mercoledì 18 settembre 2019

A CAORLE IL 29 SETTEMBRE LE PREMIAZIONI DEL TROFEO NORDEST



Domenica 29 settembre alla Mostra Scambio Internazionale Caorle 2019 – Auto Motostorica saranno premiati i vincitori del Trofeo Nordest regolarità auto storiche 2019.

All’interno della fiera di Caorle, alle ore 11, saranno consegnati i Trofei ai vincitori assoluti del campionato, ed ai primi cinque classificati della categoria piloti e navigatori.

Un appuntamento importante per festeggiare il Trofeo e gli eventi che ne hanno fatto parte. Il “TROFEO NORDEST Regolarità Autostoriche, abbreviato TRNE, è stato istituito e destinato a premiare tutti i partecipanti che, nel corso della stagione 2019, hanno partecipato agli eventi inseriti nel Calendario delle manifestazioni, tutti gli eventi con tipologia regolarità classica.

Il Trofeo comprende manifestazioni di Regolarità A.S.I. per auto storiche in Friuli Venezia Giulia, Veneto e Trentino Alto Adige (Triveneto), quest’anno composto da quattro eventi la Trieste Opicina Historic del Club dei Venti all’Ora di Trieste e il Colli Goriziani Historic del Club Gorizia Automoto Storiche di Gorizia ad aprile, il Piancavallo Revival del Club Ruote del Passato di Pordenone a luglio, e per concludere a settembre con il Circuito di Conegliano del Club Serenissima Storico di Conegliano, per l’edizione 2020 ci saranno sicuramente delle novità con l’ingresso di altre importanti manifestazioni.

Ad aggiudicarsi il Trofeo Nordest 2019 sono Tiziano Baldissera , tra i piloti, e Edoardo Covaz, tra i navigatori.

Classifica Piloti: 1. Tiziano Baldissera, 2. Carlo Rugo, 3. Ennio Demarin, 4. Amedeo Cicuttini, 5. Giancarlo Ferro.

Classifica Navigatori: 1. Edoardo Covaz, 2. Paola Varaschini, 3. Lia Castellano, 4. Sergio Pittolo, 5. ex-equo Silvano Petrani e Piepaolo Puhali.

.
 
 
 

 

 

giovedì 12 settembre 2019

G P DI MODENA SULLE STRADE DI ENZO



Le iscrizioni sono già a buon punto e tutto è pronto per il Gran Premio di Modena - Sulle Strade di Enzo.
L'iscrizione alla gara comprende l'ingresso alla Fiera di Modena in occasione del Motor Gallery!!
La gara, organizzata in collaborazione da Circolo della Biella e Autoconsult è previsa per il 21 Settembre, con partenza e arrivo a Modena: 30 Prove Cronometrate tra le colline Modenesi per circa 100 Km da percorrere.
In più: presso la Fiera di Modena un circuito di Prove Spettacolo in occasione del Motor Gallery!
Il percorso si snoda interamente nella magnifica cornice delle Colline Moreniche, tra borghi, paesaggi molto suggestivi e ottima cucina: previsti infatti colazione, breve break di ristoro, buffet e cena finale.

Visita il sito della manifestazione per scoprire tutti i dettagli, scarica:

- il programma- la cartina
- la scheda di iscrizione.


342.1626490- info@autoconsult.it www.autoconsult.it www.circolodellabiella.it

MODENA RITORNA SULLE STRADE DI ENZO



Era il lontano 23 aprile del 1911 quando a Modena prese il via la Gara di Regolarità, in cinque lunghe e faticose tappe giornaliere, il Gran Premio di Modena.Vi parteciparono soprattutto vetture turistiche guidate da amatori. La cronaca parla della presenza di un giovane di nome Antonio Ascari, futuro campione e padre del grande Alberto Ascari, su una De Vecchi.

Il Circolo della Biella ha fatto riemergere la competizione di regolarità, quest’anno quinta edizione dalla rinascita.

A conferma di quanto nel passato e nel presente Modena, sia sempre stata la capitale mondiale dell’automobilismo sportivo, si svolgerà una gara di regolarità classica e raduno per auto storiche sulle strade dove Enzo Ferrari collaudava le sue auto da corsa, valorizzando al contempo i territori e suoi prodotti.

L’atteso Gran Premio di Modena  IN PROGRAMMA IL 21 SETTEMBRE non deluderà le aspettative dei nuovi iscritti e chi come l’anno precedente sono rimasti contenti della giornata trascorsa, le stradine impegnative , ricche di storia e il fascinoso autunno alle porte hanno regalato emozioni genuine, offrendo nella seconda meta di settembre , uno spaccato della trazione sportiva emiliana, dando altresì la possibilità di partecipare a una competizione vera di regolarità automobilistica.

La partenza sarà nel cuore di Modena, nella cornice dei Giardini Ducali, una sfilata nel centro storico ripercorrendo le strade dove Enzo Ferrari collaudava i suoi capolavori di meccanica ci porterà nell’Appennino Modenese intervallate da prove dei regolarità.

L’ultima delle 25 prove cronometrate sarà all’interno della Fiera di Modena in occasione di Motor Gallery 2019, con una spettacolare prova finale!

Pranzeremo nella terrazza della fiera e nel primo pomeriggio si svolgeranno le premiazioni all’interno del padiglione dell’Aci, dando la possibilità agli equipaggi di vistare la fiera, importante salotto motoristico.

Edizione particolare, perché proprio 30 anni fa alla fine di settembre ad inaugurare Modena Esposizioni ( oggi Modena Fiere..) fu "Italian Classic Car Show" e il Circolo della Biella ne era importante collaboratore.

Per l’ occasione verrà premiata la vettura di particolare livello collezionistico.

Una giornata di grande passione che vedrà sfilare equipaggi con vetture costruite fino all’90 e che potranno iscriversi alla Regolarità Turistica tutti quelli appassionati del ‘cronometro’, o al Raduno Turistico per quelli che vogliono invece godersi appieno le … ‘Strade di Enzo’.

7° COPPA CITTA' DI SOLESINO






In perfetto stile Ruote Storiche Solesino, la 7^ edizione della Coppa Città di Solesino -19 e 20 ottobre 2019 – cambia nuovamente pelle. Gara ancora una volta tutta rinnovata! La Scuderia del Presidente Simone Checchetto si è trovata nuovamente di fronte al quesito: prendersi un anno sabbatico, o rischiare l’organizzazione dell’edizione 2019?

Tante le incognite: le nuove norme, il rischio di ripetersi e scadere nel banale, un po’ di fisiologica stanchezza, il rischio finanziario e le oggettive difficoltà operative di una sfida come questa.

Si è deciso per il meglio, la posta in gioco era troppo alta, vanificare il lavoro, l’impegno, il sacrificio di tanti anni.

La 7^ edizione della Coppa Città di Solesino si terrà i prossimi 19 e 20 ottobre, per la prima volta con “il sole alto”, ovvero con l’orario legale. Questa la prima novità, il voler proporre la gara prima del cambio dell’ora, con più luce e quindi diverse e maggiori prospettive rispetto a quanto è stato sin qui. Riteniamo che questo sia un elemento fondamentale, considerate le caratteristiche che avrà la gara.

La gara sarà semplice, non eccessivamente lunga ma… frizzante! Sì questo è l’aggettivo che confà al percorso tracciato da Tarcisio Tessari.

Un mix di cose già viste e novità, un ritorno al passato e un passo nel futuro: pianura, campagna, curve e… un po’ di salita!

La partenza sarà ancora da Granze, alle ore 9.00 della domenica.

Tarcisio Tessari ha redatto un tracciato lungo 143,40 Km, che toccherà 11 comuni, pochissimi centri cittadini e urbani, ma tanta “ruralità”: Granze, Sant’Elena, Solesino, Pozzonovo, Bagnoli di Sopra, Tribano, Anguillara, Monselice, Este, Baone (loc. Calaone), Arquà Petrarca.

Diverse le prove a strada chiusa o a senso unico di marcia. Alcune che per noi hanno “fatto la storia”, diremmo il miglior “medley” delle passate 6 edizioni della Coppa Città di Solesino tutte concentrate in una gara, ma anche prove nuove ed entusiasmanti.

30 saranno i test cronometrati, per un totale di 4h20’ di gara.

Ancora un doveroso, referenziale passaggio nella splendida cornice del “selciato” della seicentesca Villa Ca’ Conti di Granze, ma stavolta non per il pranzo.

La conclusione è una chicca, per tutti! Il pranzo finale al rinomato ristorante “La Montanella” di Arquà Petrarca. Un ristorante 5 stelle per concorrenti 5 stelle. Nel giardino dei colli euganei una cucina di alta qualità. Una vista mozzafiato dopo le ultime intese curve su strade storiche dei colli.

E’ quindi confermata la vocazione non solo sportiva ma anche volta alla valorizzazione del territorio della bassa padovana, tra attrazioni artistiche, naturalistiche, enogastronomiche.

Molte le novità anche sulle premiazioni finali… chi ci sarà… vedrà!



La Scuderia, con l’enfasi e l’entusiasmo del patron Flaviano Polato, è assolutamente certa che, nonostante le difficoltà , la 7^ Coppa Citta di Solesino potrà regalare emozioni sportive intense, con un percorso ancora una volta innovativo e caratteristico.



La presentazione ufficiale si terrà giovedì 3 ottobre 2019 alle 21.00 presso la sala Consigliare del Comune di Sant’Elena (Pd).

mercoledì 11 settembre 2019

UN FINE SETTIMANA CON I RALLY STORICI

Fine settimana ricco d'impegni per il Team Bassano che si prepara ad affrontare ben tre rally storici tra il Trentino, l'Emilia Romagna e la Lombardia: il San Martino di Castrozza, il Città di Modena ed il Valtellina, tutti valevoli per il Trofeo di Zona Aci Sport, in tre diverse aree geografiche.

A fare la parte del leone è il Rallye San Martino, terzo round del Trofeo della Seconda Zona, al quale sono iscritti undici equipaggi dall'ovale azzurro: s'inizia con la Lancia Stratos del recordman di vittorie nella gara dolomitica, Giorgio Costenaro che ritroverà Lucia Zambiasi sul sedile di destra; tocca poi a Tiziano e Francesca Nerobutto nuovamente al via con l'Opel Ascona 400 in cerca di riscatto dopo il passo falso di Udine, seguiti da Nicola Patuzzo ed Alberto Martini al rientro in gara con la Toyota Celica 4 WD. C'è molta attesa per vedere all'opera la nuova BMW M3 che Alberto Sanna condividerà con Alfonso Dal Brà, mentre per Gianluigi Baghin è pronta, una volta di più, l'inseparabile Alfa Romeo Alfetta GTV che dividerà con Elisa Presa. Accoppiata di Fiat per Lorenzo Scaffidi e Nicola Randon: il primo con la Uno Turbo in coppia con Natasha Freschi, il secondo con la Ritmo 130 TC e Martina Sponda alle note. Non manca alla gara di casa Antonio Orsolin che porterà al debutto la figlia Eva sulla Porsche 911 RSR e chiude la lista un trio di "due litri", con l'Opel Kadett Gt/e di Tiziano Savioli e Andrea Paccagnella, la Fiat 131 Racing di Egidio Lucian e Renato Resenterra e l'Alfetta GT di Gianfranco Pianezzola con Mirko Tinazzo alle note.
In ordine di tempo, sarà poi la volta del Rally Valtellina Storico, promosso nel T.R.Z. della Prima Zona, che vedrà ad aprire la gara la Porsche 911 SC Gruppo B di Ermanno Sordi e Claudio Biglieri; primi a partire, saranno anche Massimo Voltolini e Giuseppe Morelli iscritti con la Porsche 911 SC Gruppo 4 al Rally Città di Modena, valevole quest'ultimo, per il Trofeo della Terza Zona.
Passando alla regolarità, si registra un nuovo risultato positivo per mano di Andrea Giacoppo e Daniela Grillone Tecioiu, primi nella classifica delle auto moderne al Trofeo Historic Nordest regolarità classica, disputato con la Fiat Cinquecento Giannini.
Notizie e aggiornamenti al sito web www.teambassano.com

Per la Scuderia Palladio Historic altrettanto grande l'impegno:  già pronta per un finale di stagione che propone un calendario denso, con il primo appuntamento già in archivio col Rally di Reggello Storico al quale hanno preso parte Alberto Salvini e Davide Tagliaferri con una nuova "mise": lasciata momentaneamente in garage la Porsche 911 in attesa del Rallye Elba Storico, alla gara fiorentina il duo ha rispolverato la Lancia Fulvia HF 1.6 Gruppo 4 con la quale, oltre alla vittoria di 2° Raggruppamento, hanno colto la quinta posizione assoluta.
L'attenzione si sposta ora all'imminente Rally San Martino Historique in programma nella località trentina venerdì 13 e sabato 14 prossimi in coda all'omonimo rally valevole per il Campionato Italiano WRC. Sette gli equipaggi iscritti, uno dei quali in gara tra le moderne: Alessandro Ferrari, infatti, ritrova la Lancia Delta Integrale Gruppo A che dividerà una volta di più con Piero Comellato.
Per le storiche, il San Martino sarà gara di notevole importanza per il T.R.Z. e vedrà al via Paolo e Giulio Nodari nuovamente su BMW M3 Gruppo A, stavolta messa a disposizione da Tuning Carenini, con la quale ambiranno ai vertici della classifica assoluta quanto in quella del Trofeo di Zona, obiettivo nel mirino anche di Riccardo Bianco con la Ford Sierra Cosworth 4x4 Gruppo A curata da Pro Motor Sport, sulla quale a navigarlo, ci sarà Andrea Budoia.
All'ombra delle Pale si darà anche il benvenuto a Giuseppe Bottoni, nuovo portacolori del sodalizio vicentino con la sua Opel Kadett GT/e Gruppo 2 condivisa con Stefano Nappa.
Al via anche il vincitore del Rally di Scorzè, Andrea Marangon con la performante Honda Civic Gruppo A e Massimo Darisi alle note, e torna in gara anche Daniele Danieli assieme a Roberta Barbieri sulla Fiat Ritmo 130 TC Gruppo A. Infine, Mario Mettifogo e Gloria Florio risalgono sull'Autobianchi A112 Abarth Gruppo 2, per una presenza oramai irrinunciabile a quel rally che è in cima alle preferenze del presidente della scuderia.
Il programma del San Martino prevede le verifiche e la prova spettacolo nella giornata di venerdì 13 e la disputa delle quattro prove Manghen, Murello, Gobbera e Val Malene al sabato.

Anche la regolarità chiama all'opera tre equipaggi della Palladio Historic: Carlo Marcucci e Giovanni Fante prenderanno parte all'Historic Nordest a Piancavallo, sabato 7 settembre, mentre alla regolarità sport Città di Modena della settimana successiva sono iscritti Daniele Carcereri e Orazio Franchini su Peugeot 205 GTI e Ezio Franchini con Gabriella Coato su Talbot Sunbeam TI.



Altre notizie ed informazioni della scuderia, al sito web www.palladiohistoric.it


7° VALLI BIELLESI


E' alle porte l'appuntamento con "Valli Biellesi - Oasi Zegna", gara di regolarità per auto storiche giunta alla settima edizione, che si svolgerà a Biella sabato 28 e domenica 29 settembre. Ultimo dei dieci appuntamenti del Campionato Italiano Regolarità Auto Storiche, l'evento biellese si fregia per il terzo anno consecutivo della prestigiosa titolazione e offre ai contendenti della massima Serie nazionale impegnati nell'ultima, decisiva, sfida stagionale lo splendido palcoscenico del territorio biellese, dove spicca la perla dell'Oasi Zegna.
Uno dei fiori all'occhiello della manifestazione, oltre all'alto livello dell'ospitalità, sarà infatti il percorso che si snoda con vista sulle montagne del massiccio del Monte Rosa, sulle strade rese famose dal Rally della Lana transitando per quella "Panoramica Zegna" voluta da Ermenegildo Zegna, il fondatore dell'omonimo lanificio che si dedicò alla riforestazione della zona, oltre che a costruire la strada che attraversa l'Oasi Zegna.
Aperte da alcuni giorni, le iscrizioni si potranno inviare sino alle 18 di mercoledì 23 settembre; altri punti salienti del programma, vedono le operazioni di verifica presso "The Place" Luxury Outlet a Sandigliano, sia nella serata di venerdì 27 dalle 18 alle 21, quanto nella mattinata di sabato 28 dalle 9 alle 11. Dal Centro Zegna di Trivero Valdilana, alle 13.30 verrà dato lo start alla prima vettura che si avvierà ad affrontare il percorso della prima tappa il cui epilogo è previsto all'Hotel Cascina Era di Sandigliano con la cena di gala a chiudere la giornata.
Ruoterà tutto attorno a Piazza Martiri a Biella il secondo giorno di gara, con un percorso inframmezzato dalla sosta pranzo al Rifugio Monte Marca di Bielmonte, nel cuore dell'Oasi Zegna; sei le ore della seconda frazione, con la partenza alle 9 e l'arrivo alle 15 in centro città che sarà anche teatro della cerimonia delle premiazioni, in programma per le 16.30.
Poco meno di duecentonovanta i chilometri di gara lungo i quali sono previste novanta prove cronometrate.
Abbinata alla "classica", anche la gara con la formula "turistica" che copia pari pari il programma e lo svolgimento, con l'unica differenza nel numero dei rilevamenti che saranno quaranta.
Lo scorso anno la gara di Campionato fu vinta da Barcella e Ghidotti su Porsche 356, mentre la turistica ha celebrato il successo di Anselmetti e Vergano su Talbot Sunbeam Lotus.

Informazioni e documenti di gara, sono disponibili al sito web www.vallibiellesi-oasizegna.it

OCCHI PUNTATI SULLA REGOLARITA' A MEDIA



Tre edizioni con la regolarità sport, due col rally storico e La Grande Corsa per il 2019 alza l'asticella proponendo anche la gara di regolarità a media, che va ad aggiungersi alle altre due gare che si svolgeranno a Chieri venerdì 8 e sabato 9 novembre. In Italia, dove la regolarità ha un buon seguito soprattutto con le tipologie "classica" e "sport", quella a media ha iniziato da poco a farsi conoscere soprattutto grazie anche al Campionato Italiano che sta vivendo la sua seconda stagione; situazione opposta, si verifica in Francia e Spagna - ma anche in altre nazioni - dove la "media" gode di grande consenso con gare che registrano spesso elenchi a tre cifre.

L'associazione Amici di Nino e il Club della Ruggine hanno unito per la terza volta idee ed energie ed hanno deciso per l'aggiunta della regolarità a media alle due gare esistenti, convinti che la specialità in breve tempo avrà il riconoscimento che merita. E per offrire il massimo della qualità è stato stipulato anche un accordo con la ditta spagnola Blunik, che affiancherà con i propri evoluti strumenti, i cronometristi della nostra Federazione: quest'ultimi gestiranno controlli orari e partenze delle prove, mentre i risultati dei rilevamenti dei controlli segreti e delle prove di media verranno elaborati da uno staff di tecnici spagnoli. Una soluzione innovativa e di alto livello che permetterà di gestire con semplicità il numero elevato di rilevamenti, che saranno circa una novantina.

La Grande Corsa regolarità a media, vuole in questo modo entrare in questo mondo proponendo una gara avvincente e, visto anche il periodo, lanciare un messaggio a quegli equipaggi che già si stanno preparando per il Rally Montecarlo Storico del 2020.

martedì 10 settembre 2019

storie di rally


Un giornale on line tutto dedicato ai rally? Sì, è questa la grande emozione che regala www.storiedirally.it.
Per i veri appassionati un sito imperdibile!

lunedì 9 settembre 2019

LANCIA FULVIA: MEETING A BIELLA

La città di Biella - memore del successo del World Stratos Meeting ospitato nel 2016 - punta nuovamente i riflettori sulla storia dell'automobilismo con un evento di caratura internazionale dedicato nuovamente al marchio Lancia e a quella che si può senza dubbio definire una delle icone del marchio torinese: la Fulvia.
Un nuovo tributo al marchio Lancia, in un territorio di "Lane e di motori", culla della rivoluzione industriale tessile dell'800 dove, con lo sviluppo proprio dell'industria tessile, si creano i presupposti anche per la nascita delle officine meccano-tessili rendendo il biellese estremamente evoluto sotto tutti gli aspetti meccanici.

Queste situazioni generano, nel tempo, una cultura e una ricchezza che sfociano anche nell'oggetto simbolo del '900: l' automobile che nella sua evoluzione porta alla ribalta piloti ed eventi quali: Carlo Felice Trossi, Antonio Brivio, il circuito automobilistico di Biella, la Biella-Oropa, e qualche anno più tardi Giovanni Bracco, Umberto Maglioli. E ancora: Claudio Maglioli, Federico Ormezzano, la Occhieppo-Graglia, il Rally della Lana, Piero Liatti e la costruzione dello stabilimento Lancia di Verrone.
In questi anni personaggi ed eventi contribuiscono a rendere Biella uno dei punti di riferimento principali della storia dell'automobilismo e lo stesso Automobil Club di Biella è uno dei più antichi d' Italia; il concessionario Bocca diventa la prima concessionaria nazionale della Lancia.
Lancia, la fabbrica dalla quale escono vetture passate alla storia, come la Lambda, l'Aprilia, l'Aurelia e la Fulvia; quest'ultima prima in versione berlina, poi coupè con una cilindrata che sale fino a 1.600 centimetri cubici nella corsaiola versione HF, quella conosciuta come "Fanalone" che a cinquant'anni dalla nascita si può considerare un mito della produzione Lancia ed in generale delle vetture da corsa.
Ed è alla Fulvia, nelle sue molteplici versioni - berlina, coupè, sport Zagato - e cilindrate, che il 5 e 6 ottobre 2019 viene dedicato questo tributo: un'opera unica dove gli appassionati potranno incontrarsi e stare insieme ai grandi protagonisti che hanno fatto la storia sportiva, e non, di questa vettura. Sono infatti attesi a Biella, progettisti, dirigenti, piloti, meccanici, preparatori, collezionisti, giornalisti per una due giorni sotto il segno dell'elefantino Lancia!
Il programma, attentamente studiato dagli organizzatori, propone momenti dinamici come la sfilata che va a toccare luoghi simbolo del Biellese e i giri in pista con prove di abilità e precisione al Balocco FCA Proving Ground, ad altri a stretto contatto con gli illustri ospiti come durante la conferenza con dibattiti e proiezione dei filmanti o la cena di gala con una particolare disposizione degli invitati ai tavoli. Di pregio anche il gadget appositamente realizzato: una sciarpa in cachemire con i colori della Fulvia.

SFIDA LA PIOGGIA IL CIRCUITO DI CONEGLIANO


Neppure il maltempo e la pioggia incessante per gran parte della gara hanno rovinato la festa del Circuito di Conegliano, domenica 8 settembre, giunto alla invidiabile ventunesima edizione della rievocazione storica del Circuito di Conegliano, una delle prima gare di auto su strada corse in Italia ad inizio del secolo, e che vide tra i suoi partecipanti anche il mitico Ettore Bugatti.
La manifestazione trevigiana, organizzata come sempre dagli appassionati del Club Serenissima Storico, era anche valida quale quarta prova del Campionato Triveneto ASI. La rievocazione storica del Circuito di Conegliano ha così riportato ancora una volta le auto storiche sulle strade di quella che fu una delle prime gare automobilistiche del Triveneto. Per questa edizione gli organizzatori del Club Serenissima Storico hanno previsto, come da tradizione, un programma che univa alla sfida con il cronometro anche l’aspetto turistico: erano previsti una trentina di passaggi cronometrati lungo le colline attorno a Conegliano e Vittorio Veneto per un totale di circa 100 chilometri, di quello che è il Patrimonio dell'Umanità dell'Unesco, con passaggi resi impegnati dal fondo reso viscido dalla pioggia incessante. Come ormai da tradizione al via si sono presentati oltre 50 concorrenti (numero massimo previsto dagli organizzatori), con alcuni top della regolartà in cerca della vittoria assoluta.

Le verifiche e i controlli pre-gara domenica di prima mattina sempre a Conegliano nella tradizionale sede di piazzale Zoppas. Alle 9.01 il via al primo concorrente da Viale Carducci dove era prevista la prima prova cronometrata. Inizio poi delle varie serie di prove concatenate sull' itinerario lungo le caratteristiche strade delle colline del Prosecco fino ad arrivare alla sosta di Vittorio Veneto. Dopo un ristoro, ripartenza per altre prove sempre su un percorso collinare sulla pedemontana costeggiando i filari delle uve del Prosecco che in questo periodo vengono vendemmiate. Alle 13 arrivo del primo concorrente al ristorante Primavera di Godega di San Urbano dove terminata la parte agonistica della manifestazione per passare al pranzo e alle premiazioni, dato che il maltempo ha consigliato gli organizzatori di evitare il trasferimento per il centro di Conegliano per le classiche premiazioni davanti a tanti cittadini e turisti.

Alle premiazioni ha partecipato anche il sindaco di Conegliano, Fabio Chies che ha sottolineato: "L'importanta di una manifestazione come il Circuito di Conegliano che riporta sulle strade auto che sono la storia del Paese e del mondo, una storia del Made in Italy di cui dobbiamo essere orgogliosi, e da difendere, con la speranza che i giovani vedendo passare questi pezzi di storia si appassionino alle auto di un tempo".

Quindi si è passati alle premiazioni, che hanno visto sul grado più alto del podio salire la coppia formata da Tiziano Baldissera ed Edy Covaz con la Lancia Fulvia del Club Ruote del Passato che hanno tenuto a distanza i rivali Amedeo Cicuttini e Lica Castellano alla guida della Fiat 1100 del Club 20 all'Ora, seguiti dai compagni di squadra Rugo- Varaschini su Porsche 356. La top five, vede poi Demarin-Ruzzier (Lancia Fulvia), e Donzelli- Galano (Fiat 128( del Cmae di Milano. Mentre la classifica per scuderia è stata come sempre appannaggio dei Regolaristi Friulani. A conclusione tra applausi e brindisi il presidente del Club Serenissima Giorgio Foramiti, ha dato appuntamento a tutti per l'edizione 2020 del Circuito di Conegliano.

domenica 8 settembre 2019

UNA SERATA RICORDANDO IGNAZIO GIUNTI

A Padova presso l'associazione Parco Chiuso si è tenuta venerdì 6 settembre la presentazione del libro "Ignazio Giunti. Un Pilota,  un'epoca", scritto da Vittorio Cusini Cottafavi, nipote del giovane pilota scomparso all'inizio di una carriera che si preannunciava brillante nel 1971 in un tragico incidente sul circuito di Buenos Ayres,
L'autore era intervistato dal giornalista sportivo Enrico de Lutio, ma fra i molti partecipanti e appassionati, spiccava la presenza di Nino Vaccarella, il mago della Targa Florio, che nel 1970 con Giunti ha vinto la 12 ore di Sebring sulla Ferrari 512 S.
Fra lo scorrere delle foto e dei ricordi, in tanti sono tornate alla mente le corse più belle di quegli anni, passando dalle prime gare in circuito disputate da Giunti con l'Alfa Romeo fino all'arrivo in Ferrari nelle stagioni epiche delle corse di durata, da Le Mans alla 1000 km di Monza, arrivando a toccare le poche esperienze del pilota romano in Formula 1.
Tanta emozione hanno suscitato anche i racconti di Nino Vaccarella, lucidissimo non ostante l'età, e l'atmosfera amichevole che ha stretto n
insieme tutti i presenti, fra cui non mancavano personaggi del mondo dei rally, come il campione italiano Tonino Tognana.

LAGO E COLLINE A QUOTA NOVE

Tutto è pronto per il “9°Trofeo Lago e Colline”  Memorial Giulio Dallora, manifestazione Formula ASI in programma domenica 20 ottobre 2019. Saranno diverse le novità di questa edizione a partire dalla locandina,completamente rivista.
La partenza quest’anno per la prima volta non  sarà dal Lago di Garda, come le passate edizioni, ma in collina, dalla Piazza del Comune di Caprino Veronese, per poi terminare nei pressi del Lago.
Come di consueto,da parte dell'Historic Car Club di Verona durante le verifiche verrà offerta a tutti gli iscritti la colazione, mentre
a metà mattina è stata organizzata una visita guidata presso una delle Fortezze dell’Impero Austriaco costruita nel 1850 con annesso museo della prima guerra mondiale che si trova nella stretta del fiume Adige.
Alla fine della visita, sempre lo storico club veronese offrirà un rinfresco.

Altra novità di quest’anno sarà l’apripista, Al via con il numero zero sarà un'auto d’eccezione che arriva direttamente dalla 1000 Miglia.
Il percorso sarà  dicirca 90 km ed .avrà le sue peculiarità. Ci saranno circa 60 PC,alcune inedite altre tra le più richieste dai concorrenti delle prime edizioni.

Ritrovo x verifiche dalle 7.30 alle 09.00, partenza ore 09.30,arrivo con pranzo e premiazioni 13.30.

Anche quest’anno grazie all'interessamento dell’organizzatore e consigliere HCC Gianfranco Loncrini l’AVIS di Caprino Veronese  ha offerto la propria collaborazione, a loro ed ai comuni di: Affi,Caprino Veronese,Costermano sul Garda,Garda,Pastrengo,Rivoli Veronese,S. Zeno di Montagna va un ringraziamento particolare da parte di tutti quanti, organizzatori e partecipanti.

(per esigenze organizzative si potranno accettare max 50 equipaggi)

sabato 7 settembre 2019

G P NUVOLARI: L'ELENCO CONCORRENTI E' ONLINE

E' online sul sito web www.gpnuvolari.it l’elenco dei partecipanti al Gran Premio Nuvolari 2019  che si terrà dal 2 al 22 settembre..

CANOSSA GRAND TOURS



Una nuova iniziativa sta prendendo campo nel mondo dell'automobilismo d'epoca. Canossa Events, leader nell’organizzazione di eventi automobilistici,  propone un nuovo progetto  dal nome Canossa Grand Tours che abbraccia la passione per la guida con il turismo di lusso: una novità assoluta che si preannuncia come la pietra miliare di un modo assolutamente originale di vivere il “Bel Paese”.

Canossa Grand Tours nasce dall’idea della crociera, nella quale gli ospiti possono godere non solo dei punti di arrivo, ma anche del tragitto da una destinazione alla successiva, accompagnati dall’organizzazione di Canossa Events.  "Crociere sulla terraferma", in cui il viaggio rappresenta una parte significativa della vacanza. Un piacere decisamente attivo, dove i partecipanti diventano i protagonisti di una vacanza automobilistica senza pari esplorando le strade più emozionanti d'Italia, immersi in panorami indimenticabili. Attraversando città d’arte e piccoli borghi, assaporando le peculiarità dell'Emilia-Romagna, della Lombardia, della Toscana e della Liguria.

La “rotta”, ripetuta ogni settimana da Maggio a Ottobre, comprende città famose come Milano e Firenze, Modena e la Motor Valley, la Versilia e le Cinque Terre, ma anche "perle nascoste" del nostro Bel Paese, un'esperienza gastronomica di grande qualità e naturalmente il piacere di guidare su strade panoramiche in compagnia di altri appassionati con il vento tra i capelli.
Per chi sceglierà di partecipare a questi viaggi abbiamo creato una flotta speciale di auto, ovviamente Italiane. La scelta non poteva che cadere sulla Fiat 500, un’icona della storia dell’auto Italiana, famosa e amata in tutto il mondo, con una piccola iniezione di brio resa possibile da Abarth.

Per maggiori informazioni, visita il nostro sito: www.canossa.com

venerdì 6 settembre 2019

AL VIA IL CIRCUITO DI CONEGLIANO

Presto (domenica 8 settembre) al via la rievocazione del Circuito di Conegliano, gara di regolarità per auto d'epoca organizzata dal Club Serenissima Storico sulle colline del Prosecco, rivisitando le strade che videro passare tutte le edizioni della gara automobilistica omonima valevole per il campionato del  Triveneto negli anni '70.
A divertire i piloti le 30 prove cronometrate su un percorso di 100 km. che si correrà dalle 9 del mattino alle 4 del pomeriggio; per gli aspetti turistici, sempre cari ai partecipanti a questa gara Asi , le soste a Vittorio Veneto e Godega San Urbano, i passaggi fra i vigneti in prossimità della vendemmia, il centro storico di Conegliano che ospiterà, come da tradizione, la partenza e le premiazioni di questo avvincente piccolo Gran Premio delle colline del Prosecco.
Programma
Tabella tempi e distanze




Per info:

Tel. 0438.35617

Mail info@clubserenissimastorico.it

PROSSIMAMENTE LA PONTEDECIMO GIOVI

La prossima Rievocazione della Pontedecimo-Giovi si svolgerà a Genova il 21-22 settembre. 
Il sabato è previsto un giro su un treno storico mentre la domenica si effettueranno ben due salite su strada chiusa al traffico riecvocando una delle corse più importanti italiane.
Saranno ammesse vetture costruite entro il 1967.

giovedì 5 settembre 2019

Cultura e cibo: a Parma si riunisce il Forum mondiale UNESCO

A Parma il 12 e 13 settembre oltre 150 professionisti ed esperti internazionali si interrogano su come “salvare il mondo” a partire dal cibo, nodo centrale di ogni politica di sviluppo sostenibile a livello globale. Appuntamento nella Città Creativa per la Gastronomia UNESCO per ridefinire le linee guida che ci proietteranno nel futuro.
A Parma la cultura del cibo è un asset fondamentale, il principale heritage materiale e immateriale da trasmettere alle nuove generazioni. Ecco perché la Città Creativa UNESCO della Gastronomia è stata scelta come sede del quarto Forum mondiale di UNESCO “Cultura e cibo: strategie innovative per lo sviluppo sostenibile” che si terrà i prossimi 12 e 13 settembre, presso la Sala Ipogea del Parco Eridania.

Parma, capitale del Made in Italy gastronomico, rappresenta un polo nevralgico del settore, un luogo dove si intessono relazioni e saperi intorno al cibo, parte integrante di ciò che ci definisce e bussola fondamentale nel nostro percorso come società. Organizzato dall'UNESCO in collaborazione con il Governo della Repubblica Italiana, con il sostegno del Comune di Parma e della Regione Emilia Romagna, il Forum indaga la relazione tra cibo, cultura e società, il panorama in evoluzione della sicurezza alimentare e dei sistemi alimentari, e il loro ruolo chiave per l'attuazione dell'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile. Tutti temi che vedranno coinvolti oltre 150 esperti e stakeholder da tutto il mondo, con l’obiettivo ambizioso di contribuire a ridefinire le linee guida dei prossimi anni.
Si tratta dell’ultima tappa di un percorso che vede la città protagonista assoluta. “È un orgoglio ospitare questo evento mondiale, ringrazio UNESCO per averci scelti” commenta il Sindaco Federico Pizzarotti. “Uno degli obiettivi legati alla candidatura e al successivo riconoscimento UNESCO era mettere a disposizione di tutte le città del mondo, il modello Parma e le eccellenze della Food Valley, con le tradizioni, la cultura e il metodo di lavoro condiviso. Oggi Parma è un punto di riferimento per tutte le città UNESCO del mondo e degli esperti internazionali che lavorano su temi globali, come il cibo e lo sviluppo sostenibile”. Queste due giornate, conclude il sindaco, “rappresentano un ulteriore passo avanti per rendere la nostra città e la Food Valley sempre più internazionali e consolidare la rete a sostegno del sistema imprenditoriale di Parma e dell'intera Food Valley”.
Esprime grande soddisfazione anche l'Assessore al Turismo con delega al progetto UNESCO Cristiano Casa, che sottolinea la valenza di un simile appuntamento, con particolare riferimento alle personalità coinvolte, ospiti del Forum. “Riunire a Parma professionisti, esperti internazionali, rappresentanti del governo, IGO e ONG che condivideranno e progetteranno percorsi innovativi per raggiungere obiettivi di sviluppo sostenibile, è motivo di grande orgoglio per la nostra città ed è il riconoscimento del lavoro svolto in questi ultimi anni”. Il programma è fitto di incontri, tavole e momenti di dialogo intorno a temi di grande rilevanza. “Affronteremo tematiche che coinvolgono l'intero globo come l'accesso al cibo, la lotta allo spreco e la sostenibilità. Fino a cinque anni fa, prima del riconoscimento come Città Creativa della Gastronomia Unesco – conclude - non era nemmeno pensabile di poter considerare la nostra città al centro di questi processi internazionali. Oggi Parma e la Food Valley hanno la possibilità di essere identificate come eccellenze nel mondo grazie ad UNESCO, che ringrazio per aver dato il giusto riconoscimento al sistema Parma, permettendoci di portare al Forum un importante contributo".

mercoledì 4 settembre 2019

LA GILERA GRAN SPORT DEL 1930 SVETTA ALLA MOTODOLOMITICA


La Gilera Gran Sport del 1930, la moto più anziana, ha scalato senza alcun problema
i quattro passi Dolomitici che hanno caratterizzato il percorso dell’11^ edizione della
Motodolomitica, manifestazione turistico culturale aperta a moto fino al 99, organizzata
dalla Scuderia Trentina Storica. 
Le salite
ai  passi  Costalunga,  San  Pellegrino,  Valles  e  Manghen  hanno  messo  a  dura  prova
anche gli altri equipaggi provenienti da tutto il Nord Italia, aiutati dalla benedizione
elargita  dal  sacerdote  del  Santuario  di  Pietralba,  e  che  sono  giunte  al  termine  delle
seconda tappa al Ristorante Prime Rose di Levico con tanti chilometri nelle ruote ma
con  grande  soddisfazione  per  l’impresa  effettuata.  Paesaggi  mozzafiato  e  strade
ideali  per  le  motociclette,  hanno  permesso  di  annoverare  questa  edizione  tra  le  più
apprezzate  delle  undici  effettuate.  La  partenza  è  stata  sabato  31  agosto,  da  Piazza
Fiera a Trento ed ha visto allo start ben 43 motociclisti alla volta dei 160 chilometri
della  prima  tappa  che  ha  fatto  transitare  la  carovana  di  motociclette  attraverso  la
Strada  del  Vino  e  dei  Sapori  delle  pendici  collinari  e  del  fondovalle  della  Piana
Rotaliana  per  poi  salire  al  Santuario  di  Pietralba,  il  più  alto  d’Europa  con  i  suoi
1.520 m/slm, per il pranzo e la benedizione dei mezzi e dei partecipanti. Nel primo
pomeriggio la carovana ha proseguito per il Lago di Carezza e il Passo di Costalunga
prima della discesa in Val di Fassa per la sosta al Museo Ladino a San Giovanni di
Fassa, interessante momento culturale a contorno della gita turistica. Dopo la scalata
ai  passi  San  Pellegrino  e Valles,  la  giornata  si  è  conclusa  con  la  cena  ed  il  meritato
riposo all’Hotel Touring di Predazzo.

Domenica  1  settembre,  sempre  da  Predazzo,  la  carovana  ha  preso  le  mosse  per  la
seconda tappa di 90 km. Dopo la pausa caffè ai 2.047 m/slm di Passo Manghen, una
sosta al Museo degli Spaventapasseri a Marter, la manifestazione è terminata con il
pranzo vista lago al Ristorante Prime Rose di Levico Terme.
Agli equipaggi dei soci della Scuderia Trentina Storica e dei Motoclub locali quali il
Moto  Club  Trento  o  il  Moto  Club  C3  Excelsior  di  Borgo  Valsugana,  hanno  fatto
compagnia numerosi appassionati appartenenti a motoclub lombardi, emiliani, veneti
e  di  altre  regioni  italiane  e  della  Repubblica  di  San  Marino..  Particolarmente
numeroso  il  gruppo  della  Compagnia  di  Rocca  San  Casciano,  con  il  quale  la
Scuderia  Trentina  Storica  ha  intrapreso  un  rapporto  di  gemellaggio  con  reciproca
partecipazione alle manifestazioni. Prestigioso il parco moto presente. Cinquant’anni
di  storia  motociclistica  sono  stati  rappresentati  dalle  moto  presenti  con  pezzi  di
sicuro  valore.  Assieme  al  Gilera  Gran  Sport  del  1930,  vanno  annoverate  la  Gilera
Saturno del 1946, la Moto Guzzi GTV del 1947 proveniente da Torino e condotta dal
Vice  Presidente  del  Veteran  Car  Club  di  Torino,  Massimo  Lazzaro.  Numerose  le
Moto  Guzzi,  Moto  Morini  e  diverse  moto  giapponesi. A  tutti  i  partecipanti  è  stato
consegnato  un  sicordo  della  manifestazione.  Alle  premiazioni,  oltre  al  Delegato
Nazionale manifestazioni Moto dell’ASI Giuseppe Nacci, era presente il Consigliere
Federale  ASI  Riccardo  Zavatti  che  assieme  al  presidente  della  Scuderia  Trentina
Storica  Giuseppe  Gorfer  hanno  consegnato  i  riconoscimenti  ai  partecipanti.  Tra
questi  un  encomio  particolare  è  andato  a  Rinaldo  Detassis  su  Moto  Guzzi  Falcone
Sport del 1953, concorrente “più storico”, immortalato e premiato assieme a Marco
Campolongo  su  Malaguti  Fifty  50  del  1989  che  con  i  suoi  14  anni  è  stato  il  più
giovane partecipante di sempre. !

PRESTO CI SARA' L'INCONTRO


Saranno in 70 a darsi battaglia a Dimaro per la terza edizione dello Slalom Val di Sole





Sono 70 gli iscritti alla terza edizione dello «Slalom Val di Sole», l'ultimo appuntamento motoristico di rilievo in programma nel 2019 in regione. La gara organizzata da Adige Sport è riuscita anche questa volta a catalizzare l'attenzione di tanti piloti, che ormai conoscono bene il divertente tracciato e soprattutto il competo pacchetto vacanza costruito per loro. Come avvenuto negli altri slalom trentini, anche in questa occasione si cerca un erede al trono di Enrico Zandonà, che ha monopolizzato l'ancor breve albo d'oro della manifestazione, imponendosi sia nel 2017 sia nel 2018. Il veronese sarà al via della gara solandra, ma con la nuova Fiat 500 Hayabusa, che sta ancora sviluppando, quindi difficilmente avrà i mezzi per imporsi su avversari competitivi come Alessandro Zanoni (Gloria C8), vincitore sul Monte Bondone, Thomas Pedrini (Radical Prosport), Markus Gasser (Radical SR4), solo per citare i prototipi più agguerriti. Saranno della partita anche Ronny Marchegger con la Gloria C8, Daniele Trentini con la Gloria Suzuki 065 e Daniele Cristofaro con la Formula Arcobaleno. Fra le vetture a ruote coperte saranno sicuri protagonisti nel gruppo E2-SH anche Roman Gurschler (Fiat 500 Hayabusa) e Werner Stocker (Fiat 850 Kawasaki). Quattro le vetture del gruppo E1, sette quelle inserite nel gruppo S, fra le quali spiccano la Volkswagen Golf di Matteo Togn e la Renault 5 Gt turbo di Cristian Grimaldi. Tredici ne troviamo nel gruppo A, fra le quali si fanno notare la Mitsubishi Lancer Evo di Rudi Bicciato, la Bmw M3 di Kevin Lechner, la Citroen Saxo di Alfonso Dalsass e la Peugeot 106 di Roberto Zadra, ben 21 nel gruppo N, dove spiccano la Bmw M3 di Dennys Adami e la Citroen Saxo di Christian Manzoni. Nella lista degli iscritti ci sono poi quattro vetture del gruppo RS e sei storiche.
Di tutto rilievo anche i nomi degli apripista, dato che si tratta di Fabrizio Ferrari (Peugeot 207) e di Christian Merli, fresco vincitore del titolo europeo in salita, presente in Val di Sole anche lo scorso anno sia come apripista sia come concorrente (si piazzò secondo assoluto); questa volta testerà una Westfield XTR2, una sport biposto.
Il programma si aprirà sabato pomeriggio con le verifiche tecniche e sportive, mentre in serata è in programma la festa presso la Birreria Stal di Pellizzano. Domenica le prove prenderanno il via alle 10,30, alle quali seguiranno le tre manche di gara.

UN RICCO RALLY DUE VALLI



Si arricchisce ulteriormente il piatto del Rally Due Valli 2019 organizzato dall'Automobile Club Verona e in programma dal 10 al 12 ottobre prossimi.

Oltre alle già annunciate validità si aggiunge anche una nuova gara per le autostoriche all'interno dell'evento: il TRZ Trofeo Rally di Zona. La gara andrà ad unirsi al 37° Rally Due Valli valido per il Campionato Italiano Rally e per la Coppa Rally di Zona, al 14° Rally Due Valli Historic valido per il Campionato Italiano Rally Auto Storiche e al 9° Due Valli Classic valido per il Trofeo Tre Regioni di Regolarità Sport.

Il TRZ, come lo si troverà indicato sul sito web www.rallyduevalli.it, seguirà pari pari il programma e il percorso della Coppa Rally di Zona (CRZ) per vetture moderne. Partenza quindi nel primo pomeriggio di venerdì 11 ottobre per disputare le prime quattro prove speciali in coda al CRZ: “Cappella Fasani” di 5.2km e “Passo Fittanze” di 12.8km, entrambe per due passaggi intervallati dal riordino di Bosco Chiesanuova. Come per il CRZ moderno, le due prove non saranno nient'altro che la prova di “Erbezzo”, disputata dal CIR, suddivisa in due tratti cronometrati per rispettare il regolamento e i chilometraggi massimi previsti proprio dal TRZ. Dopo queste quattro prove i concorrenti faranno quindi ritorno a Verona per il Riordino Notturno senza disputare la prova spettacolo allo Stadio.

Sabato 12 ottobre, partenza in coda al 14° Rally Due Valli Historic e davanti al CRZ per disputare altre quattro prove speciali, tutte diverse. Aprirà “Roncà” (10.98km), quindi la classica “Ca' del Diaolo” nella versione corta da 13.75km, quindi la “Santissima Trinità” (10.71km) e la “Marcemigo” (11.19km). Il riordino di metà giornata sarà agli impianti sportivi di Badia Calavena, mentre al termine delle quattro prove i concorrenti TRZ torneranno a Verona per l'arrivo in Piazza Bra nel primo pomeriggio.

Il percorso sarà quindi di circa 330km totali di cui oltre 80 cronometrati. Otto prove speciali tutte su asfalto. Le iscrizioni, come per tutte le altre validità, apriranno il prossimo 9 settembre.

Info e aggiornamenti su tutte le manifestazioni, moderne e storiche, sono disponibili sulsito www.rallyduevalli.it, e sui profili social Facebook Twitter e Instagram@RallyDueValli

martedì 3 settembre 2019

IN TRENTINO SULLE MONTAGNE D'ARGENTO

Le valli del Trentino, con Cavalese e la splendida Val di Fiemme, aspettano le auto storiche. Con Montagne d'Argento, la manifestazione di regolarità organizzata dalla Scuderia Trentina Storica giunta alla sua VIII° edizione che si terrà il 14 e 15 settembre, saranno moltissimi gli appassionati dei motori che torneranno sulle vette alpine in quella che oramai è la classica fine di stagione per le gare di regolarità sui passi alpini.
Ancora una volta Cavalese sarà il punto di partenza prescelto e la base per questa due giorni che ha vinto nel 2011 la prestigiosa manovella d'oro ASI, il riconoscimento che certifica la qualità e la perfezione dell'organizzazione di ogni manifestazione.
Ogni particolare, dalle scelte dei menu agli alberghi alle visite eno-gastronomiche, aiutate dal sostegno della Cantina di Toblino, sarà curato al meglio come si addice a questo appuntamento da non perdere per la chiusura della stagione estiva.

AI NASTRI DI PARTENZA IL CONCORSO D'ELEGANZA CITTA' DI MANTOVA

A Mantova Piazza Sordello si prepara a festa: a settembre la città non solo accoglierà il Gran Premio Nuvolari, come di consueto, ma come da tradizione ci sarà anche la terza edizione del Concorso Città di Mantova, concorso d'eleganza fra le auto più belle di tutti i tempi.
La data fissata è quella del 21 settembre, ed il parterre delle auto in concorso, sponsorizzato da MA.FRA, è veramente d'eccezione: auto storiche fra le più prestigiose dei marchi Ferrari, Alfa Romeo, Maserati, Porsche e tante altre.

lunedì 2 settembre 2019

TOUR ISONTINO CLASSIC

Ritorna l’appuntamento di fine estate del G.A.S. Club, con la quindicesima edizione della manifestazione per veicoli storici: il Tour Isontino Classic, previsto per il 15 settembre.
Il raduno di auto storiche prevede il ritrovo dei partecipanti a Mossa alle 09.00 e prenderà il via alle 10.00 dopo il saluto delle autorità.
Il percorso attraverso il Carso Goriziano porterà i partecipanti a Monfalcone per la visita del Museo della Cantieristica per poi dirigersi a Marina d’Aquielia
per il pranzo finale presso il ristorante Nettuno.
Numerose saranno le presenze estere, amici dalla Slovenia e dall’ Austria da dove arriverà una delegazione di ben 15 Ferrari di tutte le epoche,
oltre alla partecipazione di veicoli di grande interesse storico e collezionistico.
Negli ultimi anni sono state visitati ad esempio: il porto di Aquileia, il castello di Duino, Palmanova e infine il centro storico di Grado
ed anche quest’anno abbiamo voluto proporre una visita inedita.


PROGRAMMA

Ore 8.30 / 9.00 Ritrovo dei partecipanti in piazza a Mossa

Ore 9.30 Caffe e brioches, presentazione del raduno e discorso autorità.

Ore 10.00 Partenza del giro turistico per la prima parte del percorso.

Ore 11.00 Arrivo ad Monfalcone presso Museo Cantieristica, visita guidata.

Ore 12.00 Partenza delle vetture per 2° parte giro turistico.

Ore 13.30 Arrivo aMarina d’Aquielia presso ristorante Nettuno per il pranzo finale.



Per informazioni +39 328 415 8630 QUOTA D’ISCRIZIONE: € 35,00 a persona

Bambini € 15,00 fino 10 anni Bambini Gratis fino 05 anni

ISCRIZIONI entro il 08 settembre 2019

La prenotazione va effettuata al 328 4158630 non si può effettuare l’iscrizione nella mattinata di domenica.



La partecipazione è limitata a MAX 60 vetture.

PRIMA COPPA CITTA' DI RECOARO TERME



E' ai blocchi di partenza la nuova scommessa del Rally Club Team che annuncia le prime notizie della Prima Coppa Città di Recoaro Terme, gara di regolarità turistica per auto storiche e moderne, in programma per sabato 21 settembre nella località termale vicentina.

Valida per il Trofeo Tre Regioni di regolarità turistica, la nuova manifestazione avrà la particolarità di svolgersi totalmente nel territorio comunale di Recoaro Terme, città che ha fortemente voluto venisse organizzata una gara col proprio nome affidandosi alla collaudata organizzazione del club capitanato da Renzo De Tomasi, il quale ha confezionato un programma che prevede l'intero svolgimento nell'arco di una di una dozzina di ore.

Già aperte dallo scorso 21 agosto, le iscrizioni si chiuderanno martedì 17 settembre e potranno esser inviate tramite il modulo disponibile dal sito www.rallyclubisola.it

Il programma prevede poi, le operazioni di verifica dalle 8 alle 10 di sabato 21 settembre presso il Piazzale della Seggiovia e la partenza della prima vettura alle 11 dalla centrale Via Lelia che ospiterà anche il traguardo, il taglio del quale è previsto per le 16 dopo aver affrontato un percorso di 138 chilometri lungo il quale gli equipaggi saranno impegnati da diciotto prove di precisione al centesimo di secondo, inframmezzate da quattro controlli a timbro e uno orario a circa metà gara.

Particolare è stata la scelta delle strade teatro della manifestazione, dettata dalla volontà di toccare le varie località sparse lungo il territorio comunale, a conferma della volontà della locale amministrazione di un coinvolgimento totale.

Dopo l'arrivo delle vetture, previsto a partire dalle 16, l'ufficializzazione delle classifiche e la cerimonia delle premiazioni presso il Piazzale della Seggiovia, previste per le 17.30.

La 1^ Coppa Città di Recoaro Terme avrà anche una piacevole anteprima in occasione dell'imminente Sagra dei gnocchi con la Fioretta - tipica ed apprezzata specialità locale - con la presentazione del programma della manifestazione ospitata presso gli stand dell'evento dove sarà allestita anche una esposizione statica di auto storiche e sportive nella giornata di domenica 1 settembre, con inizio alle ore 15.

COPPA DELLA VALLE D'AOSTA






Iscrizioni aperte per la seconda edizione Coppa della Valle d’Aosta, Memorial Robert Trossello, che è la settima prova del 5° Trofeo Nord Ovest.
Quote di partecipazione: equipaggio 2 persone € 180,00 per equipaggio ed € 150,00 per Club o Scuderie con 3 o più equipaggi iscritti.
La Coppa della Valle d’Aosta, Memorial Robert Trossello, Organizzata dalla CAMEVA, Club Auto e Moto d’Epoca Valle d’Aosta si disputa su 65 i km con 48 prove cronometrate e 3 i Controlli orari su continui e spettacolari saliscendi tra le montagne valdostane, nella Valle del Cervino. Prove tecniche e non certo semplici, che metteranno a dura prova i partecipanti per le difficoltà nei passaggi ricchi di tornanti. Si parte da Saint Vincent, si toccano poi Chatillon, Pontey, Chambave, Saint-Denis, Colle San Pantaleone ad oltre 1600 metri di altitudine e tappa a Torgnon. quindi ritorno dal Colle San Pantaleone, Saint-Denis, Chambave, Pontey, Chatillon e conclusione a Saint-Vincent.
Le iscrizioni chiuderanno il 18 settembre 2019.
L’appuntamento è fissato per domenica 22 settembre a Saint Vincent al Centro Congressi Comunale con partenza da piazzaCavalieri di Vittorio Veneto alle ore 11.

ANCORA APERTE LE ISCRIZIONI ALLA TARGA FLORIO

Grazie alla collaborazione con Aci Global e per agevolare la logistica degli iscritti, l’organizzazione della Targa Florio ha deciso di prorogare, al 9 settembre 2019 la tariffa di Euro 3.000,00 più IVA, anche per coloro che desiderino il trasporto gratuito della vettura compreso nella quota di iscrizione.

ACI Global, Official Sponsor dell’evento, si occuperà del trasporto delle vetture dei partecipanti, da tre sedi del Nord Italia (Torino/Milano, Bologna e Brescia) fino a Palermo e ritorno.

Vi aspettiamo numerosi a Palermo dal 10 al 13 Ottobre 2019 per vivere le emozioni della "corsa più antica del mondo”.

Per info e iscrizioni:
info@targa-florio.it / iscrizioni@targa-florio.it
+39 339 75 73 832

summer marathon



martedì 27 agosto 2019

CELEBRATION TOUR



mercoledì 11 settembre, nella suggestiva cornice di piazza Belgioioso a Milano, a partire dalle ore 16.00 saranno esposte 15 Ferrari d'epoca carrozzate Touring prodotte tra il 1949 e il 1952.

I modelli 166, 195, 212, 340, Barchetta, Berlinetta e Coupé carrozzate Touring, prenderanno parte a un tour privato, organizzato da 2FAST4YOU Srl, agenzia specializzata in eventi per collezionisti provenienti da tutto il mondo.

Ad accogliere queste importanti auto nel capoluogo lombardo ci sarà il CMAE. Le vetture rimarranno esposte fino a giovedì mattina alle 9.00.

Sarà un'occasione unica per ammirare da vicino alcune tra le auto d'epoca più belle e prestigiose al mondo, alla quale speriamo non mancherete.

In allegato il comunicato stampa e al seguente link una galleria di immagini delle auto partecipanti.

https://we.tl/t-l2OAvoKRrU

mercoledì 21 agosto 2019

RALLY STORICO COSTA SMERALDA



Marcia spedita la macchina organizzativa della seconda edizione del Rally Internazionale Storico Costa Smeralda che si svolgerà a Porto Cervo nelle giornate di venerdì 18 e sabato 19 ottobre prossimi con la triplice formula del rally storico, gara di regolarità a media e di regolarità sport.

Dopo l'apprezzata prima edizione del 2018, voluta anche per rievocare i fasti del Rally Costa Smeralda nel quarantesimo anno dalla prima edizione, i riscontri positivi hanno portato i primi frutti facendo guadagnare ben tre validità alla manifestazione organizzata dall’Automobil Club Sassari, con la partnership della Regione Sardegna, di Aci Storico, dell’Automobile Club d’Italia, oltre che del Comune di Arzachena, del Consorzio Costa Smeralda e della Marriott; confermata anche la partnership con Mirtò che sarà presente nel villaggio Sardegna al Molo Vecchio, ideato per promuovere la Sardegna e le sue peculiarità durante l’evento.

Palando delle validità acquisite, rally storico si fregia infatti di quella per il Trofeo Rally della Quarta Zona, oltre a quella del prestigioso ed avvincente Trofeo A112 Abarth Yokohama, mentre per la gara di regolarità a media è stato raggiunto l'ambizioso traguardo della promozione nel Campionato Italiano.

Sulle nove prove speciali in programma nella due giorni di gara, si sfideranno i contenenti del T.R.Z. nella gara decisiva dove si designeranno i finalisti che si giocheranno il titolo nella finale unica della Grande Corsa di Chieri, tre settimane più tardi; incandescente sarà anche la gara delle piccole Autobianchi e sul molo di Porto Cervo si conoscerà il nome dei vincitori della decima edizione della Serie organizzata dal Team Bassano. Ma non è tutto, visto che anche il combattuto Campionato Italiano Regolarità a Media dovrà attendere gli esiti del Costa Smeralda per poter assegnare il titolo 2019.

Il programma propone il primo passo con l'apertura delle iscrizioni da martedì 17 settembre e la chiusura delle stesse alle 18 di lunedì 14 ottobre. Mercoledì 26 e giovedì 17 saranno dedicati alle ricognizioni del percorso, nella fascia oraria dalle 9 alle 19, mentre venerdì 18 dalle 8 alle 13 saranno le operazioni di verifica e lo shakedown a monopolizzare l'attenzione, prima dello start della prima frazione di gara previsto alle 16 dal Molo Vecchio di Porto Cervo; dalle 21.15 l'epilogo con l'arrivo della prima vettura a conclusione della prima giornata dopo la disputa di tre prove cronometrate. Sabato 19 ottobre il clou con l'effettuazione della seconda tappa che propone altre sei prove e l'arrivo alle 18.40 sempre presso il Molo Vecchio della Marina di Porto Cervo che farà da palcoscenico anche alla cerimonia delle premiazioni. Nove le prove speciali per una novantina di chilometri cronometrati ed altrettante di precisione per la "media" e la "sport".

Infine, è in fase di definizione l'offerta di un pacchetto promozionale per gli equipaggi, sulla falsariga di quello dello scorso anno che proponeva abbinate alla tassa d'iscrizione, sistemazione alberghiera e agevolazione nel passaggio in traghetto verso e dalla Sardegna: non appena confermati i dettagli, ne verrà data comunicazione sul sito ufficiale www.costasmeraldastorico.it

giovedì 15 agosto 2019

Raduno Nazionale PEUGEOT 2019!




Il raduno nazionale PEUGEOT 2019 avrà luogo a Trento e nelle valli limitrofi dal 20 al 22 settembre p.v.

Visiteremo Trento, la città di montagna per antonomasia, percorreremo bellissime e sicure strade montane e lambendo le rive di laghi incantanti quali Levico e Caldonazzo.
Gusteremo insieme le specialità trentine e visiteremo Castel Beseno, la più grande fortezza del Trentino Alto Adige.
In fondo alla pagina potrete scaricare il programma e i metodi d’iscrizione in formato PDF.

La data di chiusura delle iscrizioni è fissata per venerdì 6 settembre p.v.

martedì 6 agosto 2019

ANCORA SUL RAAB



E' stata una trasferta decisamente positiva per la Balletti Motorsport, quella che nel recente fine settimana ha visto il team impegnato in due gare emiliane entrambe nella provincia di Bologna: il rally R.A.A.B. Historic e la cronoscalata Bologna - Raticosa.

Al rally di Castiglione dei Pepoli erano due le vetture, entrambe Porsche 911 Gruppo 4, affidate ad altrettanti equipaggi che le utilizzavano per la prima volta; i locali Gilberto e Massimiliano Simonetti hanno ben presto preso le misure alla RSR del 2° Raggruppamento chiudendo il prologo serale in seconda posizione assoluta, posizione che confermeranno anche nelle sei prove del sabato chiudendo con la soddisfazione dello scratch nell'ultima "Traserra": un ottimo secondo assoluto impreziosito dalla vittoria nel 2° Raggruppamento oltre che della propria classe. Molto buona è stata anche la prestazione di Alessandro Ferrari e Piero Comellato impegnati con la versione SC/RS del 3° Raggruppamento, vettura alla quale hanno iniziato a prender le misure nelle prime prove corse alla luce dei fari supplementari, terminando in ottava posizione. L'indomani, grazie ad una buona progressione, sono risaliti fino al gradino numero 6 dell'assoluta e al terzo di classe dimostrandosi molto soddisfatti del mezzo messo a disposizione dal team dei fratelli Balletti.

Coppa di classe, quella del terzo classificato, anche per Matteo Adragna, impegnato con la sua Porsche 911 RSR Gruppo 4 alla cronoscalata Bologna - Raticosa, valevole per il Campionato Italiano Velocità Salita Autostoriche; il gentleman driver siciliano ha corso un'altra buona gara, sia col fondo bagnato quanto nell'asciutto della seconda manche ed ha realizzato una prestazione che lo colloca in quarta posizione di 2° Raggruppamento. Non ha invece preso il via per un problema tecnico, la BMW M3 di Massimo Perotto.

lunedì 5 agosto 2019

un buon raab



Un positivo R.A.A.B. Historic chiude un intenso mese di luglio per il Team Bassano che, anche alla gara bolognese ha schierato un gran numero di equipaggi, la maggior parte dei quali ha visto il traguardo di Castiglione dei Pepoli dopo le nove prove speciali condizionate in parte, anche dalle condizioni meteo.

Ad ottenere il miglior risultato sono stati Massimo Voltolini e Giuseppe Morelli i quali hanno portato la loro Porsche 911 SC Gruppo 4 in quinta posizione assoluta e al terzo posto di 3° Raggruppamento, oltre al secondo di classe; brillante gara è stata quella di Maurizio Cochis e Milva Manganone che rivedono il traguardo con la Peugeot 205 GTI 1.9 Gruppo A con la quale, grazie alla settima prestazione assoluta, si aggiudicano la classe e la vittoria del 4° Raggruppamento. Subito dietro, ottavi, chiudono Pietro Tirone e Giacomo Giannone anch'essi su Porsche 911 SC con la quale sono terzi di classe e alle loro spalle si piazzano Luca Cattilino e Francesco Sammicheli su Opel Kadett Gt/e Gruppo 2 che, oltre alla classe si portano a casa lo speciale premio messo in palio per la prima Opel classificata. La lista prosegue poi con la BMW M3 Gruppo A di Giulio Pedretti e Fabio Fedele, primi di classe e in posizione dodici nella globale; si scende di altri quattro posti per trovare la seconda Kadett Gt/e, quella di Sandro e Franco Simoni, secondi di classe e ancora una Kadett, ma in versione SR 1.3 Gruppo 2 è quella che compare in ventesima posizione e portata in gara da Peter ed Elke Goeckel che tornano in Germania con le coppe della seconda posizione di classe. Traguardo raggiunto anche da Maurizio Fasolin e Paolo Bonfà, primi di classe con la Fiat 124 Special T Gruppo 2 e dalla Lancia Rally 047 Gruppo B di Carlo Falcone e Pietro Ometto; menzione particolare per Claudio Manfè e Massimo Trentin che nella prima sezione di gara sono stati costretti al ritiro per un guasto al turbo della Renault 5 e una volta sistemato l'inconveniente sono ripartiti grazie al "super rally" e hanno chiuso ventiduesimi assoluti.

Anche le A112 del Trofeo omonimo hanno portato nuove soddisfazioni grazie alla vittoria di Scalabrin e Paganoni e al terzo posto di Cazzaro e Brunaporto, come riportato nel comunicato dedicato; gara conclusa anche per Vezzola - Francinelli, Bernardi - Gambasin, Almici - Quistini, De Rosa - Salomoni.

In conclusione, a suggellare la prestazione globale, è arrivata anche la coppa per la vittoria tra le scuderie.

Su altro campo, quello della regolarità classica, Andrea Giacoppo ha corso alla Mendola History con la Lancia Fulvia HF sulla quale era la figlia Anna a navigarlo: purtroppo un errore di impostazione del cronometro ne ha condizionato la prestazione facendo sfumare una vittoria alla loro portata.

Si volta pagina e si pensa al prossimo fine settimana che propone altri due rally prima della pausa estiva; al Città di Scorzè Historic sono iscritti Gianluigi Baghin ed Elena Rossi con l'Alfa Romeo Alfetta GTV, stessa vettura che useranno Giacomo e Giovanni Brunaporto; su Fiat Uno Turbo ci sono Luigi Battistel e Denis Rech e alla gara di casa non mancano Cristiano De Rossi e Maurizio Palazzo con l'A112 Abarth; quinto equipaggio quello dell'Opel Kadett Gt/e di Tiziano Savioli e Paolo Borgato. Nel rally moderno ci saranno Giuseppe Cazziolato e Daniele Pasqualetto con la Lancia Delta Integrale. Esperienza "moderna" anche per Pietro Baldo e Davide Marcolini che saggeranno le prestazioni della Reanult Clio R3 al Rally di Salsomaggiore.

giovedì 1 agosto 2019

XXI Trofeo Antonio Renati Vincono Sergio e Romano Bacci


I fratelli Sergio e Romano Bacci, su Alfa Romeo Giulia Ti Super del 1964, si sono imposti nel XXI Trofeo Antonio Renati, quinta prova del Trofeo Nord Ovest auto storiche. Alla fine di una gara molto tecnica e difficile, su un percorso di 110 chilometri con 45 rilevamenti di passaggio al centesimo di secondo, salgono sul gradino più alto del podio con 28,04 penalità in meno di Mauro Bonfante e Cinzia Bruno, su Fiat 1100/103 del 56, che chiudono in seconda posizione con soli 0,26 punti in meno dei terzi classificati, Gianmario Fontanella e Anna Maria Covelli, su una Lancia Aprilia del 1939. Armando Fontana e Tiziana Scozzesi, su Autobianchi A 112 Abarth 58Hp del 72 hanno sfiorato il podio e chiudono quarti davanti a Roberto Boracco e Angela Bossi, su Autobianchi A 112 Abarth 70hp. Sesto posto per Andrea Malucelli e Monica Bernuzzi, con una Lancia Beta Montecarlo del 77.

Tra gli equipaggi femminili vince Gabriella Scarioni, su Austin Mini Hle del 1982, che ha preceduto Daniela e Milena Guaita, su Lancia Fulvia Coupé 1.3 S del 71.

Tra le scuderie a vincere è la VAMS, Varese Auto Moto Storiche squadra corse, con Roberto Boracco e Angela Bossi, Maurizio e Federico Causo, Matteo e Arianna Lozza, che ha preceduto la CMAE, Club Milano Auto Epoca, e la CVSP, Club Veicoli Storici Piacenza.

Il Trofeo Caffè Musetti, prova cronometrata di metà percorso ricavata nella zona del parco partenze ed arrivi è stato vinto da Maurizio Senna e Giuseppe Subinaghi, su Alfa Romeo Giulia Spyder 1600 del 1963.

Con il secondo posto ottenuto in questa gara Mauro Bonfante e Cinzia Bruno consolidano la loro leadership nel Trofeo Nord Ovest 2019, il primo tra i piloti e la seconda tra i navigatori.

IL 14 E 15 SETTEMBRE A CAVALESE TORNANO LE MONTAGNE D'ARGENTO



Il 14 e 15 settembre torna il tradizionale appuntamento delle 'Montagne d'Argento' . La Scuderia Trentina Storica invita i gentlemen driver a Cavalese, in Valle di Fiemme, nelle Dolomiti Patrimonio dell’Unesco, alla ottava edizione di Montagne d’Argento, evento premiato con l’ambito riconoscimento La Manovella d’Oro 2011, valido per la finale A.S.I. Grazie al patrocinio del Comune di Cavalese e dell’Azienda Turismo della Valle di Fiemme e col sostegno di alcune realtà economiche della zona anche quest'anno viene proposto un programma interessante sia per gli appassionati del cronometro (50 prove di precisione con strumentazione libera) sia per chi apprezza i panorami e l’ospitalità che contraddistinguono da sempre le nostre gare. Appuntamento sabato 14 settembre nel primo 
pomeriggio con le verifiche alla gelateria Tre Valli, nel pieno centro di Cavalese, e poi subito una tappa con le prime 25 prove, di cui 4 nella centrale via Bronzetti chiusa al traffico: una sfilata fra gli applausi del pubblico. La cena con le specialità preparate dagli 
chef dell’Hotel la Stua concluderà la giornata. Domenica mattina si riparte da via Bronzetti 
per un tour Dolomitico attraverso gli incantevoli pae-saggi, passi, laghetti e suggestivi borghi ladini con arrivo a Cavalese per il pranzo al termine del quale sapremo chi avrà vinto questa ottava edizione di Montagne d’Argento ed il Trofeo del Comune di Cavalese per il migliore sulle prove di via Bronzetti. Il Trentino e la Valle di Fiemme aspetta gli appassionati di auto storiche quindi il 14 settembre a Cavalese.

martedì 30 luglio 2019

L'8 SETTEMBRE TORNA IL CIRCUITO DI CONEGLIANO



Prenderà il via Domenica 8 settembre a Conegliano la ventunesima edizione della rievocazione storica del Circuito di Conegliano. La manifestazione, quarta prova del Campionato Triveneto ASI, si effettuerà con la formula della Regolarità ASI con rilevamenti di passaggio e strumentazione libera. Il Circuito di Conegliano riporterà ancora una volta le auto storiche sulle strade di quella che fu una delle prime gare automobilistiche del Triveneto. Per questa edizione gli organizzatori del Club Serenissima Storico hanno previsto, come da tradizione, un programma che unisce alla sfida con il cronometro anche l’aspetto turistico: sono previsti una trentina di passaggi cronometrati lungo le colline attorno a Conegliano e Vittorio Veneto per un totale di circa 100 chilometri. Le verifiche e i controlli pre-gara sono previsti per sabato 7 settembre presso la sede del Serenissima Storico a Conegliano dalle ore 15.00 alle ore 18.00, mentre domenica 8 si svolgeranno sempre a Conegliano nella tradizionale sede di piazzale Zoppas. Alle 9.01 il primo concorrente prenderà il via da Viale Carducci dove ci sarà la prima prova cronometrata. Inizio delle varie serie di prove concatenate sull’itinerario lungo le caratteristiche strade delle colline con prove posizionate sulle stesse fino ad arrivare alla sosta di Vittorio Veneto. Dopo un ristoro, ripartenza per altre prove sempre su un percorso collinare sulla pedemontana costeggiando i filari delle uve del Prosecco che in questo periodo vengono vendemmiate. Alle 13.01 il primo concorrente giungerà presso il ristorante Primavera di Godega di San Urbano dove terminerà la parte agonistica della manifestazione; si pranzerà e verranno redatte le classifiche. Alle 16.00 trasferimento per il centro di Conegliano dove si terranno, alla presenza delle autorità locali, le premiazione e l’arrivederci per l’edizione del 2020.
Come per le precedenti edizioni l’impegno del Direttivo è quello di fare una manifestazione con un percorso e una formula che permetta la partecipazione anche a coloro che amano più la parte turistica che quella competitiva. Si ricorda che le iscrizioni si chiuderanno il giorno 3 settembre o al raggiungimento delle 50 vetture.
Per informazioni e iscrizioni contattare la Segreteria (orario martedì 15.00-19.00, sabato 9.00-12.00).
Tel. 0438.35617
info@clubserenissimastorico.it

 

lunedì 29 luglio 2019

TROFEO A112 RAAB



Girone di ritorno del Trofeo A112 Abarth Yokohama che parte nel segno di Raffaele Scalabrin e Giulia Paganoni i quali, fin dalla prima speciale, hanno preso il comando con passo deciso e l'hanno mantenuto sino alla fine aggiudicandosi sette delle nove prove speciali chiudendo la gara con un perentorio vantaggio sugli inseguitori.

LA STORIA DI ALLEMANO ALLA COPPA D'ORO DELLE DOLOMITI

Per gli amanti dell'automobilismo, anche una storia come questa fa piacere. E' la storia della società Allemano, che esiste da più di 150 anni e che, alla Coppa d'Oro delle Dolomiti, ha presentato i suoi "misuratori del tempo", orologi molto particolari estremamente raffinati e precisi.

 Fondata nel 1856 da Giuseppe Allemano, la produzione originaria riguarda la costruzione di rulli a vapore per lavorazioni stradali. All’inizio del Novecento, forte dell’esperienza acquisita, inizia la produzione di strumenti di misura per il controllo della pressione e delle temperature. Durante il Primo conflitto mondiale la fabbrica si specializza nella fabbricazione di strumenti di misura per molteplici impieghi; questi vengono infatti montati a bordo di mezzi militari (navi, aerei, sommergibili…) e delle prime autovetture italiane, una fra tutte la Fiat 501 Torpedo, prima autovettura ad essere prodotta in serie dalla Fabbrica Italiana Automobili Torino e che proprio nel 1919 montava uno dei manometri più famosi dell’Allemano. Nel 1929 il figlio Felice trasforma l’azienda in Allemano F. & Figli, intensificando la lavorazione di meccanica di precisione per la costruzione di manometri, termometri e dinamometri di altissima precisione, identificando il logotipo tuttora utilizzato. Negli anni Cinquanta Allemano già azienda internazionale, studia, progetta e produce una vasta gamma di strumenti di misura destinati all’aviazione come manometri per il controllo di benzina e olio, così come al settore ferroviario e navale. Negli anni Sessanta intensifica la produzione per l’industria meccanica con l’introduzione dei propri strumenti su presse, macchine industriali e impianti, quali ad esempio chimico e petrolifero. Negli anni Ottanta vengono lavorati, assemblati e tarati gli strumenti subacquei, come manometri per camere iperbariche, profondimetri e decompressimetri per il settore subacqueo.
Oggi, proseguendo nella sua evoluzione, a distanza di quasi un secolo, il Misuratore del Tempo va a completare la gamma degli strumenti di precisione. Con un design in stretta relazione con il passato e con la volontà di tornare visibili come un tempo nel presente, l’ispirazione per questa collezione è il manometro Allemano del 1919 montato sulla FIAT 501 Torpedo.
Ora la volontà del brand è quella di ritornare in pista dopo quasi mezzo secolo di assenza, passando dalla misurazione della pressione benzina sulle vetture con i manometri Allemano, alla misurazione del tempo direttamente al polso. Proprio la misurazione del tempo è il trait d’union che consolida il legame tra il brand e la storica competizione: le gare di regolarità che si sono svolte lungo il percorso della “Regina delle Dolomiti” :infatti sulle prove di precisione cronometrate e sulle prove media per misurare lo spazio-tempo Allemano ha fatto le sue prime esperienze competitive. La precisione svizzera dei meccanismi e il pieno controllo del tempo hanno fatto buona prova di sè, e i Misuratori del Tempo Allemano  sono finiti al polso dei tre team che si sono posizionati sul podio della corsa.

CONCORSO ITALIANO: LA BELLA MACCHINA AWARD A MARIO CARLO BACCAGLINI



Sabato 17 agosto, nell’esclusivo scenario della Monterey Car Week, in California, torna per la 34° edizione “Concorso Italiano”, l’evento che seleziona i brand più prestigiosi della storia del car design tricolore affinché possano presentare i loro modelli classici e stradali, valorizzando così il dialogo creativo tra prodotto e passione davanti all’esigente pubblico americano. Tra le 800 e 1.000 auto italiane si riuniscono ogni anno, in agosto, a Monterey (California) e circa 10.000 visitatori si ritrovano per ammirarle in tutto il loro splendore. Le auto italiane da sogno si presenteranno in grande stile per celebrare i traguardi importanti della loro storia: i 50 anni della Ferrari Dino 246 GT e della Iso Lele, il 60° Anniversario di De Tomaso, i 70 anni di Abarth. L’evento non smetterà di stupire offrendo ai propri ospiti una mostra di motociclette italiane raramente esposte al pubblico.

E per entrare a pieno nell’universo delle auto di prestigio ci vuole un ospite d’eccezione: Mario Carlo Baccaglini, l’imprenditore italiano che da oltre 30 anni organizza l’evento più importante per le quattro ruote storiche in Italia, a Padova, “Auto e Moto d'Epoca”. Grazie alla sua forte passione l’evento è diventato uno degli appuntamenti imperdibili nel panorama internazionale.

“Padova accoglie ogni anno appassionati da tutto il mondo che vengono ad Auto e Moto d’Epoca alla ricerca delle eccellenze italiane. Qui trovano le vetture che hanno fatto la storia dell’auto italiana, insieme ai restauratori d’eccellenza del nostro Paese e un vastissimo assortimento di ricambi originali” spiega Baccaglini. “Sono onorato di ricevere il Premio di Concorso Italiano alla Monterey Car Week. E di rappresentare la cultura del Classic italiano nell’appuntamento dedicato all’auto d’epoca più rinomato al mondo. La conferma del lavoro svolto in questi anni e simbolo dell’eccellenza italiana nel mondo”.

Per la prima volta alla Monterey Car Week, Mario Carlo Baccaglini sarà ospite di Concorso Italiano 2019 dove gli sarà assegnato il La Bella Macchina Award ed entrerà dunque nella Hall of Fame di Concorso Italiano.