giovedì 30 novembre 2017

BIS DI BACCI E MONCIATTI AL TUSCAN REWIND SPORT, LUCKY E PONS NELLE STORICHE





Successo bissato per il duo senese Bacci-Monciatti su Fiat 128 Sport nella gara di regolarità sport Tuscan Rewind corsa sugli sterrati di Montalcino e conferma la vittoria nel Trofeo Tosco Emiliano, con  Turri – Serafini e Carcereri – Maresca a completare il podio. Il Tuscan Rewind Sport è una gara unica nel panorama della
specialità perché si svolge su fondo sterrato offrendo delle emozioni ed un divertimento che non hanno pari, come confermato dai partecipanti alla seconda edizione che si è corsa nelle giornate di venerdì 24 e sabato 25 novembre.
I pronostici pre gara annunciavano un testa a testa tra le Fiat 128 Sport di Alessio Bacci e Marco Monciatti e la berlina di Giacomo Turri e Marco Serafini, ma nel primo rilevamento è la Volkswagen Golf Gti di Ezio Franchini e Gabriella Coato a mettersi in evidenza con un “netto”, con Turri, Bacci e Pinci racchiusi in tre penalità. Al termine del primo giro del venerdì il rodigino comanda con cinque penalità di vantaggio sul senese mantenendo le previsioni della vigilia di gara. E’ la sesta prova quella che sembra dare una svolta alla gara: sia Turri che Bacci realizzano un passaggio non perfetto
pagando rispettivamente 31 e 41 e contemporaneamente Daniele Carcereri e Alessandro Maresca si portano al comando con la loro BMW 2002 Ti. Nelle tre prove restanti, Bacci rimonta e chiude la tappa al comando con Turri e Carcerei a seguire.
I tre rilevamenti del sabato vedono un Turri molto preciso che tenta il tutto per tutto realizzando solo quattro penalità, ma Bacci controlla l’avversario e sale sulla pedana d’arrivo alla Fortezza di Montalcino festeggiando sia la vittoria in gara quanto quella della seconda edizione del Trofeo Tosco
Emiliano, ripetendo l’accoppiata gara e trofeo come nel 2016.
Turri e Serafini chiudono secondi e recriminano per il passaggio che è costato loro la gara, condizionato dall’improvvisa ebollizione del liquido del radiatore proprio in prossimità del pressostato. Carcereri e Maresca chiudono buoni terzi precedendo Franchini e Coato quarti, Pinci – Pinci quinti con la Fiat 124 Sport, Tosi – Megalini sesti su Ford Escort Mexico e Pasquali – Pasquali settimi su Ford Escort RS.
Per le storiche, “Lucky” e Fabrizia Pons chiudono la trionfale stagione 2017 nel migliore dei modi, grazie alla convincente vittoria conquistata sugli sterrati dell'8 Tuscan Rewind Historic che si è svolto con un percorso su due tappe, nei dintorni di Montalcino. Il duo del Rally Club Team, già Campione Italiano ed Europeo, ha visto iniziare in salita la gara in salita a causa di una toccata durante lo shakedown del giovedì ed è stato solo grazie al lavoro dei meccanici, se sono riusciti a partire e, con un crescendo di prestazioni, aggiudicarsi per il secondo anno consecutivo il rally toscano. A cercare di render loro la vita difficile ci hanno provato fin dall'inizio, Simone Romagna e Dino Lamonato, che nella prima frazione di gara si sono agiudicati cinque speciali subendo poi il sorpasso a fine tappa; nella seconda hanno badato a mantenere la posizione senza prendere rischi eccessivi per tentare di insidiare i futuri vincitori. Il podio è stato completato dagli spagnoli Daniel Alonso e Candido Carrera, buoni terzi su Ford Sierra Coswworth 4x4.

ALLA COPPIA SISANI-POLLINI LA COPPA A112 ABARTH TERRA


Al Tuscan Rewind Historic si è conclusa anche la stagione delle A112 Abarth iscritte all’omonimo Trofeo 2017. A Montalcino per la terza edizione della Coppa A112 Abarth Terra, iniziativa abbinata all’ottavo Tuscan Rewind Historic, rally storico corso su due tappe, erano sei le A112 iscritte, e come nel 2016 ad imporsi con autorità è stato l’equipaggio formato da Giorgio Sisani e Cristian Pollini; il duo, sin dalla prima prova ha mantenuto un ritmo elevato aggiudicandosi nove delle dieci prove effettuate, prestazione che ha permesso di chiudere la gara vincendo la speciale classifica e piazzandosi in ottava posizione assoluta. Gli unici che hanno tentato d’insidiare l’equipaggio vincitore sono stati Massimo Gallione e Luigi Cavagnetto, buoni secondi e autori di uno “scratch” nella nona speciale; a completare il podio della Coppa ci hanno pensato Ivo Droandi in coppia con Mario Gostinelli dopo un continuo avvicendamento di posizioni con Paolo Raviglione e Denis Piceno che hanno concluso quarti.
La classifica vede poi, in quinta posizione, un entusiasta Enrico Canetti alla sua prima esperienza su fondo sterrato, ben coadiuvato da Filippo Fiora il quale in due prove speciali si è alternato alla guida facendo provare ad Enrico anche l’ebbrezza del navigatore. Fatiche concluse anche per Amerigo Salomoni e Michele Pontini che hanno chiuso la classifica con la sesta posizione.
Era invece una novità assoluta la partecipazione all’Historic Rally Milano Autoclassica, manifestazione svoltasi su di un circuito di 1,4 chilometri ricavato all’esterno dei padiglioni della Fiera Milano Rho. La gara ha avuto uno svolgimento parziale a causa del maltempo che ha flagellato la zona e si conclusa con l’affermazione di Luigi Battistel che ha così aggiunto un nuovo alloro alla sua trionfale stagione; in seconda posizione, bissando anch’egli quella di Trofeo 2017, Raffaele Scalabrin mentre il podio è stato completato dal “sempreverde” Remo Castellan.
Documenti e classifiche al sito web www.trofeoa112abarth.com

LA SCUDERIA PALLADIO HISTORIC E BALLETTI MOTORSPORT AL RALLY DI MONZA



La Scuderia Palladio Historic di Vicenza si prepara ad uno sfavillante fine stagione con 3 BMW M3  al Monza Historic Rally Show, dove schiererà tre equipaggi tutti sulle performanti Gruppo A bavaresi. Si tratterà di un'esperienza tutta nuova. Infatti, il Monza Historic Rally Show è costituito da atipiche prove speciali tracciate lungo la pista dell’Autodromo di Monza.
Guido Marchetto e Roberto Zamboni per la palladio chiuderanno dunque la stagione debuttando in un rally storico nel quale promettono sin d’ora spettacolo, com’è da sempre nel loro stile; a seguire, un equipaggio new entry tra le fila della scuderia del “gatto col casco”, quello formato da Maurizio Visintainer e Fiorenzo Zona. Col terzo esemplare della purosangue bavarese, sul circuito brianzolo si vedranno nuovamente all’opera Paolo e Giulio Nodari che con questa nuova esperienza vogliono chiudere in bellezza una stagione positiva culminata con la vittoria del TRZ della seconda zona grazie alla convincente prestazione al Rally Piancavallo d’inizio mese.
Un particolare ringraziamento da parte degli equipaggi che saranno in gara, va agli sponsor e ai sostenitori che hanno permesso la partecipazione alla kermesse di fine anno che sta sempre più
prendendo piede anche tra le auto storiche, proponendo un elenco iscritti nel quale compaiono diversi nomi importanti della specialità. Una menzione anche per la navigatrice Roberta Barbieri che sarà impegnata in gara al fianco di Riccardo Bianco, su Ford Sierra Cosworth 4x4 Gruppo A.
La gara si svolgerà su tre tappe con inizio nel pomeriggio di venerdì 1 dicembre e l’ultima nella mattinata di domenica 3.dicembre.Nella giornata di domenica 3 si correrà, tra le province di Siena e Firenze, anche la quindicesima edizione del Rally Storico della Fettunta al via del quale si schiererannoper la Balletti Motorsport (Nizza Monferrato Ulteriori informazioni sull’attività dell’azienda al sito web www.ballettimotorsport.it) due personaggi famosi:  Alberto Salvini e Davide Tagliaferri con la Porsche 911 RSR Gruppo 4, la stessa che hanno condotto alla vittoria di Campionato Italiano Rally Autostoriche. Nello scorso fine settimana si è rivista all’opera l’Audi Quattro Gruppo B che è stata utilizzata da Marco De Marco nella manifestazione organizzata in concomitanza con Milano Autoclassica presso la Fiera Milano Rho; per il gentleman driver, ottimi riscontri grazie al miglior tempo di categoria.
www.rallysmedia.com

A BOLZANO IL VETERAN CAR TEAM PORTA IL FILM SULLA FERRARI 312 B



C’è ancora tempo per festeggiare il 70° anniversario della Ferrari e l’occasione il Veteran Car Team e la Scuderia Dolomiti non se la sono fatta scappare.
Martedi 12 Dicembre in collaborazione con Cinemas – Twenty verrà proiettato proprio il Film documentario FERRARI 312 B. La mitica FERRARI che guidarono Arturo Merzario, Clay Regazzoni, Nicky Lauda e Jacky Ickx negli anni ’70.
Ritrovata da Paolo Barilla e riportata al suo splendore dopo un attento restauro dallo storico progettista Ing. Mauro Forghieri.
Ecco proprio l’Ing Forghieri ed Arturio Merzario saranno gli ospiti d’onore di questa serata, aneddoti e ricordi presentati per l’occasione da Davide Brancalion Presidente del Veteran Car Team Bolzano e da Ezio Zermiani Presidente della mitica Scuderia Dolomiti non che’ famoso giornalista sportivo della Rai e voce della Formula 1.
Questa auto con il primo motore 12 cilindri “ piatto “ della storia delle corse , questo capolavoro della tecnica destinato in un primo momento alla aeronautica americana rivive in questo film documentario, un perfetto restauro dalla lamiera nuda alla stoffa dei sedili tutto perfettamente riprodotto con torni e telai dell’epoca rimessi in funzione , al fine di riportare al suo antico splendore questo pezzo di storia che ha rivoluzionato il mondo della formula 1 pur non aggiudicandosi mai un mondiale. Alla proiezione hanno aderito gia’ parecchi team di appassionati provenienti anche da fuori regione quindi gli organizzatori stanno pensando di proiettare il film in una sala piu’ grande a riprova del successo, prima ancora di iniziare la serata. Un evento imperdibile, quindi, per tutti gli amanti di motori in modo particolare della mitica rossa.

I MOTORI SI SCALDANO PER IL 14° COLLI GORIZIANI HISTORIC



Il 14° Colli Goriziani Historic - 6° Trofeo Monte Calvario è sulla pista di lancio. La manifestazione si svolgerà a Gorizia e nei bellissimi paesaggi del Collio, dei Colli Orientali del Friuli e delle vallate del Torre-Natisone, nelle giornate di sabato 21 aprile con partenza prima vettura ore 14.00 e arrivo in centro a Gorizia il sabato sera, con passarella nelle vie del centro città, domenica 22 aprile con partenza prima vettura ore 9,30 sempre dalla centralissima zona pedonale di Corso Verdi a Gorizia.
La manifestazione è inserita nella manifestazioni nazionali A.S.I.,  nelle manifestazioni F.I.V.A. cat B, nel campionato internazionale A.A.C.C. 2018, che coinvolge l'Italia, l'Austria, la Slovenia e la Croazia, oltre ad essere inserito negli eventi principali del Comune di Gorizia.
Confermata collaborazione con la scuderia Gorizia Corse (società rallistica che ha organizzato negli anni '80 e '90 le edizioni del Rally dei Colli Goriziani), con un esposizione serale, assieme ad un esposizione di vetture storiche del G.A.S. Club. Il numero di equipaggi è fissato in max 50 vetture.
Dal 01 dicembre 2017 al 28 febbraio 2018 sono aperte le pre-iscrizioni. Per tutti coloro che le effettueranno, il diritto di prelazione scadrà 31 marzo 2018, dopo tale data verrà perso ogni diritto e il posto verrà riassegnato. Chiusura iscrizioni venerdì 06 aprile 2018 ore 24.00.
www.colligorizianihistoric.it
per info: CLUB GORIZIA AUTOMOTO STORICHE Club Federato A.S.I.
Via Trieste 28 - Corona 34070 Mariano del Friuli
Segreteria : via Camposanto 12 – 34070 Mossa 0481-80307
Tel.  328-4158630 oppure 337.544889
Fax 0481-1995875
info@gasclub.org
www.gasclub.it

SUMMER MARATHON REGALA ANCORA LA GRAN CARRERA





La Summer Marathon, gara internazionale per auto storiche di Regolarità classica e media e Concorsi d’eleganza, in calendario 2018 ACI Sport, inserito nell'ambito e prestigioso Trofeo Superclassiche Cup 2018 si correrà il 15-16-17 giugno 2018.
Questo il programma:
3 tappe per un totale di 632 chilometri. Transito in paesaggi dai panorami unici al mondo.
70 prove classiche di precisione cronometrica.
6 prove di media con 18 rilevamenti tempo segreti.
3 Concorsi d’Eleganza con singola classifica in 3 Località: Malè - Dimaro - Lovere.
99 Vetture ammesse antecedenti il 31 Dicembre 1981.
Inoltre speciale categoria Super Car per 25 moderne vetture di alto pregio sportivo.
5 Passi Alpini scollinati, simbolo delle storiche maratone automobilistiche gare epiche di un tempo: Crocedomini, Tonale, Gavia, Stelvio e Presolana.
7 Laghi pittoreschi da fiaba: Iseo, Idro, Ledro, Garda, Toblino, Molveno e S. Giustina.
18 Capitali del turismo lacustre ed alpino:
Lovere, Ledro, Riva del Garda, Molveno, Andalo, Malè, Dimaro, Pellizzano, Tonale, Ponte di Legno, S. Caterina Valfurva, Bormio, Stelvio, Merano, Val d’Ultimo, Borno, Presolana, Riva di Solto.
Pacchetto Turistico “Al Seguito Ufficiale”, full immersion di 3 giorni nell’atmosfera entusiasmante della gara, a contatto diretto con le mitiche leggendarie di un tempo.
Logistica di livello con il vantaggio di alloggiare alla fine di ogni tappa sempre nello stesso hotel di quattro stelle dotato di un completo centro benessere.
Degustazioni enogastronomiche di prodotti tipici locali, welcome drink, coffee break lungo il percorso, come da programma.
Un ricco montepremi, proverbiale consuetudine, di esclusivo pregio, riconoscimento agli arrivati, VIP Package a tutti gli equipaggi verificati.
Superlativo Primo Premio il pacchetto completo di partecipazione a La Gran Carrera Argentina - Edizione 2019.  (Iscrizione - volo andata e ritorno - soggiorno - vettura idonea alla competizione).

APPUNTAMENTO AL MOTORSHOW DI BOLOGNA CON IL RIVS



L’appuntamento con il motorsport classico è fissato dal 2 al 10 Dicembre 2017 nella cornice del Motor Show di Bologna dove un intero padiglione – il numero 21 – sarà dedicato alla Passione Classica Racing: protagoniste saranno storia e tradizione, in un percorso espositivo realizzato in collaborazione con i più importanti musei, collezioni e registri di marca per far rivivere la leggendaria storia del motorismo storico attraverso i modelli da corsa più famosi.
RIVS, presente più che mai, animerà il progetto portando al Padiglione 21 una doppia esposizione per raccontare agli appassionati la storia di marchi evocativi come Audi e Porsche, esponendo esemplari eccezionali che con il loro passato glorioso sono stati cuore pulsante nella storia del motorismo sportivo.
“Quale miglior cornice se non l’arena del Motor Show, nell’area dedicata all’esposizione dei più importanti modelli che hanno fatto la storia del racing italiano ed internazionale, per spiegare al grande pubblico i piani di RIVS per il suo debutto quale organizzatore di manifestazioni di regolarità classica e turistica in accordo alla convenzione sottoscritta con ACI Sport”. Con queste parole Rossano Nicoletto, presidente del Registro, ha annunciato l’importante accordo, siglato con il presidente ACI, Angelo Sticchi Damiani, che sancisce una nuova fase nei rapporti tra due dei maggiori attori del settore dei veicoli d’epoca e che porterà numerose novità per gli appassionati.
Al Motor Show, il Registro presenterà  anche il Trofeo RIVS 2018, un progetto ideato per affiancarsi al ruolo di organizzatore diretto riconosciuto da ACI Sport al Registro, attraverso il quale RIVS intende promuovere la partecipazione dei propri associati RIVS alle attività sportive di ACI. Per la prossima stagione agonistica sarà focalizzato nell’area del Nord Est, storica roccaforte del Registro, con l’obiettivo di portarlo a livello nazionale negli anni a venire.
La kermesse bolognese sarà l’occasione per un nuovo Contest Fotografico RIVS, sulla scia del successo  di quello  organizzato alla Fiera Auto e Moto d’Epoca di Padova.  Premi e sorprese per gli appassionati fotografi che posteranno le immagini più originali della loro visita al Motor Show, utilizzando i tag #RIVSBOMS2017 e #BOMS2017.


ANCHE IL MUSEO NICOLIS CON LE SUE AUTO AL MOTORSHOW DI BOLOGNA






A Bologna Motorshow dal 2 al 10 dicembre le auto storiche saranno splendidamente rappresentate dal Museo Nicolis di Verona, custode di una rarissima collezione di auto d’epoca, che partecipa per la prima volta come testimone dell’evoluzione dell’automobile nei secoli con tre prestigiose vetture storiche.
Protagonista nel nuovo Padiglione - Passione Classica Racing – dedicato alla tradizione motoristica, presenterà tre pietre miliari della storia delle auto sportive, in un percorso espositivo realizzato in collaborazione con i più importanti musei e collezioni internazionali.
Star indiscussa la Fiat 1100 Sport del 1948, carrozzata da Rocco Motto di Torino. Un esemplare unico che ha partecipato alla Mille Miglia del 1948 con Pedretti Alessio N°395 e alla Mille Miglia del 1949 con Guelfi – Repello N°640. La Fiat S era una delle auto più appetibili per le competizioni, lo dimostrano le iscrizione di questo modello alle gare. Questa meravigliosa barchetta conserva ancora il libretto originale.
Il suo ultimo proprietario, di professione medico condotto, la utilizzava per “correre” dai suoi pazienti.
Ma le sorprese non finiscono qui, i visitatori potranno anche ammirare la rarissima Zanussi 1100 sport del 1949,  utilizzata in corsa dallo stesso Zanussi in alcune gare in salita fino a metà degli anni Cinquanta. La vettura è stata riscoperta e riconosciuta al Museo Nicolis dal figlio Ezio Zanussi, colui che oggi custodisce ricordi e dati tecnici relativi al lavoro dell'Officina di famiglia.
E l’elegante Lancia Aurelia GT 2500 B20 del 1957, costruita da Pinin Farina, ancora oggi una delle gran turismo italiane più apprezzate e conosciute al mondo.  Con la sua bellissima carrozzeria, ha influenzato il design di molte altre vetture sportive del periodo. Da ricordare è l’esordio agonistico alla Mille Miglia del 1951. 
“Il Museo Nicolis non si smentisce mai” commenta Silvia Nicolis presidente dell’omonima collezione “per noi aderire ad iniziative nuove, volte a valorizzare il motorismo storico, significa anche esporre esemplari unici per condividere la storia dei motori, ma anche l’ingegno e la passione degli uomini che l’hanno realizzata”.   
Il Motor Show aprirà al pubblico dal 2 al 10 dicembre, gli orari di apertura nei giorni feriali saranno dalle ore 9.00 alle ore 18.00, nei festivi e pre festivi dalle ore 8.30 alle ore 18.30. La data riservata per i media e operatori del settore sarà il 1° dicembre.
 Museo Nicolis: http://www.museonicolis.com

ACI SPORT E ACI STORICO FANNO SPLENDERE LE STORICHE AD AUTOCLASSICA


ACI Storico, a Milano AutoClassica, ha confermato il crescente trend di interesse per le auto storiche tra i cultori, i collezionisti e gli appassionati sportivi per il ruolo centrale e di riferimento che ricopre, quale sodalizio focalizzato sulla tradizione e cultura storica dell'automobile.
L'ampio e centrale stand ACI Storico e Automobile Club Milano a Milano AutoClassica è stato visitato da migliaia di persone, entusiaste delle proposte presentate nell'articolata area contraddistinta dalla presenza di, ACI Global, del PRA Pubblico Registro Automobilistico e Sara Assicurazioni a formare "l'insieme dei servizi" rivolti ai Soci, ai collezionisti, agli sportivi proprietari di auto storiche. L'Area Incontri ACI Storico ha ancora una volta catalizzato la curiosità del pubblico, con i molteplici temi analizzati riguardo le tecniche di restauro delle vetture e la presentazione della polizza Sara Vintage. Un'attenta ed incuriosita platea di "storici" ha assistito alla presentazione della Coppa Milano Sanremo 2019, illustrata da Marco Coldani, Vicepresidente ACI Milano e Pierlorenzo "Peter" Zanchi, Presidente Commissione Sportiva ACI Milano. Seguitissime sono state poi le consegne dei riconoscimenti ai partecipanti dell'inedito Corso di Regolarità Classica, tenuto dai tecnici sportivi di ACI Sport e ACI Storico in collaborazione con la rivista Automobilismo d’Epoca e le premiazioni delle gare Historic Rally, Speed e Historic svoltesi sul Classic Circuit Arena di Milano AutoClassica.
Ha quindi riscosso ottimo successo la settima edizione del salone milanese, che ha concluso un intenso fine settimana dove la storia dell'automobilismo, rappresentata anche dalle sezioni Heritage delle Case automobilistiche, è stata abbinata al presente e futuro dei nuovi modelli di auto presentati in anteprima. La crescita del 8% degli espositori e del 7,3% di spettatori rispetto le edizioni passate, induce soddisfazione da parte di tutti, confermandosi dati promettenti per gli anni a venire.
La kermesse era iniziata il 24 novembre con l'inaugurazione di Antonio Rossi, Assessore allo Sport e Politiche per i Giovani della Regione Lombardia, con Andrea Martini Presidente di Milano AutoClassica e Antonello Salzano di ACI Storico  e la sobria cerimonia dell'inaugurale "taglio del nastro", di fronte alla regina del Salone: la Ferrari GTO 250 del 1962.
La fiera motoristica era poi letteralmente entrata nel vivo, catalizzando la scena motoristica del fine settimana, con la seconda giornata seguita da un alto numero di visitatori che hanno ammirato le fantastiche auto esposte - gran successo ha riscosso la Ferrari 126 CK delle mitiche imprese di Gilles Villeneuve del 1980; la Lancia Delta Integrale vincitrice del Safari Rally con Miki Biasion e Tiziano Siviero ed anche lo stand del RIAR Registro Italiano Alfa Romeo che oltre ad esporre le iconiche Alfa Romeo 6C ha presentato il nuovo libro di Stefano D'Amico "Pura Alfa Romeo".
Il gremito parterre di sportivi ha seguito con estremo interesse la presentazione della Coppa Milano Sanremo 2019, illustrata nell'Area Incontri ACI Storico da Marco Coldani, vicepresidente ACI Milano e  Pierlorenzo "Peter" Zanchi presidente Commissione Sportiva ACI Milano ed anche il Corso di Regolarità Classica tenuto in collaborazione con Automobilismo d’Epoca.
Nonostante la pioggia incessante, che ha letteralmente battuto la "pista" allestita dai commissari ACI Sport sulla Classic Circuit Arena, gli iscritti alle manifestazioni motorsport hanno dato vita alle prime sfide con le formule storiche del Grassano Racing ed animato l’Historic Rally dove sono in evidenza il vincitore dell'edizione 2016 "Febis", ma anche Tony Fassina con la Lancia Stratos, Alessandro Trentin con la Porsche 911 SC, Marco de Marco con la Audi A Quattro. In pista anche i protagonisti del Trofeo Historic Speed, il Trofeo Autobianchi A112 Abarth, quindi la Lotus Cup.
Nei tre giornidi manifestazione ACI Storico si è segnalata per il ruolo di riferimento preminente del settore, con il centralissimo stand contraddistinto dalla presenza dei partner istituzionali: ACI Global, Sara Assicurazioni e PRA Pubblico Registro Automobilistico che hanno formato "l'insieme" dei servizi rivolti ai Soci, ai collezionisti, agli sportivi proprietari di auto storiche.

martedì 28 novembre 2017

La Modena Cento Ore è il “Rally of the Year 2017”



La Modena Cento Ore si è aggiudicata il prestigioso premio di “Rally of the Year 2017” agli Octane Awards, gli "Oscar dei Motori" riservati ai migliori eventi di motorismo storico nel mondo per auto d’epoca e da collezione. Il premio, indetto dalla rivista britannica di settore Octane, è alla settima edizione.
 Il concorso è dedicato all’universo delle auto storiche e da collezione e il premio conferma la qualità e l’unicità dell’evento, degno testimonial del patrimonio motoristico della Motor Valley.

 Quest’anno la manifestazione emiliana ha superato gli altri candidati non solo per la qualità delle vetture partecipanti, dei circuiti e delle prove, ma anche per la “perfetta organizzazione”, come spiegato dal board dei giudici. Un ulteriore fiore all’occhiello per la Terra dei Motori regionale.
La Modena Cento Ore, organizzata in collaborazione dalla Scuderia Tricolore e da Canossa Events, è una gara internazionale per auto storiche, una combinazione vincente di auto meravigliose e di gentlemen drivers che arrivano da tutto il mondo per questa opportunità unica di vivere l’Italia in un modo speciale combinando l’adrenalina della competizione con il piacere della buona cucina italiana e della scoperta dei territori attraversati dal percorso che attraverserà l’Italia da est a ovest.
Con un percorso di circa 1000 Km, l’evento ogni anno attraversa una parte dei bellissimi territori dell’talia centro settentrionale, coinvolgendo alcuni dei circuiti più prestigiosi del territorio e proponendo  anche gare speciali in salita su strade chiuse.
Nel 2017 la manifestazione è partita da Rimini, con la serata inaugurale al Grand Hotel, per poi toccare i circuiti del Mugello, di Magione e il Misano World Circuit intitolato a Marco Simoncelli. La cerimonia di chiusura, come di consueto, si è svolta in Piazza Grande, nel cuore di Modena e della Motor Valley emiliano-romagnola. Per mantenere alto lo standard qualitativo, l’organizzazione non accetta più di 100 equipaggi. In gara vetture di 19 diverse case automobilistiche e concorrenti provenienti da 21 Paesi e da tutti i Continenti. In questo 2017, anno del 70° anniversario della Ferrari, erano 23 le auto della Casa di Maranello presenti, tutte esemplari di grande pregio.

per info: www.modenacentooreclassic.it
 https://we.tl/PIJqpm1SG6







giovedì 23 novembre 2017

IL CMAE PORTA LE SUE REGINE A MILANO AUTOCLASSICA



Il CMAE, Club Milanese Automotoveicoli d’Epoca  a Milano AutoClassica 2017 che si terrà il 24, 25 e 26 novembre, alla Fiera Milano Rho, non poteva mancare, e per la settima edizione della fiera meneghina che ogni anno riunisce in un unico evento le più belle classic di sempre, oltre a offrire importanti anteprime nazionali, a fare la sua parte anche il Club Milanese Automotoveicoli d’Epoca, che per l’occasione esporrà una elegantissima Bentley del 1930, già pronta per l’edizione 2018 del Trofeo Milano, e una ruggente Maserati A6 GCS Sport del 1954.
Al Padiglione 22 – Stand A 19/B20, dal 24 al 26 novembre saranno inoltre presenti la Lancia Ardea del 1951, inseparabile compagna di viaggio del Club agli eventi, e le due
ruote, con una moto Guzzi 500 Norge del 1929 e una S500 del 1935. A Milano Autoclassica un ampio spazio sarà inoltre dedicato ai ricambi e un’area apposita per le gare, con il meglio del motorsport classico italiano e internazionale in azione.  Un appuntamento imperdibile per affezionati, collezionisti o semplici appassionati, che raduna in una vasta area espositiva un parterre di gioielli d’epoca da far girare la testa.

IL “CHE”, MIO FRATELLO



Un ritratto privato del Che raccontato dal fratello minore Juan Martín Guevara: questo l'argomento di un convegno che avrà luogo oggi, 23 novembre, all'Auditorium Altinate-San Gaetano a Padova.
«Ho aspettato quarantasette anni prima di andare dove mio fratello, Ernesto Guevara, è stato assassinato.» Comincia così il libro di Juan Martín Guevara Il “Che” mio fratello, edito da Giunti nel settembre 2017, con il tempo che aiuta ma non guarisce, col ricordo di un fratello più piccolo cui hanno ucciso l’eroe, non perché era il Che, ma perché i fratelli maggiori sono sempre e comunque i nostri eroi.
L’appuntamento con Juan Martín Guevara e Il “Che”, mio fratello è per il 23 novembre alle ore 18 nell’Auditorium San Gaetano in via Altinate a Padova. L’incontro è organizzato dalla Fiera delle Parole e Giunti Editore in collaborazione con il  Corso di aggiornamento in Studi Latinoamericani e dei Caraibi diretto dalla prof.ssa Antonella Cancellier (Dipartimento di Scienze politiche, giuridiche e internazionali dell’Università di Padova).

Le A112 Abarth del Trofeo protagoniste a Milano Autoclassica



La stagione del Trofeo A112 Abarth Yokohama si è conclusa da un paio di mesi, ma per i protagonisti della Serie è sempre tempo per essere alla ribalta. Nell’imminente fine settimana, otto A112 Abarth sono state invitate dagli organizzatori della rassegna Milano Autoclassica che si svolgerà nella struttura della Fiera di Milano Rho dal 23 al 25 novembre; all’esterno dei padiglioni espositivi sarà infatti predisposto un circuito di 1,4 chilometri denominato Classic Circuit Arena dove tra le varie gare in programma spicca quella riservata alle scorpioncine.
Le otto Autobianchi A112 Abarth sono state selezionate tra quelle che hanno partecipato al Trofeo 2017 e scenderanno in gara per le varie manches di qualifica fino alle finali, sia sabato 24 che domenica 25. Gli otto piloti che si sfideranno sono: Luigi Battistel, vincitore del Trofeo A112 Abarth Yokohama 2017, Raffaele Scalabrin, secondo assoluto e primo “under 28”, Giacomo Domenighini, Giuseppe Cazziolato, Luciano Favero, Remo Castellan, Pietro Baldo e Marino Labirinti, vincitore quest’ultimo, della classifica riservata alle vetture del “Gruppo 1”.
wwww.milanoautoclassica.com



ACI Storico al centro di Milano AutoClassica




A Milano Autoclassica, il prossimo salone dell'Heritage in programma dal 24 al 26 novembre a Fiera di Milano Rho, l'Automobile Club Italia, assieme ad ACI Global, Sara Assicurazioni e PRA  Pubblico Registro Automobilistico, assicurerà il suo massimo impegno e la sua presenza. Con ACI Storico si presenterà a Milano AutoClassica con la coinvolgente rivisitazione della Storia, della tradizione e della cultura dell'Auto rivolta a tutti gli appassionati e soprattutto ai Soci, che godranno di sconti e promozioni a loro riservati. La funzione centrale della Casa degli entusiasti delle vetture storiche, troverà ancor più esaltazione nell'Area Incontri ACI Storico di Milano AutoClassica, il grande spazio dello stand, con un vero e proprio agorà ed un ricco calendario di incontri nel cuore di Milano AutoClassica. Lo stand ACI Storico, che si svilupperà su duecento metri quadrati del centralissimo Padiglione 18, sarà il riferimento per i visitatori del salone meneghino, presentando tutte le eccellenze di Automobile Club Italia, sviluppate per gli appassionati di Heritage.
ACI Global, società multiservizi dedicata anche al mondo dei veicoli storici, presenterà la sua Linea di Servizi "ACI Global Passione d'Epoca".
Sara Assicurazioni, la Compagnia Assicuratrice dell‘Automobile Club Italia, avrà uno spazio sullo stand dedicato a Sara Vintage, la polizza assicurativa predisposta per la propria clientela che possiede un veicolo a motore d’epoca. Nell'Area Incontri ACI Storico alle 16.30 di venerdì 24 si svolgerà l'incontro di presentazione di Sara e Aci: passione e impegno al servizio dei collezionisti.
Il PRA Pubblico Registro Automobilistico, sarà presente con lo "Sportello decentrato" dell'Area Metropolitana ACI di Milano, con uno spazio dove l'utente può richiedere Visure, Certificazioni, avere  informazioni sul pagamento del bollo delle auto e  registrare trasferimenti di proprietà o qualsiasi altra formalità.
ACI Sport e ACI Storico rinnovano l'appuntamento con il Motorsport nella Classic Circuit Arena. Per i giorni di venerdì 24, sabato 25 e domenica 26 novembre nella straordinaria area esterna di Milano AutoClassica, sono in programma gare, esibizioni e in collaborazione con il mensile Automobilismo d’Epoca, un Corso di Regolarità per piloti neofiti ed esperti.

Ancora impegni per la scuderia Team Bassano: Tuscan Rewind e Milano Autoclassica



Il lungo mese di novembre del Team Bassano si chiude con due impegni che vedranno una dozzina di vetture dall’ovale azzurro impegnate in gara; a Montalcino (SI) è in programma l’ottava edizione del Tuscan Rewind, unico rally tutto su fondo sterrato che si corre in Italia. Sei gli equipaggi iscritti, tre dei quali in lizza per la Coppa A112 Abarth che prevede una classifica a parte per i trofeisti; quelli schierati dal Team Bassano sono: Massimo Gallione e Luigi Cavagnetto, Giorgio Sisani e Cristian Pollini, Enrico Canetti e Filippo Fiora. Gli altri tre equipaggi sono quelli composti da Gabriele Noberasco e Michele Ferrara su BMW M3 Gruppo A, Peter ed Elke Goeckel su Opel Kadett 1.3 SR Gruppo 2, Michael e Matthias Stock su Porsche 911 SC Gruppo 4 “replica Safari”.
E’ invece una novità assoluta quella della partecipazione di otto A112 Abarth alla gara in programma a Milano durante la mostra Milano Autoclassica, le quali nelle giornate di sabato 25 e domenica 26 si sfideranno sul circuito ricavato all’esterno dei padiglioni, lungo 1,4 chilometri. Per il Team sono iscritti: Luigi Battistel, Raffaele Scalabrin, Giacomo Domenighini, Giuseppe Cazziolato, Remo Castellan e Luciano Favaro.
Nel settore della regolarità, ancora un ottimo risultato conseguito da Andrea Giacoppo che ha corso al Memorial Dal Grande in coppia con Anna Luigia Battistella portando la Lancia Fulvia HF in seconda posizione assoluta. Al traguardo anche Nicola Randon e Martina Sponda su Fiat Ritmo 130 TC, Andrea Stocchero con Francesca Sandri su Autobianchi A112, Antonio Salmaso e Massimiliano Sgarabottolo su BMW 318.
 www.teambassano.com

martedì 21 novembre 2017

TRIONFO DI SCAPIN-MORANDI AL MEMORIAL DAL GRANDE



Come sempre è stata una festa la quattordicesima edizione del Memorial Mariano dal Grande, gara di regolarità turistica a calendario Acisport  che, come ormai da quattordici anni, trasforma la Valle del  Chiampo, nell'Alto vicentino, per due giorni in un grande palcoscenico dello sport automobilistico, e delle auto storiche in particolare. Una gara che fa tornare le auto dei rally sulle strade del mitico Rally Campagnolo , una della gare più blasonate delle corse su strada degli anni Settanta ed Ottanta.
E proprio grazie a Renzo De Tomasi e ai ragazzi  del Rally Club Isola Vicentina una volta all'anno gli appassionati driver di ieri e di oggi possono divertirsi alla guida delle loro auto su queste strade , chiuse al traffico per l'occasione, grazie anche alla fattiva e convinta collaborazione delle amministrazioni locali, con in prima fila quella del Comune di Chiampo.
Così, domenica mattina 19 novembre ben 120 concorrenti con le loro auto storiche e moderne si sono dati appuntamento nel centro della cittadina dell'alto vicentino per prendere il via di questa quattordicesima edizione di quella che è stata di fatto l'ultima gara della stagione agonistica 2017.
Centosettanta i chilometri di percorso, con lo svolgimento di tre prove cronometrate da ripetersi per tre volte, con una formula 'a ronde' decisamente riuscita. Tanto il divertimento per i driver e per il folto pubblico sui tornanti delle 'classiche' : Nogarole, Mistrorighi e Molino, prima dell'arrivo finale a Chiampo nel pomeriggio. Ed alle affollate premiazioni dello stand della Pro Loco, alla fine, tanti applausi per i  vincitori Enzo Scapin e Ivan Morandi con la Lancia Beta Coupè, portacolori della scuderia organizzatrice che, fin dal via, hanno preso il comando della gara, seguiti da vicino da Andrea Giacoppo e Anna Luigia Battistella con la Lancia Fulvia del Team Bassano, e dai terzi classificati dell'assoluta Andrea Pilastro e Barbara Pozza sulla A112 Abarth della Scuderia Mite ( quella che fa correre i ragazzi non vedenti e ipovedenti). La coppia della scuderia MITE è stata anche la più applaudita della serata , perchè l'altro equipaggio del Mite, quello formato da Leo Fabbri E Sonia Cipriani con la Volvo Amazon, aveva fatto segnare i migliori tempi nelle prove cronometrate, ma non hanno potuto figurare nella classifica assoluta perché Leo Fabbri è un Top driver, e  quindi partecipa senza concorrere alla classifica  nelle gare di regolarità turistica.  A loro va la soddisfazione di essere quindi i vincitori morali di questa quattordicesima edizione del Mariano Dal Grande. 
Proprio per questa specialità si preannunciano novità regolamentari per l'anno prossimo, novità che comunque l'organizzatore Renzo De Tomasi sta già studiando per mettere in calendario un'edizione del Dal Grande 2018 divertente come tutte le precedenti.

“E’ Festa”: concerto del Gruppo “Caronte” alla Franzoni Auto - Divisione Classic




La Franzoni Auto Srl e la Divisione Classic di Brescia (www.franzoniauto.com ), sono stati domenica 19 Novembre 2017 il palcoscenico per un Concerto del Gruppo Caronte dal titolo “E’ Festa” eseguito in occasione dei festeggiamenti per i 30 anni di attività del Gruppo musicale.
E’ Festa era la traduzione italiana del brano, “Celebration”, della PFM, la Premiata Forneria Marconi la storica formazione di rock progressivo, che agl’inizi degli anni ’70 su ispirazione di Mauro Pagani (proveniente dai Dalton), suggerì il nome di una forneria di Chiari (BS) che egli frequentava.
E’ stata un occasione quindi di Festa ma di cultura musicale nella quale il gruppo costituito da :
 Alice Mafessoni  flauto, Alberto Martinelli  violino, Gabriele Miglioli violoncello, Elena Trovato arpa,Luigi Signori pianoforte e voce, hanno eseguito brani musicali con arrangiamenti e virtuosismi che hanno spaziato dagli anni ’60 alla fine degli anni ’70. Ecco alcuni esempi : Dik Dik “Senza luce” (cover di a wither shade of pale dei procol harum), per approdare alla citata PFM. Le Orme con “Sguardo verso il cielo”. Il Banco del mutuo soccorso, alle volte chiamato solo Banco con la traccia II di “Passaggio”.  I New Trolls con “Agadio” e allegro dal Concerto Grosso. Gli Area con “Luglio agosto settembre nero”  Per concludere con Finardi “Musica Ribelle” e De Andrè che con la PFM ci regalò “Il Pescatore” .
Un percorso musicale ben interfacciato dalle presentazioni di Luigi Signori e Elena Trovato che hanno inserito i brani anche nel contesto storico nei quali sono nati. Si parla del periodo 1965-1979 periodo ove per qualcuno era già finito il boom economico, quel boom economico che era segno di entusiasmo e profonda fiducia nel futuro. Un esempio fu la vettura che motorizzò l’Italia dal 1955 al 1969, la Fiat 600. Ecco che la Divisione Classic ha quindi esposto nella scenografia una stupenda Fiat 600 Prima serie vetri scorrevoli del 1956, vettura che ha una storia particolare in quanto ordinata da tre sorelle che per emanciparsi, nel 1956, presero tutte e tre la patente per poi ordinare il sogno italiano dell’automobile e della libertà di mobilità dell’epoca : la Fiat 600. Ma le donne sono protagoniste anche delle rivendicazioni femministe che dal 1968 chiederanno maggiori equiparazioni agli uomini. Negli anni ’70 sempre le donne saranno protagoniste per due referendum : Divorzio e Aborto. Infine l’avventura della seconda metà degli anni ’70 delle radio e televisioni private che superando le censure diffusero la musica popolare, che al contrario del termine, era musica impegnata non solo politicamente, ma anche culturalmente e proprio musicalmente. Poi arriveranno le radio e televisioni commerciali e tranni alcuni casi, questo mondo svanì.
Tutto questo messo in musica e scena dal Gruppo Caronte che è stato premiato con un ascolto attento e composto, del selezionato pubblico su invito. Scroscianti applausi ai quali il Gruppo, ha ricambiato con due bis : Something’s gotta Hold on me e House of the rising sun, con il supporto del tenore Gianfranco Cerreto  e della cantante Sabrina Olivieri .
Una Festa del rock italiano in un contesto inconsueto, quello di una Concessionaria, come la Franzoni Auto Srl, ma significativo di quello che è anche l’impegno culturale di questa azienda da 50 anni nel panorama bresciano e che nel 2016 ha festeggiato i primi 20 anni con il Gruppo FCA ed è la prima realtà che ha al suo interno una Divisione Classic dedicata alle vetture di interesse storico.

HISTORIC CHRISTMAS SAN MARINO: APPUNTAMENTO CON IL NATALE!


Sabato 9 e Domenica 10 Dicembre 2017 torna in scena nella Repubblica di San Marino la 7° Edizione di Historic Christmas San Marino.
Ormai nel corso degli anni, Historic Christmas San Marino, è diventata la festa natalizia di tutti i Regolaristi... un modo divertente per passare un bel fine settimana a ridosso delle festività natalizie nello splendido scenario dell'Antica Terra della Libertà e godersi bellissimi momenti a bordo delle  vetture d'epoca in compagnia di tutti gli Amici con cui durante l'anno si è condivisa questa passione ma senza il normale stress di una vera e propria gara di regolarità.
Proprio per questo a Dicembre, la più piccola ed antica Repubblica del Mondo è lieta ed onorata di ospitare tutti i Campioni e non della  specialità per festeggiare tutti insieme il Natale e la chiusura della stagione 2017.

venerdì 17 novembre 2017

FIAT 500 DAY A PADOVA

FIAT 500 DAY  è l'evento organizzato dall'Accademia del Restauro Veicoli Storici per festeggiare  la grande automobile che ha segnato l'ingresso nell'Italia nell'era della modernità.  l'incontro  si svolgerà sabato 25 novembre 2017 dalle ore 9.00 alle 18.00 presso il Centro tecnologico-C.a.pa. in via S.Marco 47 a Padova.
La partecipazione è libera e gratuita con comunicazione mediante scheda di iscrizione da compilare e inviare via mail a accademia.restauro@pd.cna.it o a mezzo fax al n. 049 807.71.85
pag. Fb Accademia restauro veicoli storici
www.pd.cna.it http://www.pd.cna.it/autoriparatori1.php

SIGLATO L'ACCORDO FRA ACI E RIVS


RIVS e ACI hanno compiuto un grande passo avanti per il settore del motorismo storico italiano.
In occasione della Fiera Auto e Moto d’Epoca di Padova, i vertici nazionali dei due enti si sono incontrati per sottoscrivere un accordo che, partendo da una collaborazione in ambito sportivo, sancisce di fatto una nuova fase nei rapporti tra due dei maggiori attori del settore dei veicoli d’epoca.
L’accordo, che prevede la possibilità per RIVS di proporsi come organizzatore di manifestazioni di regolarità classica e turistica inserite nel calendario nazionale ACI Sport (con documentazione che porterà la sigla ACI/RIVS), può essere difatti visto come il primo passo di un dialogo lungimirante che, partendo dalla definizione dei reciproci ruoli e competenze, porterà RIVS e ACI a proporre numerose novità per gli appassionati.
Significative le parole dei due presidenti: “Siamo molto soddisfatti. Questo accordo è la conclusione di un percorso di dialogo e di una trattativa, durata diversi mesi, che ha portato frutti importanti tra cui il riconoscimento da parte dell’Automobile Club delle competenze e del ruolo assunto da RIVS nel mondo dei veicoli storici.” Queste le parole di Rossano Nicoletto, Presidente RIVS confortato dallo stesso Sticchi Damiani che ha tenuto a precisare che “ACI non si muove a caso e stringe accordi solo con Associazioni che hanno dimostrato il proprio valore e che rispettano i ruoli. Enti che possono avere priorità diverse, ma al tempo stesso scopi e obiettivi comuni”.
“RIVS ha sempre riconosciuto la leadership indiscussa di ACI Sport nell’organizzazione di eventi sportivi motoristici, tra cui il GP di Monza di Formula Uno salvato proprio dall’azione del Presidente Sticchi” ha aggiunto Nicoletto che ha inoltre tenuto a sottolineare come questa sia solo una tappa nello sviluppo dei rapporti con ACI e del progetto di rinnovamento del motorismo storico che entrambi gli attori intendono perseguire: “Altri sbraitano e si agitano senza costrutto o peggio ancora tramano nel buio. ACI e RIVS agiscono in maniera chiara, diretta e alla luce del sole”. Una coesione d’intenti con una prospettiva di medio/lungo termine per affrontare le sfide del mondo dell’automotive in Italia, con un occhio di riguardo verso il mondo del motorismo storico, che ACI e RIVS possono rendere migliore.

Arriva l'11° Maggiolino Show di Natale



Il Club Volkswagen Italia, con il Patrocinio del Comune di Brisighella, e grazie alla disponibilità e collaborazione dell’Arma dei Carabinieri, che parteciperà al fine di assicurare il regolare svolgimento della manifestazione, organizza sabato 9 dicembre 2017 l’ 11° Maggiolino Show di Natale a
Brisighella (RA). Proprio qui, in uno dei Borghi più belli d’Italia, perla del Parco Regionale della Vena dal Gesso, si potranno così ritrovare tutti gli appassionati della storica VW, grazie anche agli sponsor, Partner e Contributor dell’evento, come la Fiorucci Salumi, la Carrozzeria City Car
Volkswagen e la Franzoni Auto Divisione Classic.
Si tratta di un evento incontro, per festeggiare tra tanti maggiolinisti provenienti da ogni parte d’Italia le prossime festività natalizie con scambio di auguri e regali.
E’ previsto l’arrivo e sistemazione delle vetture partecipanti in Piazza Marconi, nel centro storico di Brisighella con accoglienza ed iscrizioni nella sala Consigliare del Comune. Dopo i saluti del Sindaco Missilori, inizierà la visita guidata presso la Rocca-Museo. Rientrando attraverso la suggestiva Via
medioevale degli Asini, vi sarà una degustazione dei prodotti tipici del territorio e dell’Olio Brisighello. Percorrendo un tour sulle colline del Parco Regionale della Vena del Gesso Romagnola, si perverrà infine ad un conviviale pranzo al Convento Emiliani di Forgnano con premiazioni e sorteggi. In tale contesto saranno presentate le iniziative 2018 tra le quali la 19^ edizione del Maggiolino Show di Cecina ed il Raid sull ‘”Eagle Nest”, il Nido dell'Aquila, noto anche come Kehlsteinhaus un rifugio alpino della Germania, situato nell'Obersalzberg delle Alpi bavaresi di Berchtesgaden a una ventina di chilometri dalla città austriaca di Salisburgo.
Al fine della migliore organizzazione, il numero dei partecipanti non potrà andare oltre a quanto previsto. Ad oggi già 20 vetture hanno confermato la presenza. Gradita pertanto una urgente conferma per prenotazione, segnalando tipo vettura e numero di partecipanti.
Per informazioni : www.clubvolkswagenitalia.it
                   segreteria@clubvolkswagenitalia.it
                   info : 335 6150500

HIT PARADE 2017 AL MUSEO DELL'AUTOMOBILE



Arriva alla seconda edizione Hit parade, la mostra organizzata dal Museo Nazionale dell'Automobile in collaborazione con Paratissima che raccoglie le opere dei 33 artisti più rappresentativi che hanno animato le due ultime edizioni della vetrina torinese dedicata ai talenti emergenti dell’arte, della moda e del design.
Trentatré autori esprimeranno il loro talento attraverso altrettante forme che dialogheranno con la collezione permanente del Museo, a sua volta organizzata per raccontare la storia della creatività applicata alla mobilità e al Car Design. La mostra ufficiale sarà arricchita da una speciale sezione
dedicata alle sculture più significative delle tante edizioni di Paratissima e dalle opere di due ospiti internazionali: la Chiangrai Ferrari dell’artista tailandese Anon Pairot e le stravaganti illustrazioni dell’artista giapponese Tomohiro Todoroki.
La mostra sarà aperta al pubblico da venerdì 24 novembre 2017 a domenica 21 gennaio 2018.

L'AISA e il Fiat 500 Club Italia al Museo dell'Automobile di Torino


Quest'anno è un’importante ricorrenza per la storia dell'automobilismo italiano: la Fiat 500 compie sessant'anni. L'AISA – Associazione Italiana per la Storia dell'Automobile – dedica a questo rilevante traguardo una Conferenza che si terrà sabato 18 novembre alle ore 10.00 presso il Museo Nazionale dell'Automobile di Torino. La Conferenza vuole mettere in evidenza alcuni temi importanti legati allo sviluppo e alla
diffusione di una delle automobili più famose di tutti i tempi, dedicando particolare spazio anche agli aspetti di cui si è parlato meno, come la sua presenza nelle corse e le sue interpretazioni da parte dei carrozzieri.
L'ingegner Lorenzo Boscarelli, presidente AISA, parlerà del contesto storico e sociale nel quale la 500 è stata concepita; l'intervento dell'architetto Roberto Giolito, responsabile di FCA Heritage, ha per titolo “500 - Back to the future” e racconterà come lo stile della 500 classica è stato reinterpretato nella 500 attuale; l’ingegner Lorenzo Morello dedicherà il proprio intervento agli aspetti tecnici e progettuali; l'architetto Alessandro Sannia offrirà una panoramica sulle numerose e variegate interpretazioni della 500 da parte dei carrozzieri; il dottor Renato Donati parlerà, invece, della presenza della 500 nelle competizioni. Concluderà la Conferenza il dottor Carlo Giuliani, Vice-Presidente del Fiat 500 Club Italia che parlerà de “Il mito della 500”.
Alcuni esemplari di Fiat 500 particolarmente significativi saranno esporti in occasione della Conferenza, grazie alla collaborazione del Fiat 500 Club Italia.
La Conferenza è aperta a tutti gli appassionati e la partecipazione è libera fino ad esaurimento posti.

mercoledì 15 novembre 2017

LA WINTER MARATHON SI PRESENTA AL CENTRO PORSCHE DI BRESCIA

Il conto alla rovescia è iniziato: dal 18 al 21 gennaio sarà di nuovo tempo di Winter Marathon. La classica manifestazione invernale di regolarità per auto storiche si presenta come non mai ricca di novità grazie al rinnovato supporto del Centro Porsche Brescia - Gruppo Saottini Auto. Dalle ore 19.00 di venerdì 24 novembre la splendida cornice della moderna concessionaria di Desenzano del Garda ospiterà per l'undicesimo anno consecutivo la conferenza stampa di presentazione della gara, inserita a calendario ACI Sport, in programma come da tradizione a Madonna di Campiglio. Durante la serata verranno presentate le numerose novità della 30ª edizione dove Centro Porsche Brescia sarà Main Sponsor e partner attivo con il proprio supporto tecnico e con alcuni dei più importanti modelli della casa tedesca destinati all'organizzazione e come vetture al seguito.

TEAM BASSANO SUL PODIO AL VALPANTENA



Il Team Bassano coglie un’altra bella soddisfazione dal settore della regolarità grazie alla prestazione di Andrea Giacoppo tornato in gara nella “sport” alla guida della Lancia Fulvia HF 1.6: il vicentino, ben coadiuvato dal veronese Cristiano Torreggiani, ha conquistato un importante secondo posto assoluto al Revival Valpantena, la gara top del settore, dopo un’avvincente sfida coi più forti equipaggi della specialità.

All’evento veronese hanno, inoltre, preso parte altri dieci equipaggi, quasi tutti arrivati al traguardo dopo le due giornate di gara; scorrendo la classifica, in trentatreesima posizione troviamo l’Opel Kadett Gt/e di Dario Casonato e Paolo Guaraldo e una seconda Kadett, quella di Luca Cattilino navigato dal figlio Filippo, quarantaseiesimi al traguardo di Grezzana. Gradino numero sessantatrè per la Fiat 131 Abarth di Renzo Pellegrin e Giorgio Pesavento, mentre il settantuno è appannaggio della Peugeot 309 Gti di Italo Ferrara e Simone Stoppa. Ottantunesimi sono Paolo e Matteo Viola con la Mercedes 190 2.3 e ottantacinquesimi chiudono Danilo Pagani e Adriano Beschin anch’essi con una Fiat 131 Abarth, vettura protagonista dell’edizione 2017 del Revival; chiudono gli arrivi la Renault 5 Gt Turbo di Giuseppe Artasensi e Angelo Porcellato seguita dalla Talbot Sunbeam TI di Maurizio Zaupa e Flavio Finato. Mancano invece all’appello, le Fiat 131 Abarth di Andrea e Nicola Bonadei e di Massimiliano Girardo con Elio Baldi. Quinta posizione per il Team Bassano, nella classifica delle scuderie.
Notizie e aggiornamenti al sito web www.teambassano.com

Ultimi giorni per iscriversi al Tuscan Rewind Historic



Ultimi giorni per inviare le iscrizioni all’ottava edizione del Tuscan Rewind Historic che si svolgerà in contemporanea con rally per auto moderne e alla gara di regolarità sport, l’unica in Italia a disputarsi su prove dal fondo sterrato.
E’ infatti stata fissata alle 24 di giovedì 16 novembre, la data della chiusura delle iscrizioni e come spesso succede, saranno proprio gli ultimi giorni quelli in cui perverranno molti moduli a completare il mosaico degli iscritti all’atteso evento che coinvolgerà per quattro giorni Montalcino e i suoi dintorni.

Se per il rally auto moderne è il T.E.R. a dare lustro alla competizione, per il settore delle auto storiche, oltre agli attesi protagonisti che si giocheranno le posizioni di rango, vi sarà per il terzo anno consecutivo la “Coppa A112 Abarth terra” riservata ai piloti già iscritti al Trofeo A112 Abarth Yokohama che, dopo essersi sfidati sugli asfalti di mezza Italia, promettono ancora spettacolo ed agonismo sul fondo sterrato del Tuscan con già cinque le A112 iscritte.
Ma anche nella gara di regolarità sport il Tuscan Rewind saprà distinguersi visto che, grazie all’azzeccata intuizione del 2016, è l’unica gara del settore a proporre un percorso interamente su fondo sterrato, permettendo anche a chi ha una vettura stradale – come previsto dal regolamento della regolarità sport – di divertirsi su un percorso inimitabile. Ma non è tutto: a Montalcino, si decideranno anche i giochi della seconda edizione del Trofeo Tosco Emiliano – Regularity Sport Cup, Serie riconosciuta Acisport dedicata alla “sport” e comprendente, oltre al Tuscan Rewind, altre quattro gare tra Toscana ed Emilia Romagna; la classifica dopo le quattro prove disputate vede a giocarsi il titolo i detentori Bacci e Monciatti su Fiat 128 Sport Coupè che sono al comando della classifica, e i secondi Argenti e Amorosa su Porsche 911, gli unici a poter ancora puntare alla vittoria finale.
Documenti ed ulteriori informazioni al sito web www.tuscanrewind.com

martedì 14 novembre 2017

Palladio Historic trionfa al Revival Valpantena



Non paga degli ottimi risultati ottenuti nella stagione in corso soprattutto nel settore della regolarità, la Scuderia Palladio Historic, ha piazzato la classica ciliegina sulla torta in occasione del recente Revival Rally Club Valpantena giunto alla quindicesima edizione, grazie alla stupenda vittoria ottenuta da Diego e Fabio Coghi con l’Opel Ascona 400. Il duo mantovano è stato autore di una gara perfetta chiudendo la prima tappa in seconda posizione per poi passare in testa dal primo impegno col cronometro del sabato, difendendosi dagli attacchi degli avversari e rafforzando contemporaneamente la leadership fino al definitivo trionfo sul palco di Grezzana. A completare l’importante risultato hanno contribuito Mauro Argenti e Roberta Amorosa davvero efficaci con la BMW 2002 Tii che hanno portato sul terzo gradino del podio assoluto, e anche Maurizio Senna e Lorena Zaffani, buoni quinti assoluti anch’essi su BMW 2002 Tii, dopo aver chiuso in testa la prima frazione del venerdì.
Scorrendo la classifica dei centoquarantuno equipaggi regolarmente arrivati, un buon diciottesimo assoluto ha premiato la gara di Ezio Franchini e Gabriella Coato con la Volkswagen Golf Gti, mentre in trentaseiesima posizione si è piazzata la Lancia Fulvia Coupè 1.3 di Antonio Carradore ed Alessandro Rosa; chiudono, invece, sessantaduesimi Andrea Cazzola e Roni Liessi con la BMW 325i.
All’appello mancano la Lancia Delta Integrale di Alessandro Ferrari e Piero Comellato e l’Opel Kadett Gt/e di Nico e Riccardo Pellizzari ambedue ferme anzitempo per problemi meccanici.
A suggellare la grande giornata per la Palladio Historic, è arrivata infine la prestigiosa vittoria anche nella classifica delle scuderie.




Mozzi-Biacca alla 100Miglia di New Orleans con la Ferrari più vecchia al mondo


Giordano Mozzi e Stefania Biacca sono in partenza per New Orleans dove nel prossimo fine settimana correranno come Ospiti d'Onore la gara 100Miglia di New Orleans, partiranno col numero uno, ma soprattutto saranno al volante della Ferrari più vecchia al mondo; la Ferrari 159C telaio nr 002 del 1947.
Questa è la seconda Ferrari prodotta da Enzo Ferrari nella sua storia, quando ancora la Ferrari era composta da solo 8 operai, ed è la più vecchia al mondo ancora in circolazione e da tutti riconosciuta, dal momento che la telaio nr 001 non esiste più..
Questa vettura nasce nel 1947 come Ferrari 125C (dove C sta per Competizione), ma solo dopo due mesi viene modifica nel motore (maggiorazione di alesaggio e corsa) da Ferrari stesso per renderla ancora piu competitiva e diventa 159C; dopo poco viene ulteriormente maggiorata nella potenza per correre la MM e diventa 166C Spider Corsa, sempre rimanendo sullo stesso telaio 159C nr 002 (identificazione che ancora oggi la riconosce nel mondo).
Questa vettura corse in tutto il mondo per vari anni e corse anche la MM del 1949 con Cortese, ma per noi mantovani è anche molto interessante il fatto che questa auto corse anche a Mantova, il 13 giugno del 1948 su Circuito del Te con Gabriele Besana, arrivando nona assoluta.
Attualmente è di proprietà di un noto collezionista americano, che a suo dire è "...ben lieto di metterla a disposizione dell'equipaggio di auto storiche più famoso e bravo al mondo".
Aggiunge Giorano Mozzi  "dopo aver avuto l'onore di guidare in questi anni davvero tante meravigliose e straordinarie auto storiche, guidare anche la Ferrari più vecchia al mondo avrà un sapore speciale".

lunedì 13 novembre 2017

MOTOR SHOW INCONTRA

LIST NAVIGATION

SABATO 2 DICEMBRE ALLE 10:00 - 11:30 PRESSO
Palazzo della Cultura e dei Congressi Bologna  al MOTORSHOW BOLOGNA si terrà il

CONVEGNO INAUGURALE: CINA MERCATO CHIAVE DELL’AUTOMOTIVE, LA SFIDA DELL’ELETTRICO: OPPORTUNITA’ PER LA FILIERA ITALIANA

Un'occasione importante per confrontarsi con il mondo dei motori e delle nuove tecnologie!

“7° Spiedo Bresciano e Auto Storiche Inglesi”… e bollicine Franciacorta alla salute di Teofilo Folengo







Come iniziativa sembra molto eterogenea, ma in realtà coglie in pieno lo spirito che deve animare sempre tutti i raduni di auto storiche: lo stare insieme con piacevolezza e compagnia per divertirsi. con qualche concessione al palato e alla cultura! E' così per il 7° Spiedo bresciano, organizzato dal British Motor Club presso il Museo Mille Miglia il 12 novembre. Nell'occasione, erano presenti una quindicina di vetture Inglesi:  Triumph Spitfire, TR3 bocca stretta ed A e le sue concorrenti MG A in soluzione coupè. Presenti due ammiraglie : una Daimler Majestic del 1958 e Rolls Royce Silver Shadow.  Sempre ammirata la Aston Martin DB6 del 1966. Particolare, anche se “moderna” una Royale Sabre del 1985 a fianco di una Lotus Elan.  Come Franzoni Auto Divisione Classic (www.franzoniauto.com) ne abbiamo approfittato per mettere in strada per la sua prima uscita pubblica, una Triumph TR4 Sport del 1963.
Dopo una piacevole visita guidata, dal Presidente dell’Editoriale Delfo, Francesco Chiolo, al Museo Mille Miglia la parte culturale è proseguita con una veloce conferenza del Professore Otello Fabris che ha sviluppato la propria formazione umanistica dedicando parte del suo tempo sullo studio della letteratura macaronica e della storia della gastronomia.  Tema del giorno : Gerolamo Folengo in occasione del 526 compleanno dalla nascita (08/11/1491). 
Gerolamo Folengo, più conosciuto come Teofilo Folengo o con gli pseudonimi Merlin Coccajo, Merlin Cocai o Limerno Pitocco (Mantova, 8 novembre 1491 – Campese, 9 dicembre 1544), è stato un poeta italiano, tra i principali esponenti della poesia maccheronica.
All'età di sedici anni entrò nel monastero di Sant'Eufemia, ora sede del Museo Mille Miglia e diciotto mesi dopo entrò a far parte dell'ordine benedettino.
Nel 1538 divenne priore della chiesetta di Santa Maria del Giogo, in vetta al monte di Sulzano. Qui sul Lago d'Iseo, il poeta avrebbe completato un singolare ricettario, il Doctrinae cosinandi viginti.
Ecco in sintesi il perché di questa conferenza, in questa data ed in questo contesto, nella quale si è parlato anche di cucina dell’epoca, anticipazione della giornata culinaria alla Bresciana.
Prima di partire verso “lo spiedo” si è tenuto un aperitivo a buffet presso la “Taverna Mille Miglia”.  Dotati quindi tutti gli equipaggi di Road Book dettagliato, la colonna di storiche vetture inglesi è partita alla volta di Bione in Valsabbia (BS) attraversando il Colle di Sant’Eusebio con infine destinazione la “CA’ Rosada” a Bione. Questo caratteristico paesino è collocato in una posizione incantevole che domina dall’alto la valle del Vrenda, nota anche come “Conca d’Oro”.
Nel fare i complimenti a Simone Chiolo, Presidente del British Motor Club, due parole sulla nostra compagnia di Viaggio testata dal nostro Tecnico e Collaudatore Matteo Forti: Triumph TR4 Sport del 1963. Come sappiamo questa vettura è stata disegnata da un italiano Michelotti ed esistono anche di questa serie esemplari che sono stati assemblati in Italia. La nostra è stata regolarmente prodotta a Coventry ed importata in Italia nel 1963. Fu acquistata da un impiegato di primo livello, classe 1905 (58 enne) al prezzo di 2.250.000 lire. Per dare un’idea del valore di allora, basta pensare che con quella cifra, ci si comprava due, dico due, Fiat 1100 D e rimanevano ancora circa 300.000 lire. Oppure si potevano comprare quattro, dico quattro, Fiat 500 D e rimanevano ancora 270.000 lire.  Nella prova su strada, la vettura ha evidenziato la maggiore abitabilità dello spazio interno rispetto alla TR3. Precisa nello sterzo, con un cambio diretto senza giochi, la vettura ha inoltre sfoderato la sua elasticità che ha permesso più volte di affrontare tornanti in terza marcia. La frenata è sicura grazie ai freni a disco anteriori, mentre è sempre prudente (il discorso vale per tutte le vetture storiche),  guidare in difesa, nelle curve strette sul bagnato, al fine di evitare derapate di coda. La vettura, con la sua rigidità tipica del modello, ha superato il nostro collaudo ed è pertanto pronta per trovare un nuovo proprietario seguendo la filosofia del compianto Luciano Nicolis creatore del Museo Nicolis di Villafranca, che disse : ““Noi non siamo proprietari di tutto questo, ne siamo i custodi per il futuro”.  Il nostro scopo, non potendo collezionarle tutte, è quello di trovare l’appassionato che saprà prenderne cura”.  Per chi volesse contattarci  : divisioneclassic@franzoniauto.it 

mercoledì 8 novembre 2017

DIEGO VALENTE HA VINTO IL RALLY PIANCAVALLO STORICO




Si fa presto a dire che bisogna tenere a freno le emozioni. A pochi minuti dalla fine della sesta e ultima prova speciale del 31° Rally Piancavallo Storico, andato in scena sabato 4 novembre con la simbolica partenza alle 18.30 da Contrada Maggiore, davanti al municipio di Pordenone, e terminato nello stesso luogo alle 17.00 di domenica 5 novembre alle 17.00, Diego Valente faceva fatica a realizzare che aveva appena vinto l’edizione 2017. Nato il 20 dicembre 1980, Diego ha respirato odore di benzina fin da piccolo perché papà Ovidio correva con una Opel Ascona. Poi le auto sono entrate nella vita di tutti i giorni di Diego, che è un soccorritore stradale. Ecco le sue parole a caldo: «Faccio ancora fatica a rendermi conto di avere vinto il Rally Piancavallo. Mi sembra un sogno. Da bambino lo andavo a vedere. C’erano le Lancia Delta che mi facevano sognare e mai avrei pensato di vincere un giorno la stessa gara proprio con una Lancia Delta. Dedico la vittoria a mio padre e a tutta la famiglia, senza dimenticare Giorgio Reffo, il mio copilota che è qui accanto a me con il quale sto condividendo questa grande gioia». Diego Valente è stato in testa dalla prima all’ultima delle sei prove speciali in programma. Dalla sua ha avuto sin dal via un’auto perfetta e delle gomme performanti con un’auto dotata di trazione integrale su strade a scarsa per via della pioggia caduta fin dalle prime ore della domenica. Chi lo poteva contrastare si è perso per strada, a cominciare dalla coppia Carniello-Turatti, anche loro su Lancia Delta 16V, fermi nella prima prova a causa della rottura di un tubicino da 10 euro. Il guasto ha fatto inondare di olio il vano motore. Ritirato anche Andrea De Luna, il quale, partito già febbricitante a causa di una forma influenzale, è stato autore di un testacoda alla seconda prova a Pala Barzana. La sua Bmw M3 ha messo le ruote anteriori in un fossetto dal quale non è stato più possibile uscire perché non c’era pubblico presente in quel luogo. Non sarebbe stata per lui comunque una gara facile in quanto aveva due sole ruote motrici. Chi poteva ambire a giocarsela era Riccardo Bianco, anche lui su un’auto a trazione integrale, una Sierra Cosworth 4x4. Ma il ritmo imposto da Valente è stato proibitivo per tutti; Bianco-Barbieri hanno così concluso al secondo posto, davanti a Nodari-Nodari su Bmw M3, i primi nella “virtuale” classifica delle auto a due sole ruote motrici. Quarta piazza per una coppia di pordenonesi doc (a dire il vero la copilota nonché moglie del pilota è udinese di nascita) formata da Michele Doretto e Barbara Arcangioli. Dopo la terza prova i due sembravano in grado di attaccare per salire sul terzo gradino del podio. Poi sono andati un po’ indietro e i due, su Honda Civic, hanno pure pagato un ritardo perché costretti a cambiare le gomme in quanto avevano montato dei cerchi non adatti. Il ritardo di 40” non ha comunque influito sulla classifica finale. Dei 31 equipaggi partiti se ne sono ritirati 8, e pertanto se ne sono classificati 23. Il Rally Piancavallo Storico ora guarda avanti. Nei giorni precedenti l’evento si è saputo che la gara nel 2018 sarà riserva di campionato italiano, del quale faceva già parte. La città di Pordenone ha risposto in modo spettacolare all’evento, e di ciò va dato merito al sindaco Alessandro Ciriani e all’assessore Walter De Bortoli che hanno creduto nel ritorno in centro storico della corsa. Soddisfazione è stata espressa da Fabrizio Grigoletti, presidente della Scuderia Sagittario e da Corrado Della Mattia, presidente dell’Aci Pordenone, che mette la licenza di organizzatore.
Stefano D’Arsié e Leonardo Forin su Autobianchi A112 Abarth 70 Hp della Scuderia Pn Corse hanno vinto la gara di regolarità sport con 71 penalità davanti a Sandrini-Mezzavilla su Alfa Romeo Alfasud Sprint con 268 e a Ziliotto-Niero su Opekl Kadett Gt/e con 438. Sono stati 8 gli equipaggi classificati. A Sergio Reffo, copilota del vincitore, è stato consegnato il trofeo intitolato alla memoria di Maurizio Perissinot, indimenticato “padre” del Rally Piancavallo. Glielo ha consegnato la moglie Michela.

5° COPPA CITTA' DI SOLESINO A GIACOPPO-GRILLONE




Si è svolta domenica 5 novembre la quinta edizione della Coppa Città di Solesino, gara di regolarità turistica, organizzata dalla locale Scuderia Ruote Storiche Solesino. E' stata una scelta coraggiosa attuata dai componenti dell'associazione, a caratterizzare lo svolgimento della manifestazione di quest'anno, a partire dal cambio radicale del percorso che è stato tracciato nel circondario della cittadina della bassa padovana, proponendo un tracciato tutto pianeggiante che si sviluppava su strade semisconosciute giudicate molto piacevoli da percorrere, dalla maggioranza degli equipaggi iche hanno percorso per tre volte l'anello lungo il quale è stata riproposta, dopo l'esordio del 2016, la prova nella zona industriale di Stanghella. Fuori dagli schemi anche la parte competitiva, se confrontata con altre manifestazioni della stessa tipologia: erano infatti in programma ben ventisette rilevamenti, molti dei quali concatenati tra loro.
Ottantuno gli equipaggi verificati, due terzi dei quali al via con auto storiche costruite sino al 1990: numero inferiore alle precedenti, edizioni ma con un elenco che proponeva nomi illustri della specialità e almeno una mezza dozzina che poteva puntare alla vittoria assoluta, oltre a tre “top-driver” che da regolamento non possono figurare nella classifica ufficiale.
Sotto un cielo che non promette nulla di buono, ma che almeno nella prima parte di gara risparmia l'annunciata pioggia, sono i friulani Del Pin e Parolin su Alfa Romeo Giulia Gt Junior a mettersi in evidenza nelle prime battute di gara, ma a metà del percorso saranno costretti al ritiro mentre  si trovavano alle spalle di Giacoppo e Grillone Tecioiu, passati al comando con la Mercedes 230 SL a circa un terzo di gara, tirandosi in scia la Fiat 128 dei vincitori 2014 e 2016 Turri e Frascaroli.
A metà giornata la lotta sembra ristretta al duo di testa, staccato di pochi centesimi, mentre sono quasi il doppio delle penalità sommate da Rugo e Varaschini che seguono in terza posizione.
Il susseguirsi delle concatenate mantiene alta la concentrazione degli equipaggi che vengono anche disturbati dalla pioggia, ma la situazione al vertice non cambia ed il traguardo nuovamente situato presso la bellissima Villa Ca' Conti di Granze, vede arrivare vincitore l'equipaggio della Mercedes iscritta coi colori del Team Bassano.
E' gioia grande per Andrea Giacoppo e Daniela Grillone Teciou, prossimamente mamma, che si aggiudicano la non facile gara con 12 penalità di vantaggio su Giacomo Turri e Marco Frascaroli su Fiat 128 berlina e 73 in meno di Carlo Rugo e Paola Varaschini su Porsche 356 BT5.
Ai piedi del podio, Maurizio Pozzan e Paolo Antonio Saletti anch'essi su Porsche 356 e in quinta posizione chiudono Luigi Ferratello e Lorenzo Franzoso su Fiat 128 Sport Coupè. L'assoluta vede poi Dario Converso e Giancarlo Piana, sesti su Autobianchi A112 Abarth, Francesco Bragantini e Maurizio Farsura settimi su Lancia Fulvia Coupè. La top ten viene completata da Davide e Daniele Giaccarello, ottavi su Fiat Uno Turbo, Paolo Trivellato e Alessandro Zandonà noni su BMW 320 is e Fabio Sorgato con Alberto Schiavon decimi su Peugeot 205 Gti. A Monica Cadan e Silvia Bertin su Fiat 128 Sport Coupè la vittoria nella classifica femminile e alla Padova Autostoriche quella delle scuderie.
Tra le vetture moderne il successo è andato alla BMW 330 cabrio di Corrado Minussi e Paolo Perego che hanno preceduto di 24 penalità la Peugeot 205 Gti di Fabio Barison e Adriano Paggiarin e di 56 la Renault Clio 16V di Enrico Susto e Marco Serafini. Michela e Marica Corazzari su Fiat 500 Sporting sono le vincitrici della classifica femminile.
Al termine della gara ed in attesa dell'ufficializzazione delle classifiche, gli equipaggi sono stati accolti nella prestigiosa villa dove ad attenderli c'era un ricco buffet che ha confermato una volta di più l'attenzione verso gli equipaggi partecipanti, ma anche ai numerosi collaboratori, da parte della Scuderia Ruote Storiche Solesino.
Alle 18, come da programma, sono iniziate le operazioni delle premiazioni alle quali hanno presenziato i primi cittadini di Solesino e di Granze e tra gli ospiti hanno fatto la loro comparsa sul palco la ignora Bianca Poli Cavallari che ha consegnato nelle mani di Flaviano Polato, una propria opera realizzata per festeggiare i settant'anni dalla fondazione dell'Autoscuola Polato.
Lo stesso Polato, vero animatore del gruppo che ha lavorato per mesi alla guida del Presidente Simone Checchetto, in chiusura ha ringraziato i numerosi sostenitori, i rappresentanti delle Scuderie e Associazioni Sportive, e le istituzioni che hanno permesso lo svolgimento di un'apprezzata quinta edizione della Coppa Città di Solesino.

AL VIA IL 15° REVIVAL RALLY CLUB VALPANTENA



Giovedì 9 novembre dalle ore 15:00 con le verifiche sportive e tecniche nella suggestiva cornice della Alberti Lamiere a Grezzana (VR) prenderà il via il Revival Rally Club Valpantena. In una cornice unica, che farà rivivere le emozioni degli anni Settanta e Ottanta, oltre alle vetture da corsa, il Comitato Organizzatore ha predisposto anche altri spazi dedicati a tante iniziative che ruotano intorno al mondo dei rally.
Corner importante quello dedicato ai fotografi ufficiali RaceEmotion Photography dove sarà possibile anche partecipare ad un sondaggio di gradimento preliminare alla realizzazione di una pubblicazione fotografica esclusiva relativa alla storia del Revival Rally Club Valpantena.
Tra gli altri stand immancabile spazio per i video dal mondo dei rally, a cura di Videosì, e poi ancora la presentazione di volumi dedicati alle auto d'epoca e al rallysmo degli anni d'oro e la conferma della pista slot cars con percorsi disegnati a richiamare le caratteristiche delle prove del Revival, ovviamente affrontante da modellini in stile “retro”.
Spazio anche all'associazione “Save Moras Italia”, impegnata nella sensibilizzazione alla donazione del midollo osseo per la lotta alle leucemie. Grazie alla collaborazione che il Rally Club Valpantena ha instaurato con questa realtà, alle ore 20:00 saranno ospiti della serata inaugurale Vangelis Moras, fondatore dell'Associazione ed ex difensore dell'Hellas Verona, e una rappresentanza delle due società calcistiche veronesi che militano in Serie A: l'Hellas Verona e il Chievo Verona, con team manager e giocatori.
La famiglia Alberti curerà l'ospitalità enogastronomica per tutti i presenti, un'iniziativa che nel corso degli anni ha permesso di trasformare la serata dedicata alle verifiche sportive e tecniche in una vera e propria festa per l'automobilismo d'epoca, un momento di aggregazione per tutto il territorio al di là del solo evento sportivo in corso. 
«Il nostro speciale ringraziamento va alla famiglia Alberti che anche quest'anno ci permetterà di proseguire una tradizione oramai fondamentale del Revival Rally Club Valpantena: la serata di apertura» ha detto Roberto “Bob” Brunelli, presidente del Comitato Organizzatore. «Sarà il giusto inizio di un weekend intenso ed indimenticabile. Raccomandiamo come sempre a tutti gli appassionati di parcheggiare ordinatamente ricordando che gli spazi interni alla Alberti Lamiere saranno ad uso esclusivo dei concorrenti e del personale di staff»
La serata inizierà alle ore 15:00 e proseguirà oltre la chiusura delle verifiche tecniche, prevista per le ore 21:30.

AMBER TROPHY 2018 FESTEGGIA MALTA CAPITALE EUROPEA DELLA CULTURA



 Dal 21 aprile al 1 maggio da Vicenza all'Isola di Malta! Questa la nuova, grande iniziativa dell'Amber Trophy, che per la sua seconda edizione lancia una iniziativa di grande divertimento per gli appassionati di auto storiche. Si partirà il 21 Aprile da Vicenza verso Rimini (prima tappa) per proseguire poi verso L'Aquila e Matera (seconda e terza tappa) e poi ancora Crotone e Catania dove ci si fermerà per un giorno per esplorare l'Etna. Da Catania con il traghetto si raggiungerà l'isola di Malta dove la sosta sarà di tre giorni. Quindi ritorno in traghetto a Catania, trasferimento a Palermo e traghetto per Genova dove si arriverà il 1° maggio.
Per info: 3483144897

RIPRENDONO I CORSI DELL'ACCADEMIA DEL RESTAURO




Riprende l'attività dell'Accademia del Restauro Veicoli Storici di Padova! Ecco il calendario  dei prossimi corsi di restauro.
- Introduzione al restauro
18/11/2017 - ore 9 - 18 presso TECNA Formazione
                                                 Via Savelli 128 Padova
02/12/2017 - ore 9 - 18


- Tecniche di battilamiera applicate al restauro
 18/11/2017 - ore 9 - 18 presso C.T.V. /C.a.pa.
                                                   Via San Marco 47 Padova
02/12/2017 - ore 9 - 18




per info:
Nicola Verdicchio
Accademia del restauro dei veicoli storici
Cna Padova Via Croce Rossa 56 Padova
t. 049 806.22.59 f. 049 807.71.85 m. 333 2169560
pag. Fb Accademia restauro veicoli storici
www.pd.cna.it http://www.pd.cna.it/autoriparatori1.php

ECCO UN EVENTO DA NON PERDERE: REGOLARITA' IN PISTA


Organizzato per Domenica 12 novembre prenderà il via alle ore 10. il primo evento "REGOLARITA' IN PISTA". L'evento si terrà sulla Pista Alberone a San Pietro al Natisone (PN).

IV^ EDIZIONE DEL TROFEO D’AUTUNNO DEL CLUB MOTORI STORICI LUMEZZANE


Ha preso il via dal Piazzale delle Scuole Bachelet di Lumezzane San Apollonio, il Trofeo d’Autunno, terzo e conclusivo evento, per l’attribuzione degli importanti premi facenti parte del Trofeo Sociale 2017 del Club Motori Storici Lumezzane A.S.D.  Si tratta sempre di un evento non agonistico, ma di allenamento in chiave dimostrativa dell’attività dello sport della regolarità storica. Al via 25 equipaggi costituiti da vetture di interesse storico costruite entro il 1985. Ben distribuito l’assortimento che spaziava dalle mitiche Fiat 500 alle ultime Autobianchi A 112, passando dalle divertenti Innocenti Mini, arrivando alle sempre apprezzate Lancia Fulvia coupè, tra le quali una 1600 HF lusso, nonché una 2C berlina. Alfa Romeo rispondeva con la “fidanzata degli italiani” la Giulietta e Giulia Spider, lo Spider coda tronca, popolarmente chiamato Duetto (anche se in realtà tale nome sarebbe valido solo per la prima serie conosciuta come osso di seppia), Giulia Nuova Super 1300 e l’Alfetta 1,6 seconda serie, detta anche unificata, in quanto nel 1977 l’Alfa Romeo, unificò l’estetica e gli equipaggiamenti della 1,6 alla 1,8.  Questa Alfetta 1,6, messa a disposizione dalla Franzoni Auto Divisione Classic, (www.franzoniauto.com)  ha fatto anche da promoter del Progetto Mite grazie al quale ipovedenti e non vedenti, forniti di road book in braille o ingrandito, svolgono il ruolo di navigatori in gare di regolarità e rally. In questa occasione abbiamo avuto occasione di avere l’onore di avere il Presidente del Progetto Mite, Gilberto Pozza che  ha fatto da navigatore al Project Manager della Divisione Classic, Carlo Carugati.  Altro equipaggio, promoter del Progetto Mite, Angelo Seneci navigato da Luca Taesi a bordo di MG Midget. Presente anche una Triumph Spitfire 1500, che si confrontava con l’italiana Fiat X 1/9 1300 prima serie. Molto apprezzata, oltre che rara, una Fiat 1200 coupè carrozzeria Viotti del 1960 ed una Porsche 912.  Con il motto “ gustare e conoscere la bellezza di un angolo del sebino ”,  i partecipanti sono scesi prima verso Sarezzo, per poi salire a Polaveno con una stupenda vista sul Lago d’Iseo, purtroppo appannata da una grigia giornata. Si è quindi giunti a Clusane dove parcheggiate le vetture sul lungolago si è tenuta una visita guidata al Castello Carmagnola di Clusane. Il Castello di origine trecentesca fu fatto costruire dagli Oldofredi, feudatari della Franciacorta e del Lago d’Iseo, con lo scopo di dominare tutta la zona sud del lago.  Anche qui belle vedute che però si sono solo potute immaginare in giornate limpide e radiose.  All’imbrunire si è ripartiti da Clusane, eseguendo alcuni allenamenti in notturna dove le luci di limitazione dei  pressostati facevano pensare ad una linea di decollo aerea. Ovviamente più impegnativo anche la lettura serale dei rood book ed i relativi punti di riferimento esterni. Comunque,  dopo aver attraversato il centro di Gussago e salendo ai Campiani da Cellatica, si è alla fine scesi a Collebeato, dove presso la “Cantina di Irene” si è tenuta la cena conviviale, con  la consegna degli attestati di partecipazione e l’arrivederci alla Cena Sociale che sancirà i vincitori dei ricchi premi tra cui quattro iscrizioni per le edizioni 2018 a Gare titolate per il campionato italiano. Il tutto sempre con il motto “… conocere, girare e scoprire…”