarà, perciò, puntuale.
Ma non mancheranno anche le presenze moderne: per Jaguar saranno presenti la E-PACE, la nuova arrivata nella famiglia dei SUV Jaguar, e la scuderia Jaguar che compete nella Formula E. Mercedes AMG festeggia i 50 anni del marchio ad altissime prestazione con le vetture che ne hanno segnato l’evoluzione a partire dalle iconiche SLS AMG Coupé, CLK 63 AMG BS e GT R. Anteprima italiana anche per la Huayra Roadster che rappresenta, ad oggi, il progetto più ambizioso e complesso dell’atelier di Horacio Pagani. inoltre, ci sarà anche l'ibrido!
La finestra ad accesso gratuito sulle auto ibride ed elettriche si aprirà nel Future Hub. Volvo porterà le nuove XC60 e serie 90 con il motore ibrido T8 plug-in da 407 cavalli. La forza del motore ibrido Volvo è la sua versatilità. La batteria si ricarica ad una normale presa elettrica mentre il guidatore può decidere 5 diverse modalità di guida: la modalità ibrida che massimizza l’efficienza energetica alternando automaticamente le propulsioni termica ed elettrica; la modalità Pure Electric; quella Power che affianca i due motori, a 4 ruote motrici e, infine, la funzione Save, che preserva la batteria o la ricarica in movimento.

PARTE IL CIRCUITO DELLE VALLI PIACENTINE




Grazie alla sapiente organizzazione di World Events Racing A.s.d. in collaborazione con Bobbio Autosport A.s.d., partirà il 4 novembre 2017 la XIV° edizione del Circuito delle Valli Piacentine, Gara di Regolarità Classica per Auto Storiche che seguirà il regolamento ACISport.
Dal 16/10/2017 si sono aperte le iscrizioni (chiusura iscrizioni 31/10/2017).
Il percorso della gara, di circa 97 chilometri totali, si snoderà nelle valli attorno alla Città d'Arte di Bobbio (PC), e più precisamente la Val Trebbia e la Val Nure, passando per Perino, Passo del Cerro, Bettola, Ponte dell'Olio, Rivergaro, Travo, Pietra Parcellara, Costa Tamborlani e Mezzano Scotti.
Saranno previsti 4 Controlli Orari, 50 Prove Cronometrate (non ripetute, non su piazzali), con partenza ed arrivo in Piazza XXV Aprile - Bobbio (PC).
La Quota di Iscrizione Base è di 220,00 Euro.
Per informazioni consultare i seguenti siti web:
http://www.bobbioautosport.it/
http://www.scuderiagmt.it/

WINTER MARATHON 2018, UN'EDIZIONE CON TANTE NOVITA'







Winter Marathon Il classico evento internazionale invernale di regolarità per auto storiche torna da giovedì 18 a domenica 21 gennaio 2018 a Madonna di Campiglio in quella che si preannuncia un’edizione da ricordare, in virtù delle numerose novità previste dagli organizzatori.
Un nuovo percorso di oltre 400 km con 9 passi dolomitici e oltre 60 prove cronometrate da affrontare per la prima volta in 2 tappe: la prima, inedita, giovedì 18 in notturna lungo la Val Rendena e la seconda venerdì 19 attraverso le strade e i passi più famosi del Trentino-Alto Adige con il suggestivo passaggio al tramonto sulle Dolomiti.
Spettacolo arricchito dai 2 trofei sul lago ghiacciato di Madonna di Campiglio in programma sabato 20 e riservati alle vetture anteguerra e ai primi 32 classificati.
Le iscrizioni chiuderanno domenica 17 dicembre con lo sconto del 10% per quelle completate entro venerdì 20 ottobre. Importanti agevolazioni per le Scuderie con almeno 5 o 10 equipaggi.
Potranno partecipare tutte le vetture costruite fino al 1968 oltre a una selezione di modelli di particolare interesse storico e collezionistico - protagonisti nei rallies degli anni ’70 - prodotti entro il 1976.
E' possibile iscriversi e seguire l’evento online su wintermarathon.it e sui canali social di Facebook, Instagram e Twitter per scoprire tutte le novità e commentare con l’hashtag #WinterMarathon2018.

martedì 17 ottobre 2017

MITTELEUROPEAN RACE NON SOLO NEL NOME


Mitteleuropean Race di nome e di fatto. Nello spirito, nei partecipanti e nel percorso, la seconda edizione della Mitteleuropean Race, gara di regolarità classica per auto storiche  che si è svolta a Trieste nel fine settimana del 13-15 ottobre, aveva infatti tutte le caratteristiche di un appuntamento europeo.  Una manifestazione che mancava nel novero di quelli che possono a giusto titolo nominarsi grandi eventi per le auto d’epoca. Partire da Trieste, città che ha conservato tutto il suo fascino asburgico, per varcare il confine   che guarda a est, o attraversare i vigneti del Collio, la Toscana del Friuli,  proporre più di ottanta prove speciali, inserendo fra le Classiche al cronometro anche alcune prove a media, è il metodo ideale per attrarre  equipaggi italiani e stranieri  accomunati dalla medesima passione. E non è un caso, quindi, che fra gli intervenuti ci fossero numerose presenze d’oltralpe, soprattutto tedesche e slovene, ma non solo. C’erano anche tre equipaggi argentini che, come alla Mille Miglia, sono una presenza costante nelle gare di regolarità italiane.
E oltre agli equipaggi, anche le veterane intervenute erano auto d’eccezione, presentate una per una nel corso della sfilata di partenza e poi rimaste esposte all’ammirazione del pubblico in piazza Unità d’Italia, vero e proprio “teatro” della città di Trieste. Fra le auto più ammirate al primo posto l’Alfa Romeo 6C 1750 GS Aprile dell’architetto Corrado Lopresto, famoso appassionato che può vantare una delle più grandi collezioni di auto d’epoca premiate nei più famosi concorsi d’eleganza. Altrettanto ammirata la splendida Fiat 508 S Balilla Sport del 1934 dei vincitori, la coppia Vesco/Guerini che quest’anno hanno conquistato il podio nelle più famose gare di regolarità per auto storiche, Mille Miglia in primis,  e poi la Coppa Valli Bresciane, il Trofeo Foresti, il Terre di Canossa e il Trofeo Nuvolari, e la Amilcar del 1926 di Gatta/Piccinelli.

venerdì 13 ottobre 2017

A RETROMOBILE I 120 ANNI DI RENAULT

Quest'anno Renault celebrerà i suoi 120 anni dalla fondazione e lo farà in occasione di Retromobile 2018, la fiera interamente dedicata alle auto d'epoca che si terrà dal 7 all'11 di   febbraio a Parigi - Versailles.Saranno esibiti modelli delle prime auto Renault che non sono mai usciti prima d'ora  dal National Car Museum di Compiègne. Una vera festa, insieme a tante altre iniziative, per gli amanti delle vetture d'epoca e gli appassionati della storia dell'automobilismo.

mercoledì 11 ottobre 2017

RITORNA LA MILANO-SANREMO

Si è corsa dal 2008 fino al 2011, come rievocazione storica, nella forma della corsa di regolarità. prima ancora, dal 1948 al 1973, era una vera corsa che riprendeva i fasti di una tradizione iniziata nel lontano 1906. Ora ritorna con una nuova edizione, dal 22 al 24 marzo 2018, la Coppa Milano-Sanremo, organizzata dalla "Equipe Internazionale" di Milano. Partenza dal centro di Milano, sosta a Portofino e tradizionale arrivo a Milano.
Per info: Sandro Binelli info@automotivemasterpieces.com

martedì 10 ottobre 2017

UN MUSEO VIAGGIANTE: a Montecarlo (LU) il 16° Grand Tour A.A.V.S.


Organizzato dal Kursaal Car Club di Montecatini (LU), associato all’A.A.V.S ( Associazione Amatori Veicoli Storici www.aavs.it ) federata FIVA, si è tenuto, come ogni biennio, in forma di raduno, il tradizionale Grand Tour di Montecarlo (LU). Nel piccolo borgo della lunigiana si sono quindi ritrovati i selezionati 40 equipaggi, rappresentanza di un piccolo museo viaggiante di qualità che si muoveva dagli anni ’30 per arrivare alle più recenti Lotus Elan, Jaguar Executive 8V e BMW Z3. Molto partecipata la presenza delle vetture, in particolare di quel motorismo ormai storico, che vide nel boom degli anni ’60 il suo momento magico, con le Alfa Romeo Giulia, nelle varie interpretazioni: berlina, spider, gt. Fiat con la media 1300, di ispirazione americaneggiante (Chevrolet Corvaire), e nell’anno del 60° della Fiat 500 un’ultima serie la R prodotta a Termini Imerese. Lancia esibiva una panoramica di Fulvia Coupè, dalla Rallye 1,3 S del 1970 (proveniente da Livorno – premiata) ad allestimenti “fanalona”, rally di Montecarlo fino alla 1,3 S Montecarlo stradale, realizzata per festeggiare i successi del mitico “drago” Munari che aveva trionfato nel rally di Montecarlo del 1972. Ma ancora: la Beta Spider 1800 realizzata da Zagato, fino ad una rara quanto conservata Lancia Delta 1500 prima serie del 1980, con ancora lo storico adesivo “Auto dell’Anno”. Gli inglesi, si difendevano con una classica Jaguar MK2 3,4 del 1963 (la berlina più sportiva ed elegante, nella produzione automobilistica), Austin Healey 100/6 del 1957, Morgan 4/4, Panther Callista ed una rara Triumph Dolomite Sprint, una vettura che nella seconda parte degli anni ’70 dava del filo da torcere alla concorrenza per le prestazioni sopra la media. I tedeschi parlavano soprattutto Porsche, con delle Speedster “replica”, una luminosa Volkswagen Porsche 914 2.0 e le ricercate 911 2.4 S targa, e 3.2 Carrera Coupè e Speedster. La stella a tre punte (Mercedes) era rappresentata da una serie S America del 1970 con i caratteristici doppi fari e le classiche sospensioni pneumatiche e si faceva notare, per Opel, una bella GT 1900 rossa, definita la “Corvette” europea, per la somilianza in dimensione più compatta della poderosa Chevrolet Corvette, presente tra l’altro in versione roadster, che strizzava l’occhio insieme ad una Cadillac Eldorado del 1971, alla più vecchia partecipante (naturalmente premiata anche per le impeccabili condizioni): Chevrolet Confederate De Luxe roadster del 1932. La Confederate è lo sviluppo della precedente Independence del 1931, con soluzioni innovative per il radiatore ed i carburatori. Dotata di un motore a 6 cilindri di 3180 cc sviluppava una velocità massima di 100 km/h. Questa Roadster aveva un costo di 445,00 dollari e di questra serie ne furono prodotti 1118 unità.  In particolare la vettura presente e perfettamente funzionante venne inizialmente destinata all’Argentina ed arrivò in Italia, nel 2008, grazie ad un ricercatore e collezionista italiano. Il restauro durò quattro lunghi anni e venne rimessa in circolazione nel 2012. Il presidente del Kursaal Car Club, Cesare Natali, con i suoi collaboratori, ha anche quest’anno curato quelli che sono gli aspetti tipici di questi raduni, che iniziano sempre dalla parte culturale. Per l’appuntamento 2017 è stata individuata Villa Borbone,  una dimora, fuori dal circuito delle Ville lucchesi, nascosta in uno scrigno verde come la pineta di ponente di Viareggio. Si è avuto l’onore di avere come guida Mons. Scarabelli, che da appassionato di storia è stato prodigo di informazioni e curiosità sulla storia di questa villa, pensata come Casino di caccia, edificata dal 1821 per la duchessa di Lucca, Maria Luisa di Borbone-Spagna.
Come sempre questi progetti “importanti” subirono vari cambiamenti a seguito della dipartita dei committenti e le vicissitudini di famiglia che, essendo allora numerose, comportavano anche modifiche adeguate alle esigenze. Passata alla Marina Militare nel 1906, subì gli affronti della Prima e Seconda Guerra Mondiale ed arrivò infine nella seconda metà degli anni ’80, in dono, al Comune di Viareggio che ne iniziò il progetto di restauro e riutilizzo dal 1999.  Soddisfatta la parte culturale, la colonna rombante è rientrata a Montecarlo con meta al Ristorante “Fattoria il Poggio” con un desco di specialità locali innaffiate sempre dall’ottimo rosso di Montecarlo (LU) e torta finale d’ordinanza. Ad accogliere gli ospiti una pregevole Fiat 508 S elaborazione Stanguellini che partecipò alla Mille Miglia del 1947 con l’equipaggio Aymo Maggi – Antonio Brivio e nella sua storia, portò anche la soubrette, attrice Delia Scala. Nel pomeriggio si è tenuta la tradizionale sfilata nella via Roma di Montecarlo con la presentazione e premiazione, delle vetture e degli equipaggi partecipanti, alla presenza dell’Assessore allo Sport e Turismo di Montecarlo, al Coordinatore Nazionale dei Club A.A.V.S con la gradita presenza del costruttore Roberto Giorgietti, che con la sua storica carrozzeria di Montecatini, realizzò nel passato una serie di 400 Alfa Romeo Giulia Familiare per la Polizia Stradale.  Tra le coppe assegnate, oltre a quelle già menzionate, di particolare rilievo, la coppa A.A.V.S assegnata ad una stupenda Fiat Osca 1600 S cabriolet del 1965. Va quindi in archivio anche questa sedicesima edizione con la conferma del successo di questa formula che abbina l’accuratezza della parte culinaria, abbinata a quella culturale, poggiante sul turismo in auto d’epoca, che oggi è la soluzione migliore per vivere con la propria storica, le bellezze del nostro bel paese.
Per Kursaal Car Club
www.kursaalcarclub.it          
A.A.V.S
www.aavs.it     

217 ISCRITTI AL RALLY DUE VALLI : SI DECIDE A VERONA IL CAMPIONATO ITALIANO RALLY 2017


Si è svolta  nella Sala Arazzi del Comune di Verona la conferenza stampa di presentazione del Rally Due Valli 2017. La manifestazione organizzata dall’Automobile Club Verona si svolgerà dal 12 al 15 ottobre prossimi e condenserà al suo interno quattro gare: il XXXV Rally Due Valli valido come ultimo round del Campionato Italiano Rally; il XXXV Rally Due Valli valido per il Campionato Regionale Rally; il 12° Rally Due Valli Historic valido per il Campionato Italiano Rally Auto Storiche; il 7° Due Valli Classic valido per il Trofeo Tre Regioni di Regolarità Sport.
Erano presenti l’Assessore allo Sport e Tempo Libero del Comune di Verona Filippo Rando, il Presidente dell’Automobile Club Verona Adriano Baso, il Direttore Riccardo Cuomo, il Presidente del Comitato Organizzatore Alberto Riva, il Direttore dei Servizi Sociali dell’ULSS9 Verona Raffele Grottola, il rappresentante di Veronafiere settore Comunicazione Francesco Marchi, il Presidente del Gruppo Orange1 Armando Donazzan e il Racing Specialist di Abarth&C. Spa Marco De Iturbe.
Saranno 217 gli equipaggi che si sfideranno al Rally Due Valli 2017, così suddivisi: 67 nel CIR (Campionato Italiano Rally), 31 nel CIRAS (Campionato Italiano Rally Auto Storiche), 60 nel CRR (Campionato Regionale Rally) e 59 nella Regolarità Sport.

AD AUTO E MOTO D'EPOCA L'ASTA BONHAMS



Dopo quasi 40 anni torna in Italia l’Asta Bonhams, una delle più prestigiose al mondo. Con sedi nei diversi continenti, 60 dipartimenti specializzati e 400 aste all’anno, Bonhams sceglie Padova per presentare, nel Padiglione 2, 60 tra le auto più rare e ricercate del mercato che verranno battute sabato 28 ottobre in occasione della Fiera Auto e Moto d'Epoca a Padova.Tra queste: una Mercedes-Benz 300 SL Roadster del 1957, una Lancia Flaminia Sport 3C Zagato del 1962 ed una Lancia Flaminia Touring Convertibile del 1961. Seguiranno una Abarth Monomille GT del 1963; una Jaguar XK 120 SE Roadster del 1954; una Mercedes-Benz 230 SL Roadster con Hardtop del 1967 e una Jaguar E-Type V12 Roadster.

WINTERACE: APERTE LE ISCRIZIONI

Sono aperte le iscrizioni alla 6^ edizione della “WinteRace”, Super Classica ACISport che si svolgerà nelle Dolomiti con partenza ed arrivo a Cortina d’Ampezzo dal 1 al 3 Marzo 2018, e chiuderanno il prossimo 3 Febbraio 2018.
 La partecipazione è riservata a 80 vetture d’epoca costruite  entro il 1976.
 E’ inoltre previsto il “3rd Porsche WinteRace” dedicato alla partecipazione di un massimo di 30 vetture Porsche che verranno selezionare dall’Organizzatore: storiche costruite dal 1977 al 1990 e moderne costruite dal 1991 ad oggi.
 Potrete inviare la Vostra domanda di partecipazione direttamente online su www.winterace.it oppure stampare il modulo in pdf da compilare e spedire tramite mail, correlato da copia dell’avvenuto pagamento, ai seguenti contatti:
 ALTE SFERE SRL
Largo Repubblica, 7
 20845 Vedano Al Lambro (MB)
 Tel. +39 030 3755901
 Fax +39 030 2404909
 Rossella Labate cell. +39 348 3855069
 Email: segreteria@altesfere.com

RADUNO ALFA ROMEO A MANTOVA





Domenica 22 ottobre 2017 si terrà il RADUNO ALFA ROMEO organizzato dall'AMAMS Tazio Nuvolari a Mantova. Si tratta di un raduno per auto storiche e moderne! Sarà un raduno statico con tante vetture in mostra: mentre i mezzi sosteranno nella centralissima piazza Sordello a Mantova per l’intera giornata, i loro possessori saranno impegnati in una full-immersion di cultura motoristica e non.
Per chi avesse necessità è prevista una convenzione per il pernottamento di sabato 21 ottobre
Giovedì 12 ottobre si terrà una Conferenza Stampa del RADUNO ALFA ROMEO,  a Mantova, presso la Galleria Nazione del Corpo dei Vigili del Fuoco in piazza Arche 1, alle ore 18,00.
Per info: AMAMS "T. NUVOLARI" - Associazione Mantovana Auto Moto Storiche "T. Nuvolari"
Via Mantova n. 1672 - 46030 Romanore di Borgoforte (Mn)
Tel. 0376/648205 - Fax 0376/648205 - 0376/649302 - e-mail: infoamams@amams.orgwww.amams.org

lunedì 9 ottobre 2017

PRESENTATA LA MILLE MIGLIA 2018



Prenderà il via mercoledì 16 maggio 2018 la trentaseiesima edizione della rievocazione della Mille Miglia, presentata questa mattina nel Salone Vanvitelliano di Palazzo Loggia.

Il classico percorso verso Roma e ritorno terminerà a Brescia il sabato con tappe a Cervia-Milano Marittima, Roma e Parma.Quattro giorni di viaggio attraverso l’Italia più bella: passaggi nelle tradizionali località della Corsa e ritorni attesi da tempo. Le iscrizioni si apriranno il 24 ottobre.

Ogni anno, il percorso subisce modifiche allo scopo di tornare a far transitare la Mille Miglia in località nelle quali era assente da qualche anno: nel 2018, proseguendo con la medesima filosofia, sono state apportate alcune variazioni al tracciato. Quest'anno meno passaggi in Veneto, mentre più numerosi i passaggi lungo la costa adriatica.

venerdì 6 ottobre 2017

MITTELEUROPEAN RACE 2018 : TUTTO INIZIA IL 13 OTTOBRE

Ancora una volta le auto storiche torneranno ad abbellire Trieste, le sue piazze e le sue coste: iniziano infatti venerdì 13 ottobre i preparativi per la partenza della seconda edizione della Mitteleuropean Race, challenge per auto storiche con prove di regolarità che per tre giorni  affronterà le strade collinari fra Italia e Slovenia.
Una corsa che ha il fascino dell'antico ed il sapore della Belle Époque, con auto splendide e gli scenari imperdibili di Trieste, i suoi caffè, i suoi palazzi e le sue splendide passeggiate affacciate sul mare.
Da Trieste le auto partiranno sabato 14 ottobre (dopo le verifiche e la cena vip al Portopiccolo di Sistiana la sera precedente) per un lungo itinerario verso Cormons, Gorizia e le colline del Collio.
Ritorno a Trieste in serata e dopo la cena di gala ripartenza domenica 15 ottobre in direzione di Pirano in Slovenia, attraversando Capodistria e Isola, con bellissime digressioni nll'entroterra dell'Istria.
Pranzo e premiazioni finali al Grand Hotel Savoia Excelsior Palace. Il tutto sotto la regia di Adrenalinika!
Per info ed iscrizioni : info@mitteleuropeanrace.it



giovedì 5 ottobre 2017

Parte la 4° Rievocazione Storica della Savona-Cadibona.





Tutto pronto per domenica 15 ottobre quando da Savona in Corso Italia, presso il Golden Bar, si ritroveranno gli appassionati che parteciperanno alla 4° Rievocazione Storica della Savona-Cadibona, una volta gara motociclistica ed automobilistica, che sfida il Colle di Cadibona, punto d'inizio delle Alpi Marittime.
Come sempre saranno tanti i protagonisti per questo raduno che non ha velleità sportive e che pure è vissuto come una grande sfida da tutti i piloti. Sarà per il programma, che prevede di primo mattino la sfilata rievocativa lungo la SS n. 29 del Colle di Cadibona, con un percorso elettrizzante, fatto di curve e controcurve, una vera sfida per i piloti. Ma anche uno scenario naturale stupendo: uUna volta, d'estate si saliva al Colle per raccogliere fragoline di bosco, e da lassù, dove l'aria era sempre fresca e limpida rispetto alla calura d'agosto, si vedeva il mare azzurro giù verso l'orizzonte.
Sarà anche per le novità di quest'anno, con  la continuazione dell'itinerario originario fino ad Altare e poi oltre in direzione Cairo Montenotte per arrivare a Pontinvrea dove, sulla pista kart, si terranno alcune prove di precisione. Sarà per l'accoglienza sempre stupenda a Millesimo, dove si giungerà dopo aver attraversato Ferrania e Carcare, per pranzare, e per le premiazioni, che avverranno alle 17 circa nel celebre castello dei Marchesi del Del Carretto.
In abbinamento ci sarà anche il concorso "Vota l'Auto che più ti piace"
Per info: Vintage Motors Club Savona vmcsv-forum@libero.it tel. 333.1942603
Ruote d'Epoca Riviera dei Fiori Villanova d'Albenga info@ruotedepoca.it 0182.580508

martedì 3 ottobre 2017

LA ROCCA DI SANVITALE E I CASTELLI PARMENSI

Un giro turistico affascinante e immerso nei colori di questo autunno che per una volta sembra non serbare sorprese climatiche è una visita nelle terre parmensi, nelle quali non possono mancare gli approcci con la buona tavola e il buon vino. Soddisfatto il palato, poi si può passare ad ammirare alcuni splendidi gioielli nascosti che il territorio ci riserva. Fra questi vi è la Rocca di Sanvitale a Sala Baganza, a pochi chilometri da Parma. Antiche mura fortificate celano al loro interno splendidi affreschi cinquecenteschi dal gusto e dalla sensibilità tutta italiana, che ricordano le pitture del Correggio o del Parmigianino. Splendido anche il giardino all'italiana, vero e proprio Hortus Conclusus, che è stato recentemente riportato agli antichi splendori.
All'interno della Rocca, anch'essa in parte restaurata, un ricco e suggestivo museo del Vino introduce nella storia di questa antica bevanda che, pare proprio da queste parti, abbia cominciato ad essere degustato schietto, per iniziativa dei Celti, abbandonando il classico uso greco e latino di berlo annacquato e speziato.
La storia della Rocca, come quella di tanti monumenti italiani, attraversa i secoli: da prima dimora dei Sanvitale, poi passata alla famiglia farnese, fu poi sede asburgica del Ducato di Parma ed infine appartenuta ad un ufficiale napoleonico. Oggi una parte è ancora privata, mentre la parte finemente restaurata è gestita dal Comune di Sala Baganza.
Nelle vicinanze di parma però non c'è solo questo: tantissimi sono infatti i castelli e palazzi signorili visitabili in vari periodi dell'anno.
Suggeriamo fra i tanti una visita al Castello di Roccabianca nell'omonimo Comune, la Fortezza di Bardi ed il Castello di Sanvitale a Fontanellato dai bellissimi affreschi.
E magari perché no, fate questo tour con un'auto d'epoca, potete noleggiarla se non l'avete.

HISTORIC CHRISTIMAS SAN MARINO IL 9-10 DICEMBRE: EMOZIONI IN MOVIMENTO


Alcune volte si dice andiamo a San Marino per una gara di Campionato Italiano Regolarità, a Natale invece si dice andiamo a San Marino per l’Historic Christmas! Sono entrambi due modi diversi ma divertenti di utilizzare l’amata storica, magari con un modo un po’ diverso di vivere le proprie passioni: più competitivo e impegnativo l’appuntamento con il Campionato Italiano, decisamente rilassante e meno sportivo l’Historic Christimas. Ma per i ragazzi dei Regolaristi Sammarinesi, l'attenzione e l’impegno sono sempre uguali! Al punto che quasi non si chiedono più perché, per l’Historic Christmas, le persone inviino scheda d’iscrizione, il bonifico o prenotino l’albergo mesi prima dell’apertura delle iscrizioni, senza preoccuparsi di leggere il programma, avere un'indicazione sul percorso o per lo meno la data precisa. Perché si fidano, e sanno che la manifestazione (che avviene in coincidenza con l'Immacolata, ogni due anni) è sempre un successo. Chi si pone delle domande sul perché, vuol dire che non conosce Historic Christmas San Marino.

Nelle parole degli organizzatori il messaggio più bello: “Non chiamatela gara, non lo è, i tubi li mettiamo perché siamo regolaristi, è nella nostra natura, andremmo sui tubi anche il giorno di Natale, ma siamo anche sportivi e sappiamo che nella vita ci sono cose più importanti della regolarità, come la famiglia, gli amici, la voglia di stare insieme”.
Historic Christmas San Marino, nata con questo spirito, è diventata però da questa edizione una regolarità turistica a tutti gli effetti e, per garantire la massima sicurezza, si adeguerà ai regolamenti di specialità. Ma non perderà mai il suo fascino.
Per far rivivere questa esperienza per la settima volta si sono aggiunti nuovi attori, oltre alle istituzioni Sammarinesi (Segreterie di Stato, Giunte di Castello e uffici pubblici) che non hanno mai fatto mancare il loro supporto. Fra i nuovi amici la F.A.M.S., che è l’autorità sportiva nazionale per il territorio Sammarinese, lo S.M.R.O. (San Marino Racing Organization) che in questa occasione sarà considerato organizzatore.

Grazie alla Segreteria di Stato per il Turismo e all’Ufficio di Stato per il Turismo anche questa edizione è inserita nel “Natale delle Meraviglie”, la bellissima iniziativa che attira sulla Rocca di San Marino tanti turisti, fra splendidi mercatini di Natale, luci ed addobbi, eventi, spettacoli e tanto altro ancora a rendere l’esperienza di una visita in Repubblica unica.
L’ospitalità, che per gli organizzatori di San Marino è sempre al top, farà sentire i concorrenti come a casa loro, perchè agli amici si riservano solo le cose migliori. E anche quest’anno chi parteciperà diverrà presto un ambasciatore dell’Historic Christmas San Marino.
Squadra che vince non si cambia, si dice. Perciò il programma prevede ancora il soggiorno al Village presso il Centro Vacanze San Marino, per dormire a pochi metri dalle amate vetture. Sempre da qui si partirà per il il prologo del sabato 9 dicembre con a seguire il passaggio nel centro storico della Repubblica del Titano per ammirare le luminarie, perchè San Marino in questo periodo ha un fascino particolare, magico…
Il percorso continua alla scoperta del territorio Sammarinese che non è fatto del solo monte Titano con le sue rocche, i suoi musei e le centinaia di negozi, ma dei suoi Castelli che sono anche i nove comuni racchiusi nella Repubblica di San Marino. In ognuno di essi ad attendere i concorrenti ci saranno i rappresentanti delle istituzioni locali e l’abbraccio delle piazze.
Visto il ponte dell’Immacolata, il Centro vacanze San Marino applica pacchetti molto convenienti per il pernottamento del venerdì, una ghiotta occasione di passare l’intero week end a San Marino godendo delle iniziative presenti sul territorio.
Il programma è molto più ricco ma come sempre non viene svelato del tutto, non si partecipa all’ Historic Christmas San Marino… lo si vive.

MONTAGNE D'ARGENTO: LE AUTO CLASSICHE IN VAL DI FIEMME






Erano una trentina le splendide auto d’epoca che si sono ritrovate sabato 16 settembre alle verifiche della sesta edizione di Montagne d’Argento, la “classica” ed imperdibile competizione organizzata dalla Scuderia Trentina Storica. Da Via Bronzetti a Cavalese, nella splendida Valle di Fiemme in Trentino, sabato c’erano tantissimi curiosi e ancora molti turisti ad approfittare dell’ultimo sole estivo e ad ammirare le vetture storiche dei concorrenti, dalla Fiat 520T del 1928 all’Alfa Romeo Duetto spider del 1985, passando per tutta la gamma della Lancia Fulvia coupé , Porsche 912 e 911, Triumph, Fiat 124 sport e 128, Citroen DS, VW Maggiolino, Mini Cooper, Fiat 600, MGA. Fra le auto più rare ad attirare l’attenzione soprattutto un raro esemplare di Fiat 1100 TV E cabriolet, una Alfa Romeo Gran Sport 4ruote ed una lussuosa Alfa Romeo 2300 coupé S. Presenti in forze fra i club di auto storiche ASI l'H.C.C di Verona e l’A.M.A.M.S. di Mantova con 5 vetture per Club, a conferma della validità di questo evento, fortemente voluto fin dalla prima edizione dall’amministrazione di Cavalese e dall’Azienda Promozione Turistica con il coinvolgimento di altre realtà economiche della zona. Ultimate le verifiche, sotto un caldo sole autunnale ha preso l’avvio la prima tappa con 23 P.C. di precisione e 2 C.T., uno al Factory Shop de La Sportiva, azienda fiemmese leader nell'abbigliamento e attrezzatura outdoor ed il secondo nella località sciistica di Pampeago. Al rientro a Cavalese i concorrenti sono stati accolti da un aperitivo “rinforzato” alla Gelateria 3 Valli con degustazione dei vini della valle di Cembra, mentre la cena al Romantik Hotel La Stua con un menù tipico molto apprezzato dai partecipanti ha completato la serata. Domenica mattina la pioggia ha rinfrescato la zona e la seconda tappa di 28 P.C. si è svolta in condizioni più invernali che autunnali, con la neve che scendeva al passaggio delle vetture al C.T. di Passo San Pellegrino. Una schiarita per mezzogiorno ha permesso ai concorrenti di ammirare la valle di Fiemme dall’alto dell’Alpe Cermis, dove alla baita Dosso Larici , alla fine di un pranzo con piatti km 0, si sono tenute le premiazioni.
Alla fine delle 51 P.C. il migliore è risultato l’equipaggio Spagnoli - Bulzoni portacolori dell'Old Wheels Club di Brescia sulla Fiat 520 T del 1928, già vincitore dell’edizione del 2015, secondi e terzi i coniugi milanesi Colombo, con l’equipaggio Fabio Colombo Longoni al secondo posto su Lancia Fulvia Sport 1,3s del 1970 e terza la moglie Ornella Bestetti con la figlia su Lancia Fulvia Coupé 1,3HF del 1968, mentre l’Historic Car Club di Verona ha vinto la Coppa Club grazie alle prestazioni di Omarchi - Salvetti e Loncrini. Numerose altre coppe ed omaggi in natura sono stati consegnati ai partecipanti, evitando come consuetudine della Scuderia Trentina Storica di premiare due o più volte lo stesso equipaggio. I concorrenti sono stati premiati dal Sindaco e della Presidente del Consiglio Comunale di Cavalese che hanno salutato i concorrenti con un arrivederci alla settima edizione, alla quale ha promesso di partecipare anche il delegato A.S.I., il pescarese Agata , colpito dalla bellezza dei luoghi e dall’ospitalità delle strutture turistiche coinvolte dall'evento. Grande la soddisfazione del responsabile organizzativo della S.T.S. Giuseppe Gorfer e dei sui collaboratori per i complimenti ricevuti dagli equipaggi, preludio ad un’edizione 2018 ancora più partecipata.







Per info : Staff Manifestazioni Scuderia Trentina Storica

tel. 0461.866510

fax. 0461.1860991

manifestazioni@scuderiatrentinastorica.it

CONVERSO-POLATO VINCONO LA DECIMA RIEVOCAZIONE STORICA DELLA COPPA MONTE VENDA

l'equipaggio vincitore Converso-Polato
Dieci edizioni della rievocazione storica della Coppa Monte Venda, centinaia di iscritti e migliaia di spettatori sui Colli Euganei. Questa è in sintesi la storia di dieci pagine di gloria rappresentate dalla Coppa Monte Venda, una vera e propria icona dell’automobilismo sportivo. Oggi la Coppa Monte Venda vive ancora come gara di regolarità turistica per auto storiche, un’avventura che da dieci anni i ragazzi della Gu Gu Corse sono riusciti ad 'inventare’, appunto dieci anni fa quasi per scommessa, e che da allora rimane un appuntamento imperdibile ed atteso dai tanti appassionati delle auto storiche e dei Rally di un tempo, quelli veri, che si correvano di notte tra tornanti e curve su sterrato. Tanti ricordi e tante emozioni da voler far rivivere anche oggi.
L'ambientazione magari oggi è diversa, ma lo spirito e la passione, di organizzatori e partecipanti rimane lo stesso: correre con la propria auto su quelle strade tanto gloriose. Ne è un testimone, forse unico, Luciano Nariuzzi che oggi come ieri con tanta grinta ha portato la sua Topolino sui tornanti del Roccolo, tra gli applausi calorosi ed emozionanti dei tanti spettatori ad incitarlo. E proprio su quei tornanti tra un pubblico inaspettato molti hanno rivissuto le emozioni di un tempo. Insomma sembrava di essere tornati indietro di quarant'anni…
Ed è proprio questo che i 90 concorrenti al via di questa Coppa Monte Venda 2017 hanno voluto tributare un grande applauso, premiando così con il cuore i 'ragazzi' della Gu Gu Corse al via a ed all'arrivo della gara.
Questa decima edizione della manifestazione a calendario Csai Acisport ha avuto come fulcro la partenza e l’arrivo a Bresseo, ai piedi dei Colli Euganei con lo start nel primo pomeriggio di sabato 30 settembre, sotto un caldo sole autunnale ed il finale in serata dopo duecento chilometri di gara e la disputa di dodici prove cronometrate, con passaggi per i centri di Teolo, Castelnuovo, Fontanafredda, Bastia e Rovolon, e nel vicentino a Sossano Zovencedo, Mossano, Nanto e Ponte di Barbarano. Alla fine, all'arrivo a conquistare la Coppa per la vittoria assoluta di questa decima edizione della Coppa Monte Venda, sono stati Dario Converso e Flaviano Polato su A112 Abarth. La coppia della Scuderia Padova Autostoriche è stata in testa alla classifica fin dalla prima prova cronometrata di Teolo, ma seguiti da vicinissimo dalle dame della Nettuno Autostoriche Scarioni-Rivogni su Austin Mini, tanto che dopo la decima prova i due concorrenti erano staccati di un solo centesimo di secondo. Ma nella ultime due prove di San Pancrazio e Val D'Oca, ormai all'imbrunire, Converso-Polato facevano segnare nella prima un centesimo di penalità e nella seconda due centesimi, distaccando nettamente le rivali al traguardo finale. Al terzo posto i rodigini Turri-Frascaroli su Fiat 128 della Cams, favoriti della vigilia ed attardati da qualche errore di troppo nel finale di gara. Tra le auto moderne vittoria del padovano Filippo Viola su lancia Delta integrale alla stratosferica media di 4, 5 centesimi di penalità. Un vero top driver. Mentre tra le scuderie il primo posto è andato alla Padova Autostoriche.
La corsa è stata anche l’occasione per i concorrenti di un gesto di solidarietà nei confronti dei bambini del Reparto di Oncoematologia Pediatrica di Padova attraverso l’Associazione Teamforchildren Onlus.

RADUNO TOURING SUPERLEGGERA IN VAL GARDENA


Il 29/30 settembre  i gioielli della Carrozzeria Touring Superleggera si sono riuniti per un
bellissimo raduno sulle Dolomiti e piu’ precisamente a Santa Cristina Val Gardena. Il raduno che
ha visto  la partecipazione di circa 40 equipaggi provenienti dalla Germania, Svizzera, Danimarca,
Spagna ed Italia, organizzato dal Registro Internazionale Touring Superleggera che per
l’occasione si e’ avvalso della  collaborazione del Veteran Car Team Bolzano sodalizio
altoatesino scelto appositamente per la Sua conoscenza del territorio  e per la Sua
professionalità.
Dalla Carrozzeria Touring Superleggera grazie al suo fondatore Ing. Carlo Felice Bianchi
Anderloni
sono uscite le prime “ barchette “ Ferrari  insieme a numerose auto di successo come l’ Alfa
Romeo 2300 B 1000 Miglia , la Lancia Aprilia Sport del 1938, Alfa Romeo 1900 Coupe’  SS del
1956, Alfa Romeo 2000 e 2600 ( queste per la verita’ non erano marchiate Superleggera) ed
ancora l’indimenticata Lancia Flaminia Convertibile e Coupe’, proprio queste vetture sono state
ammirate anche domenica 1° ottobre in Piazza Walther a Bolzano dove Alberto Bianchi Anderloni
e Davide Brancalion ( presidente del Veteran Car Team Bolzano ) hanno presentato al numeroso
pubblico presente questi veri e propri gioielli del design e della tecnica.
Ma veniamo ora in modo ben dettagliato al programma svolto.
Dopo essersi accreditati presso lo Smart Hotel Saslong di Santa Cristina Val Gardena i
partecipanti in colonna si sono diretti al Passo Gardena e dopo le foto di rito hanno raggiunto
Passo Valparola per la doverosa visita al Museo della Guerra “ Tre Sassi “.
Poi tutti d’un fiato i Passi Pordoi e Sella per essere pronti in serata a salire con la funivia all’Alpe
di Siusi. Le Dolomiti imbiancate gia’ nel mese di Settembre sono sempre un’emozione per tutti,
un tramonto senza parole e poi dopo una ottima  cena, tipica tirolese, una passeggiata per il
centro di Ortisei a conclusione della impegnativa giornata.
Sabato mattina dopo una colazione internazionale pronti e via attraversando tutta la Val Gardena
per risalire a Barbiano fino all’Altipiano del Renon, attraverso la stretta ma impagabile via delle
Castagne, i davanzali delle finestre ancora pieni di fiori salutano queste splendide auto, i
panorami continuano a cambiare dai prati appena tagliati alle “ Erd Piramiden “ ( Piramidi di
Terra ) fino alle rocce di porfido, la gioiosa carovana ha raggiunto Sarentino dove presso lo
“ Stofnerhof “  li attendeva una tipica  merenda sudtirolese a base di Speck e pane di segale.
Ripartenza per il Passo Pennes ( 2.228 Metri di altitudine ) dove oltre al sole li ha attesi anche
una fitta nebbia, uno spettacolo. Raggiunta la Val Ridanna per l’ottimo pranzo al Sonnklarhof le
vetture molto velocemente attraversando la Val d’Isarco venivano accolte a Chiusa uno dei “
Borghi piu’ belli d’Italia “ visita guidata della Chiesa dei Cappuccini e visita del Museo Civico
dove i partecipanti hanno potuto ammirare il Tesoro di Loreto dono della Regina Anna di Castiglia
alla meravigliosa cittadina.  Foto di rito con la Reginetta della “ Torggelenfest” ( Festa
dell’Autunno ) prima di passare attraverso vicoli medioevali ai saluti della locale guida  Werner
Fink. A conclusione della giornata dopo aver svolto l’annuale assemblea del Registro una cena
Gourmet preparata per l’occasione dallo Chef Norbert Dejako al Blue Restaurant di Santa
Cristina. 
Domenica dopo aver visitato con grande attenzione presso il Museo Archeologico “ OETZI – LA
MUMMIA DEL SIMILAUN “ la carovana ha raggiunto un altro “ Borgo piu’ Bello d’ Italia “ Egna. La
ridente cittadina sulla Strada del Vino ha accolto gli ospiti sotto i suoi portici medioevali
complice anche una leggera pioggia. Pranzo presso il rinomato Ristorante Museo “Johnson e
Dipoli “ prima dei doverosi saluti di commiato. 
.