giovedì 21 giugno 2018

La 33ª edizione della Stella Alpina al via il 6 luglio - tre giornate di gara fra le Dolomiti di Fassa



Chi affronta le gare di regolarità per vetture storiche, le ama perché ha la possibilità di mettersi al volante di gioielli meccanici che hanno fatto la storia dell'automobile, perché offrono l'opportunità di confrontarsi con il cronometro, ma soprattutto perché permettono di solcare le strade italiane più belle e godersi scorci di grande suggestione. È anche e soprattutto per questo che la «Stella Alpina» storica rimane fra le più prestigiose e attese competizioni nel calendario annuale della disciplina. La 33ª edizione, in programma dal 6 all'8 luglio, non fa eccezione, a giudicare dal ritmo sostenuto con il quale le iscrizioni giungono sul tavolo della segreteria della Scuderia Trentina.
 Questa volta il baricentro della manifestazione sarà posizionato a Moena, mentre per quanto riguarda le date sono state scelte le tre giornate comprese fra il 6 e l'8 luglio, che propongono tre itinerari attraverso le Dolomiti patrimonio dell'umanità, caratterizzate da 99 prove a cronometro e 6 prove di media. Anche quest'anno la «Stella Alpina» storica è parte del nuovo Trofeo Italiano «Super Classiche», promosso da ACI Sport e riservato a sette tra le più importanti gare di regolarità italiane.
 Venerdì 6, dopo le verifiche e la punzonatura presso le Cantine Ferrari, i settanta equipaggi si raduneranno nel centro storico di Trento, dove, dalle ore 16, si avvieranno verso la Val di Fassa, non prima di essere state presentate al pubblico. Toccheranno Sover, i passi Lavazè e Costalunga e dalle 19,30 giungeranno a Pozza di Fassa, dove li attenderà una festa di benvenuto. Dopo la cena i concorrenti si dirigeranno a Moena. Sabato faranno il "pieno" di passi dolomitici, visto che transiteranno sul Pordoi, Campolongo, Gardena, Sella, Fedaia e Valles, con soste a Corvara, Canazei e Agordo, mentre il pranzo sarà servito sul lago di Alleghe. Dopo l'arrivo a Moena, la cena sarà servita in quota allo Chalet Valbona. Domenica mattina start alle ore 9 da Vigo di Fassa, per scendere in Valle di Fiemme verso Predazzo e Cavalese, e poi in Valle dell'Adige, toccando Egna, Passo Lugano, percorrendo la Strada del vino della Valle dell’Adige, e chiudendo l'avventura a Lavis. Premiazioni e cena finale sono state organizzate alle Cantine Ferrari.
 L'edizione 2018 propone anche una novità: giovedì 5 luglio dalle 14,30 alle 18,30 è in programma un corso di regolarità per i primi equipaggi che si iscriveranno, tenuto da uno dei big della specialità, quale Giordano Mozzi, campione italiano e vincitore per tre volte della «Stella Alpina» e per due volte della «Mille Miglia».
Va ricordato che anche quest'anno sarà stilata una classifica riservata alle Ferrari moderne, quale tributo al Cavallino Rampante, che competeranno sugli stessi percorsi e nelle medesime prove. La «Stella Alpina» storica è infatti parte del calendario del Trofeo Regolarità del Ferrari Club Italia.
 L'evento, organizzato dalla Scuderia Trentina in collaborazione con il team di Canossa Events, trova anche il fondamentale contributo di sponsor quali Azimut Wealth Management, Cuervo y Sobrinos, Cantine Ferrari, Banca Galileo, Fassi, Tridentum Concessionaria Maserati, Zuccari e la rivista Gare d’Epoca.

TROFEO DELLA SERENISSIMA 2018

L’ HORNET CORSE in collaborazione con Automobile Club Treviso, Bassano Rally Racing, Gu Gu Corse, Padova Autostoriche, Scuderia Ruote Storiche Solesino indice e organizza il TROFEO DELLA SERENISSIMA per l’anno 2018.
Queste le gare:
1) 01 luglio 1° LA MARCA CLASSICA - TV (Automobile Club Treviso)
2) 07 luglio 9° COPPA CITTA’ DI BASSANO - VI (Bassano Rally Racing)
3) 08 luglio 4° REGOLARITA’ CITTA’ DI ESTE - PD (Hornet Corse)
4) 06 ottobre 11° COPPA MONTE VENDA - PD (Gu Gu corse)
5) 28 ottobre 6° CITTA’ DI SOLESINO – PD (Scuderia Ruote Storiche Solesino)
6) 02 dicembre 5° TROFEO DELL’IMMACOLATA – PD (Padova Autostoriche)


eventuali variazioni di date saranno desumibili dai siti degli organizzatori

MEETING INTERNAZIONALE FIAT 500 CLUB ITALIA A GARLENDA




Dal 6 all' 8 luglio si terrà a Garlenda (SV) la 35^ edizione del Meeting più atteso per ogni appassionato della mitica 500 Storica: tre giorni ricchi di incontri culturali, tecnici, escursioni e spettacoli per festeggiare l'auto più amata di sempre della quale il Fiat 500 Club Italia, organizzatore dell'evento, è riferimento a livello mondiale.
Il Fiat 500 Club Italia, ha sede in un piccolo paese dell’entroterra Ligure, Garlenda (SV), conta oltre 21.000 soci e sin dal 1984 si occupa a 360 gradi del mondo "cinquino": dalla cura del veicolo, oggetto vintage mai sorpassato, al suo significato storico e culturale, rappresentante di un periodo, quello del boom economico, al quale gli italiani sono particolarmente legati. Ma anche e soprattutto alle sue connotazioni più recenti, quali auto simbolo del miglior Made in Italy e strumento di aggregazione tra persone di ogni età e luogo.
Tra gli oltre 250 eventi organizzati in tal senso ogni anno, il Meeting Internazionale di Garlenda è il più rappresentativo: sono attesi 1.000 equipaggi da tutto il pianeta che giungeranno a Garlenda per festeggiare assieme  dal 6 al 8 luglio l’auto più amata di sempre.
Il programma è stato studiato in modo da coinvolgere ampiamente le realtà territoriali tramite escursioni , visite guidate e passeggiate eno-gastronomiche alla scoperta di peculiarità, gusti, panorami e le bellezze dei Borghi più Belli d’Italia.  “La chiave vincente di questa manifestazione è la sinergia tra gli enti coinvolti e l’entusiasmo, indispensabili per creare un’accoglienza adeguata alle aspettative dei 5.000 turisti che il meeting richiama nella Val Lerrone durante il lungo Weekend” spiega il direttore del Meeting Alessandro Scarpa. Sono sempre più numerosi i turisti, molti stranieri, che organizzano le proprie vacanze in Liguria per partecipare alla kermesse.
In quest’ottica, per la prima volta, l’organizzazione ha ampliato la manifestazione creando anche degli eventi “Aspettando il Meeting” a partire da lunedì 5 luglio, portando così l’evento ad una intera settimana. La 500 diventa così simbolo di un turismo di qualità, in stile #SlowDrive, ovvero dotato di quella lentezza e tranquillità necessaria per godersi le splendide opportunità turistiche che il nostro Bel Paese offre.

martedì 19 giugno 2018

Dal 19 al 22 luglio a Cortina torna la Coppa d'Oro delle Dolomiti




Al suo 71esimo anno d’età, la competizione organizzata da ACI Belluno in collaborazione con l’Automobile Club D’Italia, si svolge nel terzo weekend di luglio come da tradizione del periodo
storico (1947/1956) della corsa. Dal 1947, sulle “montagne più belle del mondo” (Patrimonio Mondiale dell’Umanità – Unesco), la Coppa d’Oro delle Dolomiti è un’affascinante competizione che vede i migliori driver sfidarsi su prestigiose auto, protagoniste della storia dell’automobilismo internazionale.
Da corsa di velocità dei primi dieci anni, fino al 1956, l’evento si è trasformato in gara di regolarità classica per auto d’epoca; quest’anno è la prima prova del Campionato Italiano Grandi Eventi
2018. Nei due giorni di competizione il percorso si snoda, all’interno della regione Veneto, in due tappe con diversi tragitti che attraversano, con molte variazioni di altitudine, sia la parte alta del
Cadore - fino ad arrivare vicino al confine con l’Austria, tornando a Cortina lungo la Val d’Ansiei - sia la parte bassa toccando Alleghe, Agordo e Belluno. Nel capoluogo è prevista sabato nel primo
pomeriggio una passerella in Piazza Martiri della Libertà di fronte alla sede dell’ACI Belluno.
Giovedì 19 luglio sono in programma le verifiche tecniche e sportive al’Hotel Savoia di Cortina, venerdì e sabato le due tappe (con partenze e arrivi a Cortina), domenica 22 luglio la premiazione a
Piazza Di Bona. Sono ammesse le vetture costruite fino al 1971 compreso. Il percorso di gara avrà una lunghezza complessiva di Km. 388,70. Sono previste: 60 Prove Cronometrate (P.C.), 8
Prove di Media (P.M.) con un totale di 22 rilevamenti, 10 Controlli Orari (C.O.), 4 Controlli Timbro (C.T.).
Le località attraversate dal percorso: Venerdì 20 luglio Cortina D’Ampezzo, Pocol, Passo Giau, Selva di Cadore, Forcella Staulanza, Forno di Zoldo, Forcella Cibiana, Venas di Cadore, Tai di
Cadore, Pieve di Cadore, Domegge di Cadore, Lorenzago di Cadore, S. Stefano di Cadore, S. Pietro di Cadore, Danta di Cadore, Passo S. Antonio, Auronzo di Cadore, Passo Tre Croci, Cortina
D’Ampezzo. Sabato 21 luglio Cortina D’Ampezzo, Pocol, Passo Falzarego, Digonera, Alleghe, Taibon Agordino, Agordo, Forcella Aurine, Mas, Belluno, Sagrogna, Soverzene, Longarone, Termine
di Cadore, Perarolo di Cadore, Tai di Cadore, Venas di Cadore, Borca di Cadore, San Vito di Cadore, Cortina D’Ampezzo.
Quest’anno ricorre il 70° anniversario della vittoria nel 1948, alla seconda edizione, di Giovanni Bracco con la Maserati A6 GCS “monofaro”, stesso modello del secondo assoluto il grande Gigi
Villoresi (quell’anno campione italiano assoluto). Terzo, Soave Besana con la Ferrari 166 Inter prodotta nello stesso anno; la prima autovettura realizzata dal Cavallino rampante destinata
prevalentemente ad un uso stradale.


ISCRIZIONI APERTE FINO AL 10 LUGLIO!

APERTE LE ISCRIZIONI ALLA BOBBIO PENICE



Si sono aperte le iscrizioni alla “Bobbio - Penice 2018",  Gara per Auto Storiche organizzata da ACI Sport con l’associazione BOBBIO AUTOSPORT A.s.d.
Svelato anche il percorso della gara, che si snoderà nei territori dei comuni di Bobbio, Coli, Farini d’Olmo, Ferriere e Corte Brugnatella, per una lunghezza totale di circa 140 km.
Saranno previsti nr. 6 Controlli Orari, nr. 2 Controlli a Timbro e nr. 64 Prove Cronometrate.
Le prove in linea al centesimo di secondo si svolgeranno su vie o piazze cittadine, e su strade a traffico ridotto, non saranno ripetute, e non in piazzali. Un concatenarsi di prove brevi (fino a un
centinaio di metri), alternate da prove lunghe (fino a diversi chilometri), permetterà di attraversare luoghi davvero incantevoli, con paesaggi entusiasmanti e mozzafiato.
La Gara di regolarità classica per auto storiche ACI Sport, titolata per il Trofeo Nazionale Regolarità Auto Storiche Centro, sarà valida anche per il 1° Criterium dell’Appennino, in collaborazione
con la Scuderia Nettuno di Bologna.
Per la Gara per Auto Storiche ACI Sport, il numero massimo di iscrizioni ammissibili è di 90 (novanta).
Si ricorda che le vetture devono essere state costruite entro il 31/12/1990.
Al termine della Gara nella serata di sabato si terrà anche una Esposizione e Sfilata di Eleganza di auto ante anni ‘30.
Ed il giorno successivo avrà luogo la manifestazione XX Trofeo Antonio Renati.
Per informazioni consultare il sito web:
http://www.bobbiopenice.it/attuale/

VITTORIA DI DI PIETRA-DI PIETRA ALLA VII° SUMMER MARATHON 2018




L'equipaggio Francesco Di Pietra e Giuseppe Di Pietra su Fiat 508 C del 1938 si è aggiudicato la vittoria alla settima edizione della Summer Marathon. Al secondo posto Gianmaria Aghem e
Rossella Conti (Equipaggio n° 14) con la loro splendida BMW 328 Roadster del 1938. Terzo piazzamento per un’altra Fiat 508 C (questo esemplare è del 1937), guidata da Alberto Aliverti e
Caterina Vagliani (Equipaggio n° 6). Trionfa tra le scuderie la Loro Piana Classic con: Aghem-Conti (secondi classificati), Belometti-Putelli (quarti classificati), Canè-Galliani (quinti classificati),
D’Antinone-Perego (decimi classificati), Raimondi-Adorni (dodicesimi classificati), Massara-Schira (tredicesimi classificati).
Al via gli equipaggi di questo prestigioso team erano otto, con loro anche Cavalleri-Meini su Lancia Aprilia del 1938 e Cristina-Baroli su Porsche 911 T del 1972.
La Coppa delle Dame è stata vinta dall’Equipaggio italo-canadese n° 56 Silvia Claudia Barberi ed Elena Mancinelli su Porsche 356 B del 1962.
Per loro, oltre al Trofeo, il Brand svizzero Dwiss ha messo in palio due prestigiosi orologi.
Gli anglo-tedeschi Bernd Dannenmaier-Christiane Dannenmaier, si classificano primi tra gli equipaggi stranieri, con la loro splendida Allard J2 Le Mans, vincitrice tra l’altro della 24 Ore di Le Mans nel 1950.
Nelle prove di media trionfa l’Equipaggio Lussemburghese Robert Kieffer e Michele Thiry su Porsche 912 del 1967.
Si aggiudica la Coppa Gozzini Auto per le vetture moderne l’Equipaggio n° 77 Graziano Mancinelli e Federico Mancinelli su Toyota Celica Turbo 4WD del 1992.
Molto apprezzati anche i Concorsi d’Eleganza, i quali si sono rivelati un’occasione per premiare le vetture, valutandole non solo dal punto di vista regolaristico, ma anche sotto l’aspetto delle
proprie qualità tecniche ed estetiche.
I vincitori dei Concorsi d’Eleganza sono:
·         Malé: Equipaggio n° 20 Filippo Gazza ed Amalia Nocco su Bentley 3.5 Litre Tourer by Vanden Plas del 1934.
·         Dimaro: Equipaggio n° 22 Alessandro Virdis e Silvia Giordo su Porsche 356 A Speedster del 1956.
·         Lovere: Equipaggio n° 14 Gianmaria Aghem e Rossella Conti su BMW 328 Roadster del 1938.
 Per il secondo anno consecutivo l’Equipaggio n° 108 Nicola Massei-Francesca Galgani su Fiat Abarth 695 SS si aggiudica la Targa Ma-Fra quale “Regina della VII° Summer Marathon 2018”,
eletti dal popolo di Facebook.Anche i fratelli Marco e Massimiliano Mattioli, titolari di MAFRA, erano presenti, riprendendo così la loro personale sfida con il cronometro.
tante le prove da affrontare, ben  67 quelle cronometrate che si sono svolte lungo un affascinante e impegnativo percorso alpino di questa Summer Marathon, che è inserita anche nel prestigioso
ACI Sport "Trofeo SuperClassic Cup 2018".
L’apprezzata organizzazione logistica e l’incredibile itinerario con panorami mozzafiato anche quest’anno non hanno deluso le aspettative, mostrandosi nel pieno del proprio splendore, in tre
giorni di sole, cielo azzurro e prati fioriti, che hanno lasciato tutti a bocca aperta.
Tra i più graditi il passaggio sul leggendario Passo Gavia. Un ricco montepremi ha soddisfatto tutti gli arrivati, al primo classificato l’ambitissimo pacchetto completo di partecipazione a La Gran
Carrera Argentina 2019.
Arrivederci all’edizione 2019!

DOMENICA 24 GIUGNO PARTE IL 2° MEETING LANCIA FULVIA




Domenica 24 giugno alle ore 9:00 il  Club Gorizia Automoto Storiche - G.A.S. Club organizza a Mossa il secondo Meeting Lancia Fulvia
PROGRAMMA:
Ore 9.00 ritrovo partecipanti presso la sede sociale del G.A.S. CLUB via Camposanto 12 a Mossa 
Ore 9,30 Quattro chiacchiere con la sig. ra Mannucci, che ci racconterà le avventure del celebre pilota e navigatore di Sandro Munari, il grande alfiere e portacolori della Lancia, vittorioso proprio con la Fulvia al Rally di Montecarlo ...
E poi via!

Firmato l'accordo fra Asi e Fiva: Torino diventa Capitale mondiale del motorismo storico



Il 14 giugno nella prestigiosa Sala delle Colonne del Comune di Torino è stato firmato l’accordo tra l’Asi (Automotoclub Storico Italiano) e la FIVA (Federation Internazionale des Vehicules Anciens) che prevede il trasferimento della Segreteria Generale di quest’ultima da Bruxelles  a Torino.
Hanno firmato l’importante accordo il Presidente dell’Asi Maurizio Speziali ed il Presidente di Fiva Patrick Rollet.
Si tratta di risultato molto significativo sia per il motorismo storico italiano rappresentato da Asi che ha così attribuito alla città di Torino  il ruolo a pieno diritto di Capitale mondiale del motorismo storico. Sede degli uffici di Fiva sarà Villa Rey, la prestigiosa  e storica villa del 1700 progettata e realizzata da Ludovico Quarini e di proprietà del Comune di Torino,   ubicata sulle colline torinesi e sede da diversi anni  del’’Automotoclub Storico Italiano.
“L’arrivo degli uffici della FIVA nella nostra sede di Villa Rey – ha detto il presidente dell’Asi Maurizio Speziali - riempie di orgoglio tutti i Club e i tesserati Asi e apre a tutto il movimento degli appassionati di motorismo storico nuove prospettive e opportunità. Intendo ringraziare il presidente della FIVA, Patrick Rollet e tutto il Consiglio per la fiducia accordata all’Asi in questa scelta, fatta con la consapevolezza che il nostro Paese può rappresentare il valore della storia, testimoniata da migliaia di opere d’arte e di costruzioni di gran pregio. Mi auguro che a Torino la FIVA possa trovare il modo di continuare ad affermarsi come riferimento per tutti gli appassionati di motorismo storico del mondo.  Con l’arrivo della FIVA Torino raggiunge il suo ruolo di Capitale mondiale del motorismo storico”.
Di concerto il presidente di FIVA Patrick Rollet: “Non c’è dubbio che questo nuovo ufficio sarà il simbolo di un’ulteriore fruttuosa cooperazione tra Asi e FIVA. Entrambi gli Enti rimarranno certamente indipendenti l’uno dall’altro ma la vicinanza sia geografica che filosofica potrà certamente favorire ulteriori sinergie.
 Inoltre – ha detto ancora Rollet -  il lungo rapporto  della FIVA con UNESCO si è anche concretizzato con il riconoscimento da parte di quest’ultima di Torino come Capitale mondiale del design motoristico”.

2° CONCORSO D'ELEGANZA COPPA GIANNI BERTI





Sabato 16 giugno 2018, nella cornice della bella Piazza Filopanti di Budrio, grazie alla disponibilità ed accoglienza dell'Amministrazione Comunale con in testa il Sindaco Maurizio Mazzanti, sì è
svolto il 2° CONCORSO D'ELEGANZA COPPA GIANNI BERTI riservato a vetture storiche fino al 1979 organizzato dalla Associazione Manuela Ghini per raccogliere fondi in favore del reparto
Oncologico Santa Maria Scaletta di Imola.
31 splendide vetture iscritte sono state valutate da una selezionata giuria esperta in base a vari criteri che hanno stabilito le vincitrici delle varie categorie.
Al termine delle valutazioni sono state premiati le seguenti vetture:
LA DEA APERTA - JAGUAR XK 120 DROP HEAD COUPE' del 1953 di Andrea Scagliarini
LA DEA CHIUSA - LANCIA APPIA III SERIE del 1961 di Massimo Bilancieri
LA DEA ITALIANA - FIAT 508 BALILLA 3 MARCE del 1933 di Lorenzo Masetti
LA DEA STRANIERA - CITROEN TRACTION AVANT 11 BL del 1954 di Bruno Godino
LA DEA SPORTIVA - RILEY BROOKLAND del 1929 di Andrea Scagliarini
LA DEA SENZA TEMPO - ROLLS ROYCE WRITHE del 1938 di Gianfranco Rubini
LA DEA CONSERVATA - FIAT 500 TOPOLINO A APERTA del 1947 di Guido Lenzi Calisti
LA DEA RIFATTA - LANCIA FULVIA GT del 1968 di Francesco Fini
Menzioni speciali della giuria:
LA DEA DELLA CRITICA - SAVIO 1100 SPORT del 1953 (esemplare unico) di Graziano Malini
LA DEA DELL'OLIMPO COPPA GIANNI BERTI - FIAT BALILLA M.M. AERODINAMICA del 1935 di Massimo Cecchi.
Al termine della Manifestazione è stato consegnato da Fausto Governato, Presidente dell'Associazione Manuela Ghini organizzatore dell'evento, alla dott.ssa Rosalba Poggi presente in rappresentanza del Reparto Oncologico guidato dal dott. Antonio Maestri, un fac-simile dell'assegno dei € 5.000,00 raccolti.
Il successo di partecipanti, di pubblico e soprattutto il raggiungimento dell'obiettivo primario prefissato, sprona l'Organizzatore ad impegnarsi per il futuro con la 3.a edizione del Concorso
d'Eleganza intitolato all'amico Gianni Berti, già responsabile dell'Ufficio Stampa dell'Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola.





RADUNO DI PARETO


PER INFO: vintagemotorsclubsv.blogspot.com


I tanti motivi dell'8° Rally Lana Storico

Tante le novità al Rally Lana Storico, dalla prova di notte, passando per il contest fotografico, fino alle note di Piero Liatti, e grande attesa per la regolarità a media.
Da qualche giorno hanno già doppiato quota cento, le iscrizioni all'8° Rally Lana Storico e regolarità sport e  al 1° Rally Lana Storico regolarità a media, ed altre decine ne stanno arrivando alla segreteria dell'organizzazione della triplice manifestazione organizzata da Veglio 4x4 e BMT Eventi. Per perfezionare la partecipazione alla gara biellese resta ancora qualche giorno di tempo visto che, come da programma, le iscrizioni chiuderanno alle ore 18 di lunedì 18 giugno.
Molte le conferme già pervenute da parte dei protagonisti del Campionato Italiano Auto Storiche, che si sfideranno per il quinto degli otto appuntamenti, sulle dieci prove speciali in programma sabato 23 e domenica 24 giugno; oltre a loro anche i contendenti del Trofeo A112 Abarth Yokohama, della Michelin Historic Rally Cup e del Memory Fornaca, serie riconosciute Aci Sport che a Biella marcheranno il quarto sigillo della stagione. A questi si aggiungeranno gli equipaggi in gara per il solo Trofeo di Zona che concentreranno gli sforzi sulle sei speciali del sabato.
Attesa anche per i protagonisti del neonato, anche se purtroppo ancora poco visibile, Campionato Italiano Regolarità a Media che sbarca in Piemonte per il quinto dei sei impegni stagionali di questa nuova disciplina che offre tanti spunti d'interesse soprattutto a chi vuole utilizzare una vettura di produzione.
Non mancherà di coinvolgere il pubblico, il 3° concorso fotografico "SCATTA, CONDIVIDI E VINCI" organizzato dal gruppo Nuova Assauto SPA, concessionaria dei marchi Ford e Hyundai, come non mancherà la possibilità, per gli equipaggi in questo caso, di avere copia delle note delle cinque prove speciali, stilate da Piero Liatti.
Parlando di rally "storici" doveroso, infine, ricordare i quarant'anni trascorsi dall'edizione del 1978, la prima ad avere validità internazionale e per il Campionato Italiano: allora vinse Federico Ormezzano  che è anche l'unico pilota ad aver vinto sia il rally moderno di allora alla guida di un'Opel Kadett Gt/e, quanto lo storico grazie al successo della prima edizione del 2011 su Porsche 911; gli fa eco tra i navigatori, Fabrizia Pons la quale, dopo il successo del 2000 navigando Piero Liatti su Subaru Impreza, ha completato l'opera con la vittoria dell'edizione 2017 del Rally Storico al fianco di "Lucky".
Notizie ed aggiornamenti al sito web www.rallylanastorico.it

DOLOMITI IRA CLASSIC 2018



Sabato 22 settembre 2018 si svolgerà la sesta edizione della “Dolomiti Ira Classic”; prove di abilità per auto storiche immatricolate fino al 1997 ed iscritte al calendario ASI (Automoto Club Storico Italiano) come prova del Campionato Nazionale.
Giunti alla sesta edizione vorremmo bissare il successo degli anni passati arricchendo il numero delle 50 prove aggiungendo alle 50 vetture anche qualche equipaggio proveniente da altre regioni quali: Germania e Austria, per dare un carattere di internazionalità a questa simpatica gara.
Ma non solo, da quest’anno alcune prove si svolgeranno anche a Villa di Egna su un percorso cittadino chiuso al traffico e, anche domenica 23 settembre, sulla strada che porta da Santa Cristina Val Gardena a Monte Pana, ben due chilometri di strada per l’occasione anche questa chiusa al traffico.
50 prove speciali con tutto il sapore di una vera gara di regolarità per auto storiche, dal road-book ai numeri grandi sulle portiere delle auto, ai cronometristi ufficiali ASI, agli Ufficiali di gara della Associazione Alto Adige Karl Kleewein, un nuovo percorso panoramico e molto apprezzato da Terlano attraverso Cornaiano, per un controllo timbro nella piazza principale del paese per raggiungere come già detto Egna (uno dei Borghi più belli d’Italia), che accoglierà le storiche vetture proprio sotto i suoi Portici.
Come di consueto il Comune di Renon ci concederà in esclusiva l’Arena Ritten dopo aver percorso più di 100 km. Da sottolineare che alla partenza a Bolzano in Piazza Walther, le vetture verranno presentate una per una prima di partire alla volta di Terlano. In definitiva la prima gara “low-cost” iscritta a calendario ASI per promuovere sul territorio questo genere di manifestazioni e per avvicinare i giovani; sarà proprio un successo.
Giovani studenti del “Polo Scolastico Galileo Galilei” ex ITI anche quest’anno grazie all’aiuto del Preside Rino Arcieri potranno redigere ed impaginare il Road-Book e partecipare alla manifestazione attraverso un interessante percorso di formazione scolastica.
Pertanto questa sesta edizione della “Dolomiti Ira Classic” sarà un evento imperdibile, organizzato dal Veteran Car Team in collaborazione con il Comune di Bolzano, Santa Cristina, Selva Gardena, Azienda di Soggiorno e Turismo di Bolzano, Santa Cristina e Selva Gardena.

RALLY CAMPAGNOLO: FORMULA CHE VINCE NON SI CAMBIA



Il presidente Renzo De Tomasi si dichiara assolutamente soddisfatto per le scelte attuate nell’edizione che si è da poco conclusa del Rally Campagnolo. C’è voglia di continuare a fare bene Sono passati poco più di dieci giorni dall’edizione numero 14 del Rally Campagnolo in versione storica e il presidente del Rally Club Isola Vicentina che ha organizzato l’evento ha dichiarato tutta la sua soddisfazione per un evento che ancora una volta si è svolto nella massima serenità con, alla fine, equipaggi e pubblico decisamente soddisfatti per la formula di gara scelta. Renzo De Tomasi si è affidato alla pluridecennale esperienza di Rudy Dalpozzo, il quale è passato dal ruolo di copilota in squadre ufficiali, negli anni ’70 e ’80, a quelli di consulente nell’organizzazione di eventi, soprattutto per quanto riguarda la scelta dei percorsi. Si tratta di una fase molto delicata nella progettazione di una gara perché vanno tenute in debita considerazione alcune variabili importanti, prima tra tutte l’impatto sulla viabilità ordinaria. Anche sulla scelta di far disputare la gara con orari alternati, tanto che alcune prove speciali si sono svolte in notturna, Renzo De Tomasi è convinto della bontà della scelta in quanto la ritiene un elemento che lega l’evento alla storia, quando le corse su strada come il Rally Campagnolo vivevano delle notti molto intense. Insomma, il futuro della gara è nelle stesse valutazioni e orientamenti che lo hanno oggi portato ad essere un appuntamento irrinunciabile per molti equipaggi. Non a caso la gara vicentina ha avuto una buona risposta di partecipazione messa a confronto con le altre gare di campionato italiano di rally storici. Il risultato finale, ricordiamo, ha visto la vittoria di Lucky, alias Luigi Battistolli, il quale per la prima volta ha corso la gara di casa in veste di presidente dell’Automobile Club di Vicenza. Anche questo è un elemento che garantirà al Rally Storico Campagnolo un buon rapporto con l’autorità sportiva.





lunedì 18 giugno 2018

AL CAR AND GOLF TROFEO CITTA' DI PADOVA VINCONO BIASIN-GENNARO








E’ stata l’abbinata della coppia Biasin Gennaro su Aurelia B20 con i golfisti Lucia Zanettin a Fabrizio Marconati ad aggiudicarsi la coppa del 17° Car&Golf, manifestazione benefica che abbina ad una gara di auto storiche una di golf, disputata sulle 18 buche del Golf della Montecchia. Secondi classificati l’equipaggio Minussi su Giulietta Spider, assieme ai golfisti Aldo Toninello e Alessandro Fligheddu, terzi la Sprint di Dario Converso in abbinata con i golfisti Roberto Lorenzi e Walter Rigoni. Il Trofeo Città di Padova, riservato alle auto, ha visto ancora sul gradino più alto del podio, al termine delle undici prove di regolarità, tutte disputate in spazi privati, l’equipaggio Gennaro/Biasin su Aurelia B 20 con 170 penalità, seconda la Giulietta Spider di Minussi, penalità a pari merito con l’equipaggio Gazzola/Graziotto su Jaguar E 4.2 Spider. La classifica donne è guidata dall’equipaggio Scibetta/Scibetta,su Porsche 911 S 2.7, seconda la coppia Ghedini/Ghedini su Jaguar E Type, terzi Randi/Randi su Giulietta TI. Accolto molto positivamente anche dal pubblico la prima edizione del Trofeo Giovani, che ha visto in gara 16 equipaggi, molti dei quali all’esordio nelle prove di regolarità. Un pubblico ammirato e curioso ha applaudito il corteo delle 100 auto storiche, con esemplari rarissimi e molte anteguerra, soprattutto italiane, lungo il percorso partito da Piazza del Santo, attraversando la zona pedonale di Padova fino a Due Carrare, a Villa Capodaglio, al Dominio di Bagnoli, ed ancora a Villa Cà Orologio di Baone, e a Villa Fogazzaro Colbacchini a Montegaldella per concludersi, dopo l’ultima prova al Golf della Montecchia, all’hotel Bellavista di Montegrotto Terme per la cena di gala.  La classifica del Trofeo Giovani è guidata dall’equipaggio Busetto/Risi, su Triumph Italia con 610 penalità, secondi Busetto/Busetto su Abarth Monomille a 754, terzi Andrighetti Sortino su Fiat 500.

Sul green della Montecchia invece primo netto alla coppia Simone Franchini e Marco Tognon, secondo netto Alberto Moro e Tommaso Domenichelli, terzo netto Min Hyeok Im e Min Sook Park; nearest to the pin Lorenzo Lorenzi, driving contest a Lorenzo Bernardi.
Premi assegnati durante l’elegante cena di gala all’Hotel Bellavista di Montegrotto Terme , a favore delle due associazioni beneficiarie della manifestazione, la Cooperativa Sociale Peter Pan di Rovigo e l’associazione Angeli Berici per la Chirurgia Pediatrica, impegnate in due progetti. Il primo riguarda il sostegno a bambini e ragazzi vittima di violenza fisica o psicologica, con un percorso che li guiderà a superare i traumi e guardare al futuro con maggiore positività, il secondo è rivolto all’acquisto di una apparecchiatura medica per la Chirurgia Pedriatrica dell’Ospedale San Bortolo di Vicenza, eccellenza sanitaria a livello europeo. Si tratta di una attrezzatura laser che permetterà di trattare importanti malformazioni linfatiche e vascolari nei piccoli pazienti affetti da angiomi giganti, linfangiomi, malformazioni vascolari complesse, ma anche piccole patologie cutanee come cicatrici deturpanti. A questo scopo, oltre al ricavato delle iscrizioni alla gara delle auto storiche e dei green fit per l’iscrizione al torneo di Golf, la manifestazione si affida ad una serie di sponsor privati, ma anche alla generosità dei partecipanti alla serata di gala, durante la quale sono stati assegnati in un’asta benefica, una Vespa degli anni 60, due orologi Eberard d’epoca, e una bellissima e fiammante affettatrice Berkel. Sono invece rimaste da destinare tre Lambretta d’epoca perfettamente restaurate e due orologi d’epoca, Rolex e Omega.
L'obiettivo dell'associazione che organizza la manifestazione, IdiS Iniziative di Solidarietà, è quindi quasi raggiunto, e nelle prossime settimane continuerà la ricerca di sponsor per sostenere i due progetti di quest'anno. In 17 anni sono stati raccolti e destinati a progetti sempre legati a piccole associazioni che si occupano di bambini in difficoltà, 700 mila euro. Non resta che darsi appuntamento alla prossima edizione, la numero 18 di Car&Golf.